Giovedì, 18 ottobre 2018 - ore 07.10

Cremona La Buca del Coboldo - evento: SERATASTRATTA

Giovedì 3 agosto 2017, dalle ore 21.00, presso il New Blue Club di via Cadore 39 – Cremona (tessera obbligatoria) si terrà il secondo evento organizzato dall'Associazione Ludica "La Buca del Coboldo".

| Scritto da Redazione
Cremona La Buca del Coboldo - evento: SERATASTRATTA

Dopo il successo dell'evento del 22 giugno – "Il Coboldo collauda", con l'autore cremonese Dario Dordoni – i Coboldi proveranno a ripetersi con un ricco menu adatto alle calde serate estive.

L'evento, dal titolo "SERATASTRATTA", sarà infatti dedicato interamente a una categoria di giochi da tavolo, i cosiddetti "astratti" (ovvero giochi che non hanno una tematica/ambientazione, in genere hanno pochi pezzi, poche regole, poca fortuna e richiedono molta abilità... facili da giocare, difficili da giocare bene). Fanno parte di questa categoria giochi tradizionali noti al grande pubblico, come gli scacchi, la dama, il backgammon.

Lo staff della Buca, con la collaborazione di Matteo Lombardi dell'Associazione Orizzonte degli Eventi, spiegherà e farà giocare a molti giochi, tra i quali:

CARNAC: un appassionante gioco – creato nel 2011 dall'italiano Emiliano "Wentu" Venturini – per due giocatori che si cimentano posizionando e abbattendo megaliti, cercando di creare il maggior numero di aree di megaliti recanti la propria runa. Sarà presente una speciale versione "gigante" del gioco.

QUORIDOR: altro gioco italiano – di Mirko Marchesi, 1997 – per 2/4 giocatori, di grande successo internazionale, estremamente profondo pur nella semplicità delle sue regole: si tratta di far arrivare il proprio pedone sulla linea finale opposta, piazzando muri per impedire agli avversari di fare altrettanto.

QUARTO: colore, altezza, forma e consistenza: quattro caratteristiche distinguono i pezzi di questo affascinante gioco del '91 di Blaise Muller, diventato un grande classico. Al giocatore il compito di scegliere quale pezzo l'avversario dovrà piazzare, a questi il compito di realizzare una riga di 4 pezzi con almeno una caratteristica in comune.

HIVE: in questo affascinante gioco di John Yianni del 2001, di cui esistono ormai campionati mondiali fisici e online su svariate piattaforme, dovrete muovere gli insetti di un alveare e cercare di accerchiare la regina nemica. Le regole peculiari di movimento, l'assenza di un piano di gioco (i pezzi vengono messi direttamente sul tavolo, uno accanto all'altro) e le moltissime strategie possibili, rendono questo gioco il degno erede degli scacchi.

GIPF: Kris Brum, l'autore dei giochi del progetto GIPF, ha fatto qualcosa di più e di diverso che creare semplicemente un gioco: ne ha creati 8, cercando di esplorare vari aspetti del gioco da tavolo, e dando la possibilità di legarli uno all'altro attraverso regole speciali. In questa serata avrete la possibilità di provare tutti i giochi del progetto (dai nomi piuttosto curiosi): GIPF (con gli allineamenti recuperi i tuoi pezzi), TZAAR (salva almeno una per tipo delle tue pedine), ZÈRTZ (una dama con le biglie), DVONN (costruisci pile con i tuoi pezzi in cima), YINSH (gira e rigira le pedine fino a quando riesci a fare cinquine), PÜNCT (costruisci un tracciato con i tuoi pezzi sovrapponibili), LYNGK (caccia al colore).

QWIRKLE: un semplice, veloce gioco per famiglie di Susan McKinley Ross, permetterà anche ai più giovani e a chi non è abituato a giocare di infierire severamente su giocatori più navigati, in un divertente gioco in cui l'obiettivo è fare punti allineando forme e colori.

QUIXO: un gioco molto semplice di Thierry Chapeau, del 1995, in cui l'obiettivo (realizzare file del proprio simbolo, una croce o un cerchio) ricorda il banalissimo "tic-tac-toe", o "tris", ma in cui la meccanica di gioco per realizzarlo proprio banale non è!

MIJNLIEFF: altro gioco di allineamento, di Andy Hopewood, altra meccanica originale, con un piano di gioco "componibile" e i pezzi che determinano le posizioni in cui l'avversario potrà piazzare i suoi…

PYLOS: in questo particolare gioco di David Royffe, del 1994, si contribuisce alternativamente, piazzando o rimuovendo una biglia, a costruire una piramide di palline. Vince chi piazza l'ultima in cima.

TRIPPPLES: in questo audace gioco di William Powers del 1972, si esplorano gli albori della piscocinetica e della programmazione delle mosse... qualcosa di affascinante anche per i giocatori più esperti.

I Coboldi sono al lavoro per ampliare ulteriormente il catalogo di giochi disponibili per questa magica serata, e promettono di includere anche giochi storici, come il millenario gioco orientale GO (nella sua versione ridotta per giocatori non esperti) e il vichingo HNEFATAFL.

Birba chi manca.

Per informazioni visitare: la pagina facebook "La Buca del Coboldo" https://www.facebook.com/labucadelcoboldo/

725 visite

Articoli correlati