Lunedì, 05 dicembre 2022 - ore 19.17

CREMONA: LA TELERIABILITAZIONE ENTRA NELLE CASE DEI PAZIENTI

PER ACCEDERE ALLA ''PALESTRA VIRTUALE'' BASTA UN TABLET PRESENTATO IL VIDEO TUTORIAL DONATO DAGLI AMICI DELL’OSPEDALE

| Scritto da Redazione
CREMONA: LA TELERIABILITAZIONE ENTRA NELLE CASE DEI PAZIENTI CREMONA: LA TELERIABILITAZIONE ENTRA NELLE CASE DEI PAZIENTI CREMONA: LA TELERIABILITAZIONE ENTRA NELLE CASE DEI PAZIENTI CREMONA: LA TELERIABILITAZIONE ENTRA NELLE CASE DEI PAZIENTI

Attivo dal 10 ottobre, il nuovo servizio domiciliare dell’Asst Cremona risponde al bisogno di presa in carico totale dei pazienti fragili che necessitano di percorsi di riabilitazione motoria.

Il progetto è stato realizzato con il contributo dell’Associazione Amici dell’Ospedale “Gianni Carutti” di Cremona

Grazie alle nuove tecnologie, la riabilitazione varca la soglia di casa e cambia le regole della cura e dell’assistenza a domicilio. Mercoledì 5 ottobre l’ASST di Cremona ha presentato la sua “Palestra virtuale”, progetto promosso dalla struttura complessa Servizi per la Domiciliarità e sostenuto dagli Amici dell’Ospedale “Gianni Carutti” di Cremona.

Si tratta di un percorso riabilitativo online per il mantenimento delle abilità motorie necessarie all’esecuzione delle attività quotidiane, da eseguire nel comfort della propria casa con o senza l’aiuto del caregiver. Composto da cinque lezioni, il video tutorial è rivolto a chi ha difficoltà a spostarsi dal domicilio, ma desidera mantenersi attivo per preservare autonomia e benessere. Per accedere basta il tablet in dotazione, fornito in utilizzo gratuito dal servizio.

Alla presentazione hanno partecipato Giuseppe Rossi (Direttore Generale ASST Cremona), Paola Mosa (Direttore sociosanitario ASST Cremona), Nadia Poli (Direttore dei Servizi per la Domiciliarità, ASST Cremona), Ida Beretta e Ugo Zegliani (Presidente e Tesoriere dell’Associazione Amici dell’Ospedale di Cremona “G.Carutti”), Martina Suardelli (Fisioterapista e referente del percorso riabilitativo).

Il nuovo servizio sarà attivo da lunedì 10 ottobre 2022. Nella fase iniziale coinvolgerà cinque pazienti afferenti ai servizi territoriali: si tratta di persone con più di 65 anni e patologie croniche, in un quadro di stabilità clinica e in possesso delle abilità cognitive necessarie a muoversi in autonomia nell’ambiente domestico.

ASSISTENZA SU MISURA

Il progetto rientra nella Convenzione tra DG Welfare di Regione Lombardia e ATS Val Padana, che recepisce l’iniziativa JADECARE (Joint Action on implementation of Digitally Enabled integrated person centred Care), promossa dall’Unione Europea per implementare e migliorare i sistemi sanitari integrando i nuovi strumenti digitali.

Come spiega il direttore sociosanitario Paola Mosa, «La teleriabilitazione non sostituisce la presa in carico ordinaria, ma la integra e la potenzia. I pazienti potranno sempre contare sull’assistenza dell’operatore di riferimento, che oltre ad impostare la terapia riabilitativa individuale si occuperà di monitorare anche le fasi successive del percorso, per adattare gli esercizi ai progressi e alle necessita dell’individuo».

«Questo progetto rappresenta un passo importante verso un nuovo modo di fare assistenza – ha precisato il direttore generale Giuseppe Rossi per questo ringrazio gli Amici dell’Ospedale di Cremona “Gianni Carutti”, che hanno saputo cogliere il grande potenziale della teleriabilitazione e ci hanno permesso di realizzare un video tutorial professionale e di facile fruizione».

GLI AMICI DELL’OSPEDALE INVESTONO NEL CAMBIAMENTO

Sostenendo questo progetto nella realizzazione del video tutorial destinato ai pazienti fragili, gli Amici dell’Ospedale “Gianni Carutti” riconfermano l’impegno costante al servizio delle persone malate: «Dopo le numerose donazioni caratterizzate da attrezzature ospedaliere e apparecchiature strumentali e diagnostiche - afferma la presidente Ida Beretta - l’associazione ha deciso d’investire in un progetto innovativo e contemporaneo, che mira a cambiare le modalità di assistenza. Siamo contenti di aver offerto un contributo pratico e decisamente utile, che consentirà a operatori sanitari e socio-sanitari di entrare nelle case delle persone e prendersi cura di loro con una modalità che risponde alle esigenze del nostro tempo. Non solo. Per gli Amici dell’Ospedale, questo progetto rappresenta anche un’opportunità per rinnovare i propri intenti ed estendere il raggio d’azione in modo integrato, dall’ospedale al territorio».

UN NUOVO MODO DI ENTRARE IN CONTATTO CON I PAZIENTI

Come sottolinea Nadia Poli (direttore SC Servizi per la Domiciliarità dell’Asst di Cremona), «L’impulso alla digitalizzazione dato dalla pandemia ha influito profondamente sull’accesso alle prestazioni sanitarie, sociosanitarie e sulla continuità delle cure, che trova nelle nuove tecnologie e nelle piattaforme social un importante alleato. È un nuovo modo di entrare in contatto con la persona e di concepire la riabilitazione al domicilio».

«La sperimentazione parte da un primo colloquio telefonico con il paziente, il suo caregiver e il medico di medicina generale, per formalizzare l’adesione al percorso. Le sedute a domicilio sono previste due volte a settimana per un mese, con la puntuale valutazione dei progressi a metà e a fine programma. È fondamentale la presenza di un caregiver, per supportare la persona nell’utilizzo degli strumenti digitali e garantire la sicurezza dei luoghi domestici.

CINQUE SEZIONI DI ESERCIZI E UN TABLET PER ESSERE AUTONOMI

Il kit video per la teleriabilitazione - messo a punto con il supporto dell’Ufficio Comunicazione dell’Asst di Cremona - consentirà la fruizione on demand dei contenuti multimediali, accessibili tramite l’app dedicata installata sul tablet, che sarà dato in dotazione ad ogni paziente. La formazione sarà estesa ai caregiver, per consentire la massima autonomia di fruizione, senza il bisogno di recarsi in ospedale. Tutti i video sono sempre a disposizione dell’utente, che potrà scegliere di visualizzarli nei momenti più congeniali, metterli in pausa e riprendere l’attività in seguito.

Il digitale apre una nuova frontiera per l’assistenza a domicilio, rendendola a misura di persona. «Il programma prevede cinque sezioni di esercizi per tutto il corpo, da ripetere in diverse posizioni per attivare i muscoli degli arti superiori e inferiori, sviluppare l’equilibrio e la coordinazione», spiega Martina Suardelli, fisioterapista e referente del progetto di teleriabilitazione. «Per eseguirli in casa bastano abiti comodi, una sedia o un tavolo, un bastone e un tappetino per gli esercizi a terra».

LA VALUTAZIONE SPECIALISTICA SI FA IN ITINERE

Durante la prima valutazione al domicilio, il fisioterapista seleziona gli esercizi più idonei per il paziente e spiega come accedere all’app per visualizzare i contenuti video, mostrando la corretta esecuzione degli esercizi. «La valutazione in itinere – aggiunge Suardelli - servirà a verificare ulteriormente l’andamento del programma e a rispondere alle eventuali domande del paziente o del caregiver, che potranno sempre contattare telefonicamente il fisioterapista del Polo Territoriale.

L’opinione di pazienti e caregiver costituirà un importante feedback per adattare il servizio e migliorarlo ulteriormente. A questo proposito saranno somministrati questionari di “Customer satisfaction” utili a raccogliere opinioni e suggerimenti di chi ha sperimentato il nuovo servizio, al fine di adattarlo e migliorarlo alle richieste dell’utenza mettendo al centro il territorio.

LA COMUNICAZIONE È PARTE DELLA CURA

La realizzazione del video tutorial per la teleriabilitazione è un esempio di come la comunicazione possa svolgere un ruolo importante all’interno dei percorsi di cura a favore dei pazienti – aggiunge Stefania Mattioli (responsabile Comunicazione e relazione esterne - ASST di Cremona). In questo caso, collaborare con i sanitari nella stesura dello story board, individuare i messaggi da veicolare, organizzare il set e rendere comprensibili e immediati gli esercizi da effettuare al domicilio per noi della comunicazione ha significato essere parte del processo di assistenza e contribuire a renderlo il più efficace possibile. I pazienti, inoltre, potranno accedere agli esercizi, da un’area riservata del canale You Tube dell’Asst di Cremoma, ecco che i social, se impiegati bene, possono fare la differenza anche all’interno della pubblica amministrazione».

PER INFORMAZIONI

Per richiedere informazioni contattare il numero 0372 408648 (dalle ore 9 alle 16, dal lunedì al venerdì) oppure inviare una e-mail all’indirizzo curesociosanitarie.cremona@asst-cremona.it 

QUI IL TRAILER DELLA TELERIABILITAZIONE:  https://www.youtube.com/watch?v=W54thf9pMAQ

236 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria