Martedì, 02 giugno 2020 - ore 13.17

Cremona, virus nelle Rsa Indagini in 8 strutture : ''Alcune persone non sono state curate''

Cremona, virus nelle Rsa: ''Alcune persone non sono state curate''Bisognerà capire «chi ha portato il lupo nel pollaio»

| Scritto da Redazione
Cremona, virus nelle Rsa Indagini in 8 strutture : ''Alcune persone non sono state curate''

Per il procuratore di Cremona, Roberto Pellicano, che ha aperto alcuni fascicoli riguardanti il diffondersi del coronavirus nelle Rsa, «è evidente che ci sono state situazioni nelle quali le persone non sono state curate»: Bisognerà capire «chi ha portato il lupo nel pollaio» ma «sarà difficile individuare responsabilità», ha detto il magistrato. Pellicano ha spiegato che, nelle perquisizioni in varie strutture (in cui il responsabili hanno fornito «la più ampia collaborazione», sono stai acquisiti «tantissimi documenti» che ora saranno analizzati. Per il procuratore, nelle Rsa «sono abbastanza convinti di aver fatto il possibile». Un possibile che «probabilmente non ha portato a grandi benefici; un possibile probabilmente insufficiente. Adesso vedremo le carte», ha concluso Pellicano.

Indagini in 8 RSA della Provincia di Cremona . Le strutture perquisite dagli inquirenti: Cremona Solidale, Cingia dè Botti, Sospiro e Casalbuttano, case di riposo dove le morti sono state circa 300, la Fondazione La Pace Onlus di via Massarotti a Cremona, la Casa di riposo “Villa Sacro Cuore – Coniugi Preyer” di Casalmorano, la Fondazione Benefattori Cremaschi di via Kennedy a Crema e la Fondazione Casa di Riposo Ospedale dei Poveri di Pandino. Dichiara il procuratore della Repubblica di Cremona Roberto Pellicano:  “E’ evidente che ci sono state situazioni in cui queste persone non sono state curate, anche per mancanza di mezzi”. Dalle RSA  oggetto di indagine. “C’è stata molta disponibilità, era già stato preparato tutto il materiale, la convinzione dei dirigenti è che sia stato fatto il possibile. Un ‘possibile’ che probabilmente non ha portato a grandi benefici, probabilmente un possibile insufficiente”. A stabilirlo sarà proprio la procura, ma i tempi non saranno brevissimi, vista la delicatezza e la complessità della questione, così come sarà difficile individuare i presunti responsabili.
1305 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria