Domenica, 15 dicembre 2019 - ore 18.48

Da sabato 7 luglio al via i saldi estivi, Confesercenti: 'Per le attività una boccata d’ossigeno'

Ma preoccupa la concorrenza dell’e-commerce.

| Scritto da Redazione
Da sabato 7 luglio al via i saldi estivi, Confesercenti: 'Per le attività una boccata d’ossigeno'

Saldi estivi 2017 al via. In Lombardia si comincia sabato 7 luglio e si proseguirà per i successivi sessanta giorni. Un momento importante per le attività che sperano in una boccata d’ossigeno per gli affari. L’Osservatorio economico di Confesercenti ha stimato una spesa media di 95 euro a persona, che potrebbe tradursi in un ammontare complessivo di vendite pari a 323 milioni di euro in regioni come Lombardia ed Emilia Romagna. Inizialmente, lo sconto applicato dovrebbe oscillare mediamente tra il 30% e il 50%.

«Il tempo dei saldi - conferma Giorgio Bonoli, direttore di Confesercenti della Lombardia Orientale sede di Cremona - è sempre delicato: rappresenta un approdo per tante realtà imprenditoriali del commercio che di fronte ad una pressione fiscale sempre

pesante possono sperare in una boccata d’ossigeno per riuscire a fare quadrare i conti».

Su questo orizzonte però si staglia l’incognita della concorrenza di centri commerciali, outlet (dove si sono registrati anche dei ribassi anticipati) e soprattutto e-commerce che nell’ultimo anno ha registrato cifre in forte crescita.

«C’è sicuramente ottimismo e speranza - spiega Bonoli - l’obiettivo è quello di fare meglio rispetto all’’estate scorsa, ma occorre tenere presente il mercato on line che purtroppo negli ultimi mesi sta acquistando sempre più terreno».

Gli fa eco il presidente di Confesercenti della Lombardia Orientale sede di Cremona Agostino Boschiroli che vede nei saldi un momento di conferma di una maggiore stabilità economica: «Dopo dieci anni di crisi durante la quale le attività sono state messe

a dura prova - afferma - questo periodo potrebbe essere la cartina tornasole per verificare l’avvio di una ripresa economica. Per lo meno è ciò che mi auguro: i segnali ci sono e nonostante i tanti competitors, i clienti dimostrano di sapere premiare certe attività basate su un contatto diretto e fidato e di volere tornare ad un commercio sì tradizionale, ma più ragionato. In questo cammino la nuova regolamentazione del settore e le campagne come “Libera la Domenica” che Confesercenti sta portando avanti con forza sono sicuramente tasselli decisivi».

509 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online