Sabato, 22 febbraio 2020 - ore 21.29

Democrazia, diritti e nuova legge elettorale per la Calabria: le richieste del CDC.

Il Coordinamento per la Democrazia Costituzionale (CDC) di Cosenza e provincia, chiede ai 4 candidati aspiranti Presidente della Regione Calabria, in vista delle imminenti elezioni del 26 gennaio 2020, che assumano impegno diretto e personale a garantire nel loro mandato politico un corretto esercizio della Democrazia e della Trasparenza a difesa della moralità pubblica e della Costituzione italiana che è stata approvata nel 1947 e vincola tutti i poteri pubblici, anche quelli regionali.

| Scritto da Redazione
Democrazia, diritti e nuova legge elettorale per la Calabria: le richieste del CDC.

Democrazia, diritti e nuova legge elettorale per la Calabria: le richieste del CDC.

Il Coordinamento per la Democrazia Costituzionale (CDC) di Cosenza e provincia, chiede ai 4 candidati aspiranti Presidente della Regione Calabria, in vista delle imminenti elezioni del 26 gennaio 2020, che assumano impegno diretto e personale a garantire nel loro mandato politico un corretto esercizio della Democrazia e della Trasparenza a difesa della moralità pubblica e della Costituzione italiana che è stata approvata nel 1947 e vincola tutti i poteri pubblici, anche quelli regionali.

Punto 1. Contrastare sostanzialmente l’asimmetria regionale delle competenze (consentito dall'articolo 116 della Costituzione) e la sperequazione territoriale delle risorse finanziarie, combattendo in ogni sede istituzionale e politica, gli squilibri nei diritti di cittadinanza fra le diverse regioni e territori, attuando in tutte le sue parti l'articolo 119 della Costituzione.

Punto 2.Abrogare la pessima legge elettorale Regionale (la l. n. 1 del 2005) che prevede che se un candidato Presidente ottiene anche un solo voto in più degli altri guadagna sproporzionalmente il 55% dei seggi del Consiglio Regionale, e che prevede un assurdo sbarramento/soglia elettorale, in quanto entrambe mortificano la democrazia politica e soprattutto il pluralismo della rappresentanza politico-partitica.

Punto 3.Attuare immediatamente le regole costituzionali sulla parità di genere nel sistema elettorale per come previsto dagli art. 51 e 117 della Costituzione e dalla legge elettorale nazionale attuativa (la legge numero 20 del 2016 finora non attuata per grave disinteresse politico degli organi regionali).

Punto 4   Difendere ai sensi dell’art. 9 della Costituzione il paesaggio, l’ambiente e il patrimonio storico anche attraverso la bonifica dei siti inquinati e un rinnovato slancio di diffusione culturale ed impegno finanziario per valorizzare i borghi e i centri storici. 

[CDC territorio di Cosenza e Provincia]: Silvio Gambino (docente UniCal), Walter Nocito (docente UniCal), Luigi Villani (dottore commercialista), Paolo Palma (già Deputato della Repubblica), Massimo Covello (dirigente sindacale), Francesca Rennis (docente), Mario Gallina (Architetto), Sandro Scalercio (libero professionista), Irene Scarnati (docente), Piero Piersante (già medico ArpaCal), Monica Nardi (docente Unicz), Luigi Pandolfi (giornalista), Giovanni Caporale (Avvocato), Delio Di Blasio (dirigente sindacale), Claudia Andreoli (libera professionista), Franca Maritato (docente), Nocito Lara (docente), Graziella Segreti (dirigente sindacale).

31/12/2019

232 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online