Martedì, 17 maggio 2022 - ore 20.07

Febbre del Nilo, primo paziente deceduto a Cremona: era ricoverato in terapia intensiva

Ricoverato anche un 70enne ma le sue condizioni sono migliorate: ora si trova in Pneumologia

| Scritto da Redazione
Febbre del Nilo, primo paziente deceduto a Cremona: era ricoverato in terapia intensiva

Cremona, 31 agosto 2020 - Deceduto il primo paziente affetto dalla Febbre del Nilo, il virus che si trasmette attraverso le comuni zanzare e che provoca sintomi simil-influenzali con degenerazione, nei casi più gravi, del sistema pneumologico dell'organismo.

Come comunicato dal primario di Pneumologia dell'ospedale Maggiore, Giancarlo Bosio, il paziente deceduto è "un ottantenne che non ce l'ha fatta". Dopo di lui, un settantenne è stato ricoverato dopo ferragosto in terapia intensiva ma le sue condizioni sarebbero migliorate. Attualmente il paziente è stato trasferito in Pneumologia, ancora sotto ossigeno. 

Nella zona già colpita da febbraio dall'epidemia di Coronavirus si sono registrati diversi nuovi casi: 13 nel Lodigiano, dove nove pazienti sono finiti in ospedale, mentre gli altri sono assistiti nelle cure a casa; un altro caso si è verificato nel Pavese. 

Il virus, che non ha alcun legame con il Covid-19, normalmente non crea grandi problemi; tuttavia non esiste ancora un farmaco per questa malattia. Per questo risulta molto importante prevenirla con la disinfestazione dalle zanzare comuni autoctone del genere 'culex pipiens' e la protezione individuale - spiega il primario di Malattie Infettive di Lodi Angelo Regazzetti.

473 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online