Domenica, 25 agosto 2019 - ore 02.25

Francesco Ghelfi (Art.Uno Cremona) : i valori della Festa della Repubblica 2 giugno 2019

Non sono i partiti o i potenti di turno che decidono quale parte di popolo debba contare di più. L’Articolo 1 della nostra Costituzione esprime chiaramente il principio che “la sovranità appartiene al popolo”, non ai partiti, non alla Nazione.

| Scritto da Redazione
 Francesco Ghelfi (Art.Uno Cremona) : i valori della Festa della Repubblica 2 giugno 2019

Festa della Repubblica 2 giugno 2019  di Francesco Ghelfi (Art.Uno Cremona)

Non sono i partiti o i potenti di turno che decidono quale parte di popolo debba contare di più. L’Articolo 1 della nostra Costituzione esprime chiaramente il principio che “la sovranità appartiene al popolo”, non ai partiti, non alla Nazione.

La nostra Repubblica nasce con l’adozione per la prima volta in Italia del suffragio universale. Il voto libero, personale e segreto, esteso a tutti gli uomini e a tutte le donne maggiorenni è stato una lunga e faticosa conquista che arriva solo quando nel nostro Paese si affermano compiutamente i principi della democrazia che riconosce l’universalità dei diritti, oltre i privilegi di casta.

Non dovremmo mai dimenticarlo, in un tempo in cui si discute di postdemocrazia e in cui la disaffezione verso la politica e l’astensionismo crescono. Certo: la responsabilità principale è in gran parte di quella politica che non si fa capire, lontana dai cittadini, che ha trasformato il voto in mercato di scambio. Però anche i cittadini, nelle cui mani risiede lo scettro della sovranità, dovrebbero delegare di meno e farsi sentire e pesare di più.

 In questo senso va apprezzato il numero di Liste che, in coalizione o da sole, si sono presentate a Cremona alle recenti elezioni per il nuovo Consiglio comunale e per il Sindaco. Noi di Articolo UNO auspichiamo che al ballottaggio di domenica 9 giugno ci sia almeno la stessa partecipazione del primo turno, se non di più. Non solo per dare maggiore legittimazione a chi sarà eletto, ma per riaffermare che la città è una comunità aperta in cui i diritti e la libertà di ciascuno contano indipendentemente dal ceto e dal censo. Il popolo italiano è fatto da tutti i cittadini.

Non sono i partiti o i potenti di turno che decidono quale parte di popolo debba contare di più. L’Articolo 1 della nostra Costituzione esprime chiaramente il principio che “la sovranità appartiene al popolo”, non ai partiti, non alla Nazione.

Che è il popolo ad esercitare la sovranità e “la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione”: con il voto, con la partecipazione alla vita civile, culturale e sociale del nostro Paese. In questo senso la Repubblica, la res pubblica è costruita e costituita da tutti. Se poi la Repubblica è democratica, allora siano i cittadini a farla vivere e prosperare. Allora, partecipare alle scelte di una Comunità non è tanto un obbligo, quanto un atto di libera assunzione di responsabilità.

Francesco Ghelfi

Segretario Provinciale di Articolo UNO Cremona

402 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online