Giovedì, 21 novembre 2019 - ore 17.16

Il caso Una petizione per liberare Nasrin Sotoudeh (di Emanuele Di Nicola)

Avvocato dei diritti umani in Iran, è stata condannata a 38 anni di carcere e 148 frustate. La mobilitazione di Amnesty International per il rilascio immediato. La donna ha recitato in Taxi Teheran di Jafar Panahi: “Così piegano i dissidenti”. La sequenza

| Scritto da Redazione
Il caso Una petizione per liberare Nasrin Sotoudeh  (di Emanuele Di Nicola)

Il caso Una petizione per liberare Nasrin Sotoudeh  (di Emanuele Di Nicola)

Avvocato dei diritti umani in Iran, è stata condannata a 38 anni di carcere e 148 frustate. La mobilitazione di Amnesty International per il rilascio immediato. La donna ha recitato in Taxi Teheran di Jafar Panahi: “Così piegano i dissidenti”. La sequenza

Trentotto anni di carcere e 148 frustate. La sentenza più dura registrata contro un difensore dei diritti umani in Iran negli ultimi anni, secondo Amnesty International. È la pena inflitta da una corte di Teheran a Nasrin Sotoudeh, avvocato per i diritti umani in Iran, condannata per una serie di accuse: “propaganda contro lo Stato”, “collusione contro la sicurezza nazionale”, “istigazione alla corruzione e alla prostituzione” e per “essere apparsa in pubblico senza hijab”, il velo che copre la testa delle donne.

È il più famoso avvocato del Paese. Vincitrice del premio Sakharov del Parlamento europeo nel 2012, braccio destro della premio Nobel per la Pace Shirin Ebadi, da anni è impegnata per difendere i diritti civili su tutto il territorio iraniano. L’arresto è arrivato a giugno 2018, a cui è seguita la condanna in contumacia a cinque anni di reclusione da parte del tribunale rivoluzionario di Teheran, con l’accusa di spionaggio.

Leggi tutto qui

 

398 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online