Mercoledì, 05 ottobre 2022 - ore 07.29

In Siria che guerra di combatte?

Caroline Hayek, L’Orient le Jour, Libano – Una guerra si combatte su tutti i fronti, in particolare su quello dell’informazione. Il conflitto siriano, che il 15 marzo è entrato nel suo sesto anno, non fa eccezione.

| Scritto da Redazione
In Siria che guerra di combatte?

I governi, i mezzi di comunicazione, gli analisti forniscono versioni diverse che – volutamente o no – alimentano la confusione sulla natura e gli interessi di questo conflitto. In questo mare di informazioni caotiche, mito e realtà si confondono. Anche teorie che non si basano su alcun fatto concreto sono riprese sui social network e influenzano profondamente la comprensione dell’opinione pubblica.

Ecco quattro stereotipi sulla guerra siriana duri a morire.

La guerra in Siria è una guerra di religione

Una guerra di religione è una guerra che contrappone i sostenitori di religioni diverse. Ma anche se l’aspetto confessionale del conflitto siriano non può essere ignorato, non si può parlare di una guerra di religione. La tesi di un semplice scontro tra la maggioranza sunnita, che rappresenta più del 72 per cento della popolazione siriana, e la minoranza dirigente alawita, ramo della religione sciita, non ha alcun fondamento concreto.

Sulla scia delle primavere arabe, la rivolta contro il regime al potere, considerato repressivo e corrotto, è cominciata nel 2011. Alle manifestazioni di protesta hanno partecipato tutte le comunità. Anche i cristiani, spesso presentati come un blocco unitario favorevole al regime, hanno partecipato a queste manifestazioni. A Daraya, città della periferia sud di Damasco per lo più sunnita, dove viveva una comunità cristiana, le prime proteste pacifiche sono state fatte al suono delle campane delle chiese. Alcune personalità provenienti dalla comunità assira hanno subìto la repressione del regime, come Gabriel Mouchi Kouriyed, arrestato a Qamishli il 19 dicembre 2013 e poi condannato per “contatti con personalità dell’opposizione esterna”.

Continua a leggere sul sito Internazionale.it

1015 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online