Sabato, 21 settembre 2019 - ore 14.57

Intervista con Grossi (Uil Cremona). La situazione di Arvedi è molto preoccupante.

Lo sciopero nazionale del 12 dicembre indetto da Cgil e Uil è confermato. Cremona manifesterà a Brescia .

| Scritto da Redazione
Intervista con Grossi (Uil Cremona). La situazione di Arvedi è molto preoccupante.

Abbiamo sentito Mino Grossi, segretario provinciale della Uil di Cremona. Gli abbiamo chiesto la sua opinione su due temi: la situazione dell’azienda Arvedi e le motivazioni dello sciopero generale proclamato da Uil e Cgil.

Su Arvedi: il sindacato è molto preoccupato in quanto la fabbrica, per i problemi relativi all’incendio ed allo scoppio di un altoforno, è ferma da 35 giorni; se l’azienda non riprende immediatamente il lavoro può rischiare molto mettendo a repentaglio la tranquillità di 1500 famiglie; si resta in attesa del permesso a produrre dal GIP di Cremona; i VVF hanno dato il loro parere positivo sulla sicurezza degli impianti.

Sullo sciopero generale del 12 dicembre: Grossi è dispiaciuto per l’assenza della Cisl;i motivi dello sciopero di ci sono tutti e non sono politici; le misure del jobs act non sono risolutive , manca una politica economica che sappia creare lavoro; il governo Renzi non è diverso dai precedenti Berlusconi, Monti e Letta; inaccettabile la scelta di bloccare i finanziamenti ai patronati che non costano nulla allo Stato; Cremona manifesterà con Mantova a Brescia.

Intervista telefonica di Gian Carlo Storti, Welfarecremonanetwork, Cremona 26 novembre 2014

Ascolta l’intervista 

Allegati audio:

Audio 1:

1661 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

La telefonata con Laura Valenti (Flc-Cgil Cremona)  A che punto siamo  con il confronto con il Governo sulla Scuola?

La telefonata con Laura Valenti (Flc-Cgil Cremona) A che punto siamo con il confronto con il Governo sulla Scuola?

In questa breve telefonata Laura Valenti, segretaria generale FLC-Cgil Cremona) fa il punto della situazione del confronto con il governo a seguito della revoca dello sciopero del 17 maggio indicando i problemi aperti: No alla regionalizzazione del sistema istruzione, questione dei precari e ulteriori risorse economiche da garantire al personale di ogni ordine e grado