Giovedì, 22 ottobre 2020 - ore 00.23

KURDISTAN E KUWAIT

GUERINI

| Scritto da Redazione
KURDISTAN E KUWAIT

 "L’Italia considera la lotta al terrorismo una priorità e ritiene imprescindibile la presenza della Coalizione e dei suoi assetti pregiati anche per il futuro, ma auspico il rafforzamento della Nato Mission Iraq in piena sintonia con quelle che sono le esigenze delle istituzioni irachene. La presenza italiana in Iraq, fin quando benvenuta dal popolo iracheno, non è in discussione". Così il Ministro della Difesa Lorenzo Guerini, al termine della visita in Iraq, Kurdistan e Kuwait, il 29 settembre scorso.

Tre giorni densi di impegni durante i quali - accompagnato dal Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Enzo Vecciarelli - ha incontrato i militari italiani presenti e le autorità politiche e militari irachene e kuwaitiane.

In Iraq e in Kurdistan, riporta la Difesa, Guerini è stato accompagnato dall'Ambasciatore d'Italia a Baghdad Bruno Antonio Pasquino, mentre in Kuwait, dall'Ambasciatore d’Italia in Kuwait Carlo Baldocci.

Nell’ultimo giorno in Iraq, il Ministro ha incontrato il Presidente della Repubblica Barham Salih con il quale ha avuto un “colloquio cordiale” durante il quale ha ribadito il ruolo dell’Italia quale partner privilegiato con le istituzioni e la società civile irachena.

“Siamo fermamente convinti che la Coalizione per la lotta al Daesh debba continuare a svolgere i suoi compiti senza flessione ma, anzi, con rinnovata determinazione” ha detto Guerini.

Intendimenti emersi anche nel corso dei colloqui con il Primo Ministro Mustafa Al-Kadhimi e con il Ministro della Difesa Gen. Jumaa Enad ai quali il Ministro Guerini ha confermato la disponibilità italiana a supportare lo sviluppo delle Forze di Sicurezza anche in una dimensione bilaterale, così come l’impegno nella lotta al terrorismo internazionale, la partecipazione all’operazione Inherent Resolve e alla Nato mission Iraq.

“La quarta visita in questo Paese - ha detto Guerini al termine degli incontri - testimonia l’impegno e l’attenzione dell’Italia per la stabilità dell’Iraq”.

Sempre martedì, insieme anche alla Console d’Italia ad Erbil Serena Muroni, Guerini ha incontrato il Presidente del Kurdistan Nechirwan Barzani e il Primo Ministro Masrour Barzani. Colloqui ai quali era presente anche il Ministro dei Peshmerga, Shoresh Ismail Abdulla: “l’Italia continuerà a supportare il popolo curdo con immutato impegno. Ritengo sia fondamentale ribadire la centralità della lotta a Daesh per scongiurare la recrudescenza di azioni terroristiche. Crediamo nell'elevata valenza strategica della regione e nel ruolo che l'Italia svolge per la stabilità dell'area. Ruolo che il nostro Paese svolge in più scenari di crisi promuovendo stabilità e sviluppo delle popolazioni locali” ha detto il Ministro Guerini.

Guerini si è anche recato nella base di Camp Singara, a Erbil, dove ha incontrato il Contingente italiano dell’operazione Prima Parthica.

“Attraverso il lavoro dei nostri militari fuori area si trasmette il messaggio di affidabilità dell’Italia. Il nostro Paese non potrebbe essere rappresentato meglio” ha detto il Ministro che ha aggiunto: “l’Italia presta il suo importante contributo nella missione e dopo i risultati raggiunti dalle forze di sicurezza irachene con la sconfitta di DAESH sul piano militare, ora le operazioni stanno continuando per l'eliminazione delle ultime sacche di resistenza legate a Isis”.

Complessivamente sono oltre 45.000 i Peshmerga (forze di sicurezza locali) addestrati in 5 anni, di cui oltre 450 come istruttori.

In Kuwait, lunedì, il Ministro aveva incontrato invece il Primo Ministro Sheikh Sabah Khaled Al Hamad Al Sabah e il Ministro degli Affari Esteri Ahmad Al-Sabah ringraziandoli per il supporto fornito all’Italia durante il picco dell’emergenza Covid.

Entrambi hanno espresso parole di gratitudine all’Italia per l’impegno nella lotta al terrorismo e nel corso dell'incontro bilaterale hanno sottolineato l'importanza della collaborazione tra i nostri Paesi in particolar modo con le aziende italiane del settore della Difesa.

"Riguardo la nostra cooperazione nel settore industriale, l'Italia conferma la propria volontà di costruire un rapporto bilaterale privilegiato in tale settore" ha confermato Guerini.

Colloqui durante i quali il Ministro Guerini ha confermato la volontà dell’Italia di continuare a contribuire alla stabilità della Regione ed a supportare il Kuwait nel proteggersi da aggressioni esterne derivanti dal deterioramento del quadro di sicurezza regionale.

La visita ai Teatri era iniziata domenica in Kuwait, nella base aerea Al Salem, con il saluto al Contingente italiano “fondamentale punto di riferimento per la Coalizione anti Isis. Uomini e donne delle nostre Forze Armate che rendono l’Italia protagonista nella lotta al terrorismo internazionale”. (aise) 

110 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Kamala Harris: americana a tutti gli effetti e l'eleggibilità alla vice presidenza | Domenico Maceri, PhD,USA

Kamala Harris: americana a tutti gli effetti e l'eleggibilità alla vice presidenza | Domenico Maceri, PhD,USA

“Questo editoriale è stato usato da alcuni come strumento per perpetuare il razzismo e la xenofobia.” “Chiediamo scusa”. Così la direzione della sezione editoriali di Newsweek dopo la pubblicazione di un recente articolo di John Eastman, il quale metteva in dubbio l'eleggibilità di Kamala Harris a vice presidente degli Stati Uniti perché i suoi genitori non sono nati in America.