Sabato, 21 maggio 2022 - ore 07.40

La conviviale d'auguri della Società Filodrammatica Cremonese

Sabato 16 si è svolta nella sala-ristorante del Circolo l’annunciata conviviale pre-natalizia dei Soci e degli invitati ospiti della Società Filodrammatica Cremonese. In una cornice, bisognerebbe subito aggiungere, di festosità, ma anche di impegno culturale e civile.

| Scritto da Redazione
La conviviale d'auguri della Società Filodrammatica Cremonese La conviviale d'auguri della Società Filodrammatica Cremonese La conviviale d'auguri della Società Filodrammatica Cremonese La conviviale d'auguri della Società Filodrammatica Cremonese

La conviviale d'auguri della Società Filodrammatica Cremonese

Sabato 16 si è svolta nella sala-ristorante del Circolo l’annunciata conviviale pre-natalizia dei Soci e degli invitati ospiti della Società Filodrammatica Cremonese. In una cornice, bisognerebbe subito aggiungere, di festosità, ma anche di impegno culturale e civile. 

------------------------                                         

Si tratta di uno degli eventi fissi nell’agenda del Circolo che, come l’Annuale Assemblea degli associati, costituisce un’occasione di consuntivo morale dell’attività annuale. Per l’unico sodalizio privato che, pur in regime di autonomia finanziaria, si sta sempre più rivelando una risorsa della Città, alla cui vita artistica e culturale assicura un apporto molto significativo.

Ricorre nel 2017 il decennale dell’avvio dell’assunzione del massimo incarico da parte di Giorgio Mantovani, coinciso con l’avvio e la conclusione della messa in sicurezza e del restauro del piccolo, ma storico e prezioso teatro. Ciò ne ha consentito, come ha ricordato il Presidente, il consolidamento e l’ampliamento delle attività artistiche, sia patrocinate dal Comune sia quelle del calendario sociale. In aggiunta a ciò si è potuto garantire alla città il mantenimento in centro dell’unica (e molto qualificata) sala cinematografica.

Questo è stato il cuore dei saluti-riflessione degli ospiti istituzionali (Prof. Giancarlo Corada e dott. Paolo Bodini già Sindaci di Cremona; Carlo Malvezzi consigliere della Regione Lombardia; dott. Davide Viola presidente della Provincia; Barbara Manfredini assessore delegata dal Sindaco Galimberti). Che, dopo aver rivisitato il senso istituzionale della feconda collaborazione  tra il sodalizio e la Città, hanno, anche con eloquio che ha qualcosa concesso all’aneddotica lieve, auspicato il proseguo di un impegno comune da cui la vita civile e culturale Cremona trae indubbi vantaggi.

Testimonianza di tale volontà è stata la presenza, oltre che dei Consiglieri, Revisori ” (il vicepresidente Massimo Somenzini ed i consiglieri Pieraldo Dossena e Mario Parlato ;  Giovanni Carini presidente revisore dei conti) e Soci, dei rappresentanti delle Associazioni che collaborano fattivamente con la Società Filodrammatica ( dott. Alberto Consolandi Alberto, Associazione Ricerca Malattie Rare; prof.  Alberto  Baldrighi, Insegnante di pianoforte al Conservatorio di Brescia, Direttore  Artistico della   “Società Concerti del Filo”- Coordinatore responsabile di  “Cremona  Pianoforum” e  Ideatore e protagonista di “Comedia”,Dante in Teatro; M° liutaio Stefano Konia Presidente del Kiwanis Club Cremona; Beppe Arena,  Attore,Regista, Insegnante della scuola di teatro “Luigi Carini”; Ugo Orlandi Insegnante di mandolino conservatorio “Giuseppe Verdi” a Milano;  – Luisella Conter,chitarrista si fama mondiale; Luca Beltrami e Giovanni Schintu Gestori titolari del CineFilo; Paolo Vailati Presidente Associazione Brigde Cremona; dott. Agostino Melega dialettologo e collaboratore per le iniziative di cultura popolare;  Lole Boccasasso coordinatrice responsabile del “Filo Benefico”. Il presidente Mantovani ha concluso l’indirizzo di saluto e d’augurio a tutti i presenti, estendendolo agli apprezzati cittadini cremonesi che nel corso di questi anni non hanno mai fatto mancare la loro generosa e preziosa collaborazione: la dott.ssa Angela Bellardi, già direttore dell’Archivio di Stato; il dott. Paolo Rossi presidente della Società grigio rossa; Mario Silla giornalista e direttore dell’emittente Cremona1; il giornalista de La Provincia Arrigoni; il direttore di Welfarecremona Giancarlo Storti; il giornalista Fabrizio Loffi.

Noi vi abbiamo partecipato sia come socio sia in rappresentanza dell’Associazione Emilio Zanoni, che in questi anni è stata un’entità in qualche modo affiliata. Sia in quanto ha potuto avvalersi della generosa ospitalità per lo svolgimento di un importante programma di iniziative. Sia perché tale programma ha delineato una partnership significativa tra la medesima Associazione e la Società Filodrammatica. Che nei suoi due secoli e più di vita ha rappresentato, specie nel periodo a cavallo tra il diciannovesimo ed il ventesimo secolo un’eccezionale opportunità di emancipazione civile e culturale e di estensione delle prerogative liberaldemocratiche. Non casualmente ne fu socio il fondatore del socialismo cremonese Leonida Bissolati. A riprova del valore democratico e civile del Sodalizio è il caso qui di ricordare che 120 anni fa (maggio 1898) la Società Filodrammatica Cremonese fu ostracizzata dalla repressione scatenata dalla casa regnante, che rispose alla protesta popolare schierando a Milano i cannoni di Bava Beccaris (forieri della morte di 120 cittadini, nonché di oltre 400 feriti). La reazione autoritaria si estese con la soppressione delle prerogative liberali e civili. Di cui fecero le spese la Società Filodrammatica, chiusa per un significativo periodo, e l’on. Bissolati, posto agli arresti nonostante l’incarico parlamentare.

Anche per questo abbiamo sentito il dovere di associarci all’encomio, per quanto in una cornice festosa, rivolto ad una testimonianza civile e culturale preziosa per Cremona

                           

 

 

1606 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online