Venerdì, 24 maggio 2019 - ore 15.16

La telefonata con Alloni (PD): La legge anti - moschee è incostituzionale

Non lo dice il Pd ma gli avvocati della Regione Lombardia

| Scritto da Redazione
La telefonata con Alloni (PD): La legge anti - moschee è incostituzionale

“L’assessore Bordonali si metta l’anima in pace: non può essere una norma legata all’urbanistica a stabilire se è morale o no costruire un luogo di culto. Il referendum ha una funzione meramente consultiva e non può decretare l’istituzione di un ente religioso. Non è il Pd che lo dice ma un parere legislativo del Consiglio regionale che, rifacendosi ad alcune sentenze del Tar Lombardia, boccia in toto la proposta anti moschee della Lega”. Lo dichiara il consigliere regionale del Pd Agostino Alloni alla luce del parere degli uffici giuridici del Consiglio regionale, da lui richiesto nelle scorse settimane, sul progetto di modifica della legge 12 del 2005 per la parte ormai nota come “legge anti moschee” presentata dalla Lega Nord. “Nella relazione presentata dai legali del Consiglio – spiega l’esponente del Pd - si precisa che è compito degli enti locali provvedere che sia consentito a tutte le confessioni religiose di poter esplicare liberamente la propria attività individuando aree idonee ad accogliere i fedeli. Nel caso in cui si decide di costruire nuovi luoghi di culto vi deve essere una stipula di convenzione tra il comune e le confessioni interessate che deve riguardare esclusivamente aspetti che hanno risvolti sul piano urbanistico ed edilizio. E’ possibile prevedere un referendum consultivo sul tema ma sta alla volontà del comune, in base al proprio statuto, indirlo – conclude Alloni - non può essere reso obbligatorio e vincolante all’interno di una legge urbanistica, tanto più che i costi sono tutti a carico degli enti locali”.

 

 

Allegati audio:

Audio 1:

1160 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

(Tel.) Giuseppe Demaria (Cisl) L’intesa non siglata dalla Cgil per Centro Padane è un buon accordo che tutela i lavoratori.

(Tel.) Giuseppe Demaria (Cisl) L’intesa non siglata dalla Cgil per Centro Padane è un buon accordo che tutela i lavoratori.

Sull’intesa che stabilisce le condizioni a cui avverrà la cessione individuale del contratto di ognuno dei 206 lavoratori è stata firmata dal Gruppo Gavio e dalle segreterie nazionali, regionali e territoriali di Fit Cisl, Uil Trasporti, Sla Cisal e Ugl. Ma non dalla Filt-Cgil. La trattiva e l’intesa è avvenuta non al Ministero ma sul tavolo negoziale azienda-sindacati.
(La telefonata) Lavoratori Centro Padane Ben Halla  (Filt-Cgil) . Lavoratori pronti alla lotta. Una grazie alle Istituzioni

(La telefonata) Lavoratori Centro Padane Ben Halla (Filt-Cgil) . Lavoratori pronti alla lotta. Una grazie alle Istituzioni

Questa mattina, mercoledì 14 febbraio, a seguito della decisione del CdA di Centro Padana di non assumere per passaggio diretto tutti i lavoratori della precedente gestione A21 si è svolto, nel comune di Cremona,un incontro con presenti il Sindaco Galimberti, Il Presidente della Provincia Viola, il Presidente della Camera di Commercio Auricchio, il sottosegretario Pizzetti ed i rappresentanti dei lavoratori di Cgil-Cisl-Uil per esaminare il da farsi dopo la decisione non condivisa del Consiglio di Amministrazione del Centro padane di proprietà del gruppo Gavio.