Martedì, 04 agosto 2020 - ore 09.56

#LaFranceestCharlie #ParisestCharlie #EuropeestCharlie

Oggi a Parigi si svolge la Marcia Repubblicana. Partecipiamo riascoltando la Marsigliese

| Scritto da Redazione
#LaFranceestCharlie #ParisestCharlie #EuropeestCharlie #LaFranceestCharlie #ParisestCharlie #EuropeestCharlie


Oggi, domenica 10 gennaio 2015, a Parigi  si svolge la Marcia Repubblicana. Partecipiamo riascoltando la Marsigliese

La Marseillaise . L'inno divenne la chiamata alle armi della Rivoluzione francese e in questo contesto assunse il nome di Marsigliese perché cantata per le strade dai volontari (fédérés) provenienti da Marsiglia al loro arrivo a Parigi. Presso i patrioti marsigliesi il canto aveva raggiunto grande popolarità nel mese precedente. Il 22 giugno 1792, nella loro città, un Giacobino di Montpellier lo aveva intonato, « subito seguito dal coro dei marsigliesi ».[4] L'inno fu il segno distintivo dei fédérés, quando questi raggiunsero Parigi nel mese di luglio, contribuendo all'abbattimento della monarchia, e il Chant diventò noto come La Marseillaise. La Convenzione decise che La Marsigliese divenisse l'inno nazionale con un decreto del 14 luglio 1879

La Marseillaise 

Allons enfants de la Patrie,

Le jour de gloire est arrivé!

Contre nous de la tyrannie,

L’étendard sanglant est levé!

L’étendard sanglant est levé!

Entendez-vous dans les campagnes

Mugir ces féroces soldats?

Ils viennent jusque dans nos bras

Egorger nos fils et nos compagnes!

 

Aux armes, citoyens!

Formez vos bataillons!

Marchons! Marchons!

Qu’un sang impur

Abreuve nos sillons!

 

Que veut cette horde d’esclaves,

De traîtres, de rois conjurés?

Pour qui ces ignobles entraves,

Ces fers dès longtemps préparés?

Ces fers dès longtemps préparés?

Français, pour nous, ah! Quel outrage!

Quels transports il doit exciter!

C’est nous qu’on ose méditer

De rendre à l’antique esclavage!

 

Aux armes, citoyens …

 

Quoi! Ces cohortes étrangères

Feraient la loi dans nos foyers!

Quoi! Ces phalanges mercenaires

Terrasseraient nos fiers guerriers!

Terrasseraient nos fiers guerriers!

Grand Dieu! Par des mains enchaînées

Nos fronts sous le joug se ploieraient!

De vils despotes deviendraient

Les maîtres de nos destinées!

 

Aux armes, citoyens …

 

Tremblez, tyrans et vous perfides,

L’opprobre de tous les partis,

Tremblez! Vos projets parricides

Vont enfin recevoir leurs prix!

Vont enfin recevoir leurs prix!

Tout est soldat pour vous combattre,

S’ils tombent, nos jeunes héros,

La terre en produit de nouveaux,

Contre vous tout prêts à se battre!

 

Aux armes, citoyens …

 

Français, en guerriers magnanimes,

Portez ou retenez vos coups!

Epargnez ces tristes victimes,

A regret s’armant contre nous.

A regret s’armant contre nous.

Mais ces despotes sanguinaires,

Mais ces complices de Bouillé,

Tous ces tigres qui, sans pitié,

Déchirent le sein de leur mère!

 

Aux armes, citoyens …

 

Amour sacré de la Patrie,

Conduis, soutiens nos bras vengeurs!

Liberté, Liberté chérie,

Combats avec tes défenseurs!

Combats avec tes défenseurs!

Sous nos drapeaux, que la victoire

Accoure à tes mâles accents!

Que tes ennemis expirants

Voient ton triomphe et notre gloire!

Aux armes, citoyens …

Nous entrerons dans la carrière

Quand nos aînés n’y seront plus;

Nous y trouverons leur poussière

Et la trace de leurs vertus.

Et la trace de leurs vertus.

Bien moins jaloux de leur survivre

Que de partager leur cercueil,

Nous aurons le sublime orgueil

De les venger ou de les suivre!

 

Aux armes, citoyens …

 

Traduzione de La Marsigliese in lingua italiana

 

Andiamo figli della Patria,

il giorno della gloria è arrivato!

Contro di noi si è alzata

La bandiera insanguinata della tirannia!

La bandiera insanguinata della tirannia!

Sentite nelle campagne

Ululare questi feroci soldati?

Vengono fino alle nostre braccia

Per sgozzare i nostri figli e i nostri compagni!

 

Alle armi, cittadini!

Formate i vostri battaglioni!

Andiamo! Andiamo!

Che un sangue impuro

Bagni i nostri campi!

 

Cosa vuole questÂÂ’orda di schiavi,

di traditori, di re congiurati?

Per chi queste ignobili catene,

questi ferri a lungo preparati?

Questi ferri a lungo preparati?

Francesi, per noi, ah! Che oltraggio!

Che rabbia deve suscitare!

Siamo noi che osano pensare

Di ridurci allÂÂ’antica schiavitù!

 

Alle armi, cittadini! …

 

Che!?! Queste corti straniere

Detterebbero legge a casa nostra!

Queste falangi mercenarie

Abbatterebbero i nostri fieri guerrieri!

Abbatterebbero i nostri fieri guerrieri!

Mio Dio! Le mani incatenate

Le nostre teste di piegherebbero sotto il loro giogo!

Ignobili despoti diventerebbero

I padroni del nostro destino!

 

Alle armi, cittadini! …

 

Tremate, tiranni e voi crudeli,

lÂÂ’obbrobrio di tutti i partiti,

tremate! I vostri progetti parricidi

riceveranno presto il giusto compenso!

riceveranno presto il giusto compenso!

Si è tutti soldati per combattere contro di voi,

se muoiono, i nostri giovani eroi

la terra ne produrrà di nuovi,

contro di voi saremo tutti pronti a combattere!

 

Alle armi, cittadini! …

 

Francesi, magnanimi in guerra,

sopportate o trattenete i vostri colpi!

Risparmiate queste tristi vittime,

Che malvolentieri si armano contro di noi

Che malvolentieri si armano contro di noi.

Ma questi despoti sanguinari

Ma questi complici di Bouillé,

tutte queste tigri, che, senza pietà,

lacerano il seno della loro madre!

 

Alle armi, cittadini! …

 

Amore sacro per la Patria,

conduci, sostieni le nostre braccia vendicatrici!

Libertà, cara libertà,

combatti con i tuoi difensori!

Combatti con i tuoi difensori!

Sotto le nostre bandiere, che la vittoria

Accorri ai suoi virili richiami!

Che i tuoi nemici moribondi

Vedano il tuo trionfo e la tua gloria!

 

Alle armi, cittadini! …

 

Entreremo nel cammino

quando i nostri antenati non ci saranno più

vi troveremo la loro polvere

e la traccia delle loro virtù

e la traccia della loro virtù

sopravvivere meno gelosamente di loro

che di dividere la loro bara

noi avremo lÂÂ’orgoglio sublime

di vendicarli o seguirli!

 

Alle armi, cittadini! …

Ascolta l'Inno La Marseillaise 

1507 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

#Dopocoronavirus  Fase 2 e 1° maggio Interviste a Soncini (Uil Cr-Mn), Pedretti (Cgil Cr) e Perboni ( Cisl Asse del Po)

#Dopocoronavirus Fase 2 e 1° maggio Interviste a Soncini (Uil Cr-Mn), Pedretti (Cgil Cr) e Perboni ( Cisl Asse del Po)

Le telefonate con i tre Segretari Generali di Cgil-Cisl-Uil della provincia di Cremona intendono puntualizzare la posizione del sindacato in merito alla cosi detta Fase2, ripresa economica e sociale ‘dopo’ emergenza coronavirus e che significato assume la ‘Festa del 1° maggio 2020’ in questo triste frangente della storia mondiale che vede tutti gli stati ed i popoli combattere per sconfiggere il nemico invisibile denominato Codid-19.
Cremona La telefonata con Rosita Viola: Balotta, Malara e Pagliarini simbolo della lotta al coronavirus meritano  la Rosa Camuna 2020

Cremona La telefonata con Rosita Viola: Balotta, Malara e Pagliarini simbolo della lotta al coronavirus meritano la Rosa Camuna 2020

In questa telefonata Rosita Viola , assessore al welfare ed alle pari opportunità, spiega le motivazioni che hanno portato la giunta comunale di Cremona a candidare queste tre professioniste cremonesi alla Rosa Camuna 2020 quale simbolo dell’impegno per fronteggiare l’emergenza sanitaria da COVID-19 e approfondire, attraverso la ricerca, la conoscenza del coronavirus le possibili risorse per la cura.