Mercoledì, 23 settembre 2020 - ore 15.07

LIBIA: COLLOQUIO TELEFONICO TRA IL MINISTRO DI MAIO E IL COLLEGA MAROCCHINO NASSER BOURITA

LIBIA: COLLOQUIO TELEFONICO TRA IL MINISTRO DI MAIO E IL COLLEGA MAROCCHINO NASSER BOURITA

| Scritto da Redazione
LIBIA: COLLOQUIO TELEFONICO TRA IL MINISTRO DI MAIO E IL COLLEGA MAROCCHINO NASSER BOURITA

I rapporti bilaterali tra Italia e Marocco e la situazione in Libia sono stati al centro del colloquio telefonico che il Ministro degli esteri Luigi Di Maio ha avuto sabato scorso con il collega Nasser Bourita.

Di Maio, riporta la Farnesina, ha espresso il proprio apprezzamento per il ruolo del Marocco quale partner strategico per l’Italia da una prospettiva politica, economica e culturale, e ha confermato la volontà di approfondire ulteriormente la proficua cooperazione bilaterale tra Roma e Rabat, richiamando il percorso politico avviato con la Dichiarazione Congiunta sul Partenariato Strategico Multidimensionale sottoscritta il 1° novembre scorso. In particolare, è stato ricordato, la consolidata presenza di imprese italiane nel tessuto produttivo marocchino costituisce un'ottima base per intensificare ulteriormente la cooperazione economica, con speciale riferimento ai comparti ad alto contenuto di innovazione e tecnologia.

Nell’esaminare gli ultimi sviluppi della situazione in Libia, Di Maio ha ribadito l’importanza della collaborazione con Rabat su questo dossier, sottolineando come il Marocco possa apportare un significativo valore aggiunto alla soluzione politica della crisi in corso nel Paese. Il Ministro ha infine ricordato come, nella prospettiva di una soluzione negoziata della crisi libica, l’Italia persegua oggi due priorità: il raggiungimento di un cessate il fuoco duraturo e la rapida ripresa della produzione petrolifera. 

 

 

fonte aise) 

237 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Kamala Harris: americana a tutti gli effetti e l'eleggibilità alla vice presidenza | Domenico Maceri, PhD,USA

Kamala Harris: americana a tutti gli effetti e l'eleggibilità alla vice presidenza | Domenico Maceri, PhD,USA

“Questo editoriale è stato usato da alcuni come strumento per perpetuare il razzismo e la xenofobia.” “Chiediamo scusa”. Così la direzione della sezione editoriali di Newsweek dopo la pubblicazione di un recente articolo di John Eastman, il quale metteva in dubbio l'eleggibilità di Kamala Harris a vice presidente degli Stati Uniti perché i suoi genitori non sono nati in America.