Domenica, 25 agosto 2019 - ore 02.28

Marco Degli Angeli (M5S) NO ALLA CENTRALE A BIOMASSE DI CASTELLEONE.

Tali impianti sono sostanzialmente impianti di combustione con un impatto emissivo assolutamente non sostenibile. Al contrario l’amministrazione Provinciale di Cremona sembra non considerare la tutela della salute dei cittadini.

| Scritto da Redazione
Marco Degli Angeli (M5S) NO ALLA CENTRALE A BIOMASSE DI CASTELLEONE.

Marco Degli Angeli (M5S) NO ALLA CENTRALE A BIOMASSE DI CASTELLEONE.

Tali impianti sono sostanzialmente impianti di combustione con un impatto emissivo assolutamente non sostenibile. Al contrario l’amministrazione Provinciale di Cremona sembra non considerare la tutela della salute dei cittadini.

L’utilizzo di biomasse legnose per la produzione di energia elettrica è sia dal punto di vista della sostenibilità ambientale, che dal punto di vista della salute pubblica assolutamente incompatibile con i dichiarati obbettivi di piano come dimostrato da una amplissima bibliografia scientifica internazionale. Facciamo presente che già attualmente nella sola Provincia di Cremona sono attivi ben 400 impianti tra biomasse e biogas.

Una scelta politica, decisa senza valutazioni d’impatto ambientale su tutto il territorio. L’Ats nei suoi report ha sempre messo in evidenza che dalla produzione e dispersione di polveri in atmosfera deriva un rischio per la salute, eppure il settore Ambiente della Provincia ha dato l’autorizzazione di una nuova centrale a biomasse a Castelleone.

Gli impianti a BIOMASSE sono responsabili per il 70% delle emissioni del particolato PM 2.5 causa di circa 60.000 morti premature all’anno in Italia, 500.000 in Europa.

Ma che cos’è una centrale a biomasse? E’ un impianto di produzione di energia elettrica in cui come combustibile viene usata la biomassa. La biomasse comprendono vari materiali di origine biologica, tra cui generalmente scarti dell’agricoltura, dell’allevamento e dell’industria.  Bio non è sinonimo di salute (anche il petrolio è bio). 

[leggi tutto]

 

Allegati Pdf:

Allegato PDF 1

747 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online