Giovedì, 21 gennaio 2021 - ore 11.25

Matteo Piloni (Pd) Suddivisione in 3 zone fatta su base di 21 indicatori individuati Governo aprile scorso. Non ieri.

Alle Regioni spetta il compito di utilizzare questi indicatori e produrre i dati conseguenti attraverso i quali monitorare l'andamento del virus sui vari territori.

| Scritto da Redazione
Matteo Piloni (Pd) Suddivisione in 3 zone fatta su base di 21 indicatori individuati  Governo aprile scorso. Non ieri.

Matteo Piloni (Pd) Suddivisione in 3 zone è fatta sulla base di 21 indicatori individuati dal Governo lo scorso aprile. Non ieri.

Alle Regioni spetta il compito di utilizzare questi indicatori e produrre i dati conseguenti attraverso i quali monitorare l'andamento del virus sui vari territori.

La domanda è semplice: in Lombardia, in questi mesi, sono stati seguiti questi indicatori? Credo di si. E allora si rendano noti i dati, e sulla base di questi si dimostri che in Lombardia la situazione è differente per territorio, e si agisca di conseguenza, tenendo ulteriormente monitorata la situazione, settimana per settimana, così come prevede il Dcpm. Oppure si dimostra che tutti i territori della nostra regione sono ad alto rischio, e allora si blocca ogni perplessità, a partire dalle mie.

Rendere noti i dati serve anche a gestire meglio la situazione e a spiegare la situazione con il massimo della trasparenza.

Perchè se le cose si spiegano, diventano anche più semplici da gestire. E da accettare.

E' inutile e dannoso continuare a giocare allo scaricabarile e alimentare solo ulteriore confusione.

Tra l'altro, uno dei tre esperti che hanno il compito di monitorare l'andamento delle regioni, è stato indicato proprio dalla Lombardia. In ultimo, e sempre sulla base dei dati, forse ci sono governatori e regioni che in questi mesi hanno fatto meglio e già oggi "godono" di situazioni migliori.

460 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online