Lunedì, 27 gennaio 2020 - ore 10.13

Milano: al Parco delle Sculture fino a 20 opere site-specific

Invitati artisti di fama internazionale

| Scritto da Redazione
Milano: al Parco delle Sculture fino a 20 opere site-specific

Sarà un luogo capace di “accrescere ulteriormente il patrimonio artistico della città e il rango di Milano nello scenario internazionale culturale dell’arte contemporanea”: questo l’obiettivo della realizzazione del Parco delle Sculture sull’area pubblica di CityLife, secondo le linee guida decise nell’ultima seduta di Giunta. La delibera di Palazzo Marino, a firma doppia del vicesindaco Ada Lucia De Cesaris e dell’assessore alla Cultura Filippo Del Corno, fissa i punti del progetto che, “sul modello delle migliori esperienze nel mondo, coniugherà la creazione di un nuovo parco con un percorso di opere site-specific di arte contemporanea“: il tutto a costo zero per il Comune, in quanto finanziato interamente da risorse private nell’ambito dell’intervento di riqualificazione del quartiere storico della Fiera. Il Parco delle Sculture, riconosciuto di “preminente interesse pubblico o generale”, sorgerà in corrispondenza della cosiddetta “area di cerniera”, recentemente ampliata con la previsione di 65mila metri quadrati in più di parco. Parte di questa nuova area verde, che si aggiungerà al grande parco pubblico di CityLife, sarà dedicata, appunto, alle sculture contemporanee, alla cui realizzazione saranno chiamati “artisti di riconosciuta fama nazionale e internazionale che si sono espressi nell’odierno panorama culturale con tecniche e materiali diversi”. Le opere, si legge nella delibera di Giunta, dovranno essere “capaci di inserirsi nel contesto ambientale del parco e adattarsi alle particolari caratteristiche architettoniche del luogo e del contesto urbano circostante”: un contesto caratterizzato dalla presenza di strutture moderne di grande rilevanza e di spazi di richiamo internazionale, quali il vicino Centro congressi Fiera e l’ex Padiglione 3 di prossima riqualificazione. La selezione degli artisti che saranno invitati a partecipare al progetto sarà effettuata “considerando un numero di installazioni da un minimo di 10 a un massimo di 20”. La progettazione delle sculture dovrà tener conto della natura pubblica dello spazio, sia sotto il profilo della stabilità e sicurezza delle opere, sia sotto il profilo della resistenza dei materiali e della manutenzione. Un gruppo di lavoro in rappresentanza di tutti i settori del Comune coinvolti (Cultura, Urbanistica, Tecnico-Infrastrutture e Arredo urbano, Verde, Agricoltura) valuterà e verificherà la realizzazione del Parco delle Sculture secondo gli indirizzi e gli obiettivi dell’Amministrazione comunale, a partire dalla proposta/concept curatoriale. “Il Parco delle Sculture darà un’impronta di innovazione e di contemporaneità a un grande spazio verde aperto alla città – ha detto il  vicesindaco e assessore all’Urbanistica Ada Lucia De Cesaris  – in un “dialogo” tra arte, cultura, arredo urbano e architettura. Sarà uno spazio unico a Milano, in continuità con la vicina piazza ‘Gino Valle’ al Portello, da poco inaugurata con l’imponente installazione di Isgrò, cuore di un quartiere al centro di importanti trasformazioni e cambiamenti”. "Prosegue con questo importante progetto - ha dichiarato  l'assessore alla Cultura Filippo Del Corno -  l'obiettivo di dare un nuovo significato alla socialità degli spazi pubblici, già esistenti o di nuova realizzazione, con interventi d'arte contemporanea che abitino le aree urbane con creatività e bellezza, grazie al contributo dei più significativi artisti della scena internazionale".

Fonte: Comune di Milano

1295 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria