Venerdì, 13 dicembre 2019 - ore 05.55

Nigeria. 80 morti

| Scritto da Redazione
Nigeria. 80 morti

Nigeria. 80 morti
LO SCONTRO/ Nigeria, 8o morti in scontri tra cristiani e musulmani. Gli
incidenti alla vigilia di Natale. Un funzionario: «Abbiamo recuperato 80
cadaveri a Jos».- Almeno 80 persone sono morte negli attentati e negli
scontri della vigilia di Natale tra giovani cristiani e musulmani nella
Nigeria centrale. Lo affermano fonti ufficiali nigeriane. Sabato la
polizia aveva parlato di 32 morti, con un centinaio di feriti. «Finora
abbiamo recuperato 80 cadaveri a Jos», ha dichiarato Daniel Gambo,
funzionario dell'agenzia per le emergenze nigeriana. Il capo di stato
maggiore delle forze armate ha detto che due persone sono state
arrestate lunedìì a Jos, capitale dello stato del Plateau, per possesso
di dinamite e armi.

fonte: www.mondonuovonews.com

1251 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

EGITTO, RAPPORTO DI AMNESTY SULLA PROCURA PER LA SICUREZZA DELLO STATO

EGITTO, RAPPORTO DI AMNESTY SULLA PROCURA PER LA SICUREZZA DELLO STATO

UN MINACCIOSO STRUMENTO DI REPRESSIONE In un nuovo rapporto sull’Egitto diffuso oggi, Amnesty International ha accusato la Procura suprema per la sicurezza dello stato - responsabile delle indagini sulle minacce alla sicurezza nazionale - di abusare regolarmente delle norme antiterrorismo per annullare le garanzie sul giusto processo e perseguire migliaia di persone che hanno criticato il governo in modo pacifico
EGITTO, ESAME PERIODICO UNIVERSALE ONU: AMNESTY VA DENUNCIATA SITUAZIONE DEI DIRITTI UMANI

EGITTO, ESAME PERIODICO UNIVERSALE ONU: AMNESTY VA DENUNCIATA SITUAZIONE DEI DIRITTI UMANI

Alla vigilia dell’Esame periodico universale (Universal periodic review - Upr) cui l’Egitto si sottoporrà di fronte al Consiglio Onu dei diritti umani, Amnesty International ha chiesto alla comunità internazionale di pretendere l’immediato rilascio di manifestanti pacifici, attivisti e difensori dei diritti umani imprigionati nella spietata repressione che negli ultimi mesi ha portato in carcere oltre 3800 persone.
HONG KONG, AMNESTY INTERNATIONAL CRITICA I POTERI D’EMERGENZA

HONG KONG, AMNESTY INTERNATIONAL CRITICA I POTERI D’EMERGENZA

Il governo di Hong Kong ha annunciato l’intenzione di applicare - a partire dal 5 ottobre - una legge sui poteri d’emergenza, risalente al periodo coloniale, che vieta la copertura anche parziale del volto durante le manifestazioni pubbliche (salvo che per motivi di salute o di religione) e che autorizza le autorità a procedere ad arresti sommari e a limitare la libertà di espressione e di riunione pacifica.