Martedì, 04 ottobre 2022 - ore 19.07

ONU.No Fly Zone per la Libia

| Scritto da Redazione
ONU.No Fly Zone per la Libia

Risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell'ONU sulla No Fly Zone per la Libia.
Per il testo in inglese clicca qui:
http://www.un.org/News/Press/docs/2011/sc10200.doc.htm

La risoluzione tradotta in italiano.
Consiglio di sicurezza approva 'No-Fly Zone' oltre la Libia, che autorizza 'predisposte tutte le
Misure 'per proteggere i civili, con votazione di 10 A FAVORE contrari e 5 astensioni

Esigere un cessate il fuoco immediato in Libia, compresa la fine delle attuali attacchi contro i civili, che si dice potrebbe costituire "crimini contro l'umanità", il Consiglio di sicurezza di questa sera ha imposto un divieto su tutti i voli nel paese dello spazio aereo - un no-fly zone - e serrato sanzioni al regime Gheddafi ei suoi sostenitori.

Adottando la risoluzione 1973 (2011) con una votazione di 10 favorevoli, nessuno contrario e 5 astensioni (Brasile, Cina, Germania, India, Federazione Russa), il Consiglio ha autorizzato gli Stati membri, che agiscono a livello nazionale o tramite organizzazioni o accordi regionali, a prendere tutte le misure necessarie per proteggere i civili sotto la minaccia di attacchi nel Paese, tra Bengasi, pur escludendo una forza di occupazione straniera di qualsiasi tipo su qualsiasi parte del territorio libico - chiedere loro di informare immediatamente il segretario generale di tali misure.

Riconoscendo l'importante ruolo della Lega degli Stati arabi nel mantenimento della pace e della sicurezza internazionale nella regione, e tenendo presente la Carta delle Nazioni Unite del Capitolo VIII, il Consiglio ha chiesto alla Lega di Stati membri a cooperare con altri Stati membri nell'attuazione del no -fly zone.
Il Consiglio ha sottolineato la necessità di intensificare gli sforzi per trovare una soluzione alla crisi che ha risposto alle legittime richieste del popolo libico, rilevando azioni intraprese sul fronte diplomatico al riguardo. Ha inoltre chiesto che le autorità libiche rispettano i loro obblighi di diritto internazionale e di prendere tutte le misure per proteggere i civili e soddisfare i loro bisogni fondamentali e di garantire il passaggio rapido e senza ostacoli dell'assistenza umanitaria.

A questo proposito, il Consiglio ha specificato che il divieto di volo non si applica ai voli che aveva come unico scopo il loro aiuto umanitario, l'evacuazione dei cittadini stranieri, far rispettare il divieto o per altri scopi "ritenuto necessario per il bene del popolo libico".
Essa ha inoltre deciso che tutti gli Stati dovrebbero negare l'autorizzazione per qualsiasi aeromobile commerciale libico di atterrare o decollare a partire dal loro territorio a meno di un volo particolare era stata approvata in precedenza dal comitato che è stato istituito per monitorare le sanzioni imposte dalla risoluzione 1970 (2011).
In serrando il congelamento di beni e sulle armi stabilito dalla citata risoluzione, il Consiglio di questa sera altre condizioni dettagliate per i controlli di trasporto sospettato di violare l'embargo, a richiedere agli Stati far rispettare l'embargo a coordinare strettamente tra loro e il Segretario generale in merito alle misure stavano portando verso l'attuazione.
Ha invitato il Segretario Segretario di creare un pannello di otto membri di esperti per assistere il comitato del Consiglio di sicurezza nel controllo delle sanzioni.
Introducendo la risoluzione, il ministro degli Esteri di Francia, Alain Juppé, ha detto che "la situazione sul terreno è più allarmante che mai, segnata dalla violenza la riconquista delle città che sono stati rilasciati". Il Consiglio di Sicurezza non ha potuto guardare e "Lasciate che i guerrafondai spregio della legalità internazionale". Il mondo stava vivendo "una ondata di grandi rivoluzioni che avrebbero cambiato il corso della storia", ma la volontà del popolo libico era stato "calpestato sotto i piedi del regime di Gheddafi". All'inizio di misure del Consiglio era stata ignorata e la violenza contro i civili libici avevano raddoppiato.
Ha detto che l'urgente necessità di proteggere la popolazione civile ha portato alla elaborazione della risoluzione corrente, che ha autorizzato la Lega Araba e gli Stati membri che lo desiderano di prendere tutte le misure per proteggere le aree che erano stati minacciati dal regime di Gheddafi. "Abbiamo pochissimo tempo - forse solo una questione di ore", ha detto, aggiungendo che ogni ora e giorno che passava ", ha aumentato il peso" sulle spalle della comunità internazionale.
Parlando dopo il voto, rappresentanti che aveva appoggiato il testo concordato che la forte azione si è resa necessaria in quanto il regime di Gheddafi non aveva ascoltato le prime azioni del Consiglio ed è stato sul punto di ancora maggiore violenza contro i civili come chiusa in aree precedentemente dominato dalla opposizione nella parte orientale del paese. Essi hanno sottolineato che l'obiettivo era unicamente di proteggere i civili da ulteriori danni.
altoparlante del Libano ha sottolineato che il testo non comporterebbe la professione di "un pollice" del territorio libico da parte delle forze straniere. Il rappresentante del Regno Unito ha promesso che i partner del Trattato Nord Atlantico (NATO) e la Lega Araba erano ora pronti ad agire per sostenere il testo.
Il rappresentante degli Stati Uniti ha detto che oggi, il Consiglio aveva risposto al grido dei popoli libico 'per aiuto. Lo scopo del Consiglio è stata chiara: per proteggere i civili libici. Il Consiglio di sicurezza aveva autorizzato l'uso della forza, tra cui l'esecuzione di una no-fly zone, per proteggere i civili e le aree civili mirate dal colonnello Muammar Al-Gheddafi, i suoi alleati e mercenari.
I rappresentanti di Cina e la Federazione Russa, spiegando loro astensioni, la priorità mezzi pacifici per risolvere il conflitto e ha detto che molte domande non hanno ricevuto risposta per quanto riguarda le disposizioni della risoluzione, tra cui, in qualità di rappresentante russo messo, come e da chi le misure saranno applicate e quali sono i limiti del fidanzamento sarebbe. Ha detto che la risoluzione incluso un cessate il fuoco assolutamente necessaria, che aveva chiesto in precedenza. La Cina non ha bloccato l'azione con un voto negativo in considerazione della volontà della Lega Araba e dell'Unione africana, il suo rappresentante ha detto.
Le delegazioni di Italia, Germania e Brasile, avendo anche astenuto, ha altresì sottolineato la necessità di una risoluzione pacifica del conflitto e messo in guardia contro le conseguenze non intenzionali di un intervento armato.
Dichiarazioni sono state anche formulate dai rappresentanti della Bosnia-Erzegovina, Colombia, Portogallo, Nigeria e Sud Africa.

La riunione inizia alle 18:25 e termina alle 07:20

Azione sul progetto

Parlando prima della votazione, Alain Juppé, ministro degli Affari esteri della Francia, ha detto che il mondo stava vivendo "una ondata di grandi rivoluzioni che avrebbero cambiato il corso della storia", come persone in tutto il Nord Africa e il Medio Oriente sono state chiedendo "un soffio di aria fresca ", per la libertà di espressione e della democrazia. Tali chiamate alla transizione democratica aveva fatto eco attraverso la Tunisia, Egitto e Marocco. Tutti avevano visto la scena con grande speranza e credeva che "questa nuova primavera araba è una buona notizia per tutti". Le modifiche richieste della comunità internazionale a non "dare lezioni", ma per aiutare il popolo di questi paesi a costruire un nuovo futuro.

Eppure, ha detto, mentre tali transizioni in altri paesi non erano stati rispettati con estrema violenza, la volontà del popolo libico era stato "calpestato sotto i piedi del regime di Gheddafi", come il colonnello Muammar Gheddafi ha attaccato senza pietà il suo stesso popolo. Alla luce di tali azioni, la comunità internazionale ha reagito rapidamente, l'Assemblea generale aveva sospeso il paese dal Consiglio dei Diritti Umani, che stabilisce che gli attacchi sistematici e diffusi potrebbero costituire crimini contro l'umanità. Inoltre, la precedente risoluzione del Consiglio di Sicurezza aveva chiesto la fine immediata della violenza e aveva fatto riferimento alla situazione in Libia alla Corte penale internazionale.

Purtroppo, tali provvedimenti non erano stati sufficienti e la violenza contro i civili libici era stato raddoppiato, ha detto. Ancora una volta, la comunità internazionale aveva agito con l'unanimità, in particolare attraverso la Lega di chiedere al Consiglio di Sicurezza degli Stati arabi 'a promulgare una no-fly zone e di forte richiamo dell'Unione africana che si ponga fine alla violenza. "Eppure, la situazione sul terreno è più allarmante che mai, segnata dalla violenza ri-conquista delle città che sono stati rilasciati", ha detto, sottolineando che il Consiglio di Sicurezza non ha potuto guardare e "lasciare che i guerrafondai spregio della legalità internazionale" .

Alla luce di ciò, la Francia aveva lavorato assiduamente con il Regno Unito, Stati Uniti e altri membri della comunità internazionale chiedendo mezzi per proteggere la popolazione civile. Tali sforzi hanno portato alla elaborazione della risoluzione corrente, che ha autorizzato la Lega Araba e gli Stati membri che lo desiderano di prendere tutte le misure per proteggere le aree che erano stati minacciati dal regime di Gheddafi. "Abbiamo pochissimo tempo - forse solo una questione di ore", ha detto, aggiungendo che ogni ora e giorno che passava ", ha aumentato il peso" sulle spalle della comunità internazionale. Il Consiglio di Sicurezza aveva agito per assicurare che la democrazia ha prevalso.

Il Consiglio ha quindi adottato la risoluzione 1973 (2011) con una votazione di 10 favorevoli, nessuno contrario e 5 astensioni (Brasile, Cina, Germania, India, Federazione Russa).

Nawaf Salam (Libano) ha detto che la Libia soffriva pesantemente, con centinaia di vittime morte e migliaia di sfollati. Di fronte a tali rischi e il grande pericolo di questi crimini, le Nazioni Unite avevano agito prima, ma il colonnello Gheddafi non aveva ascoltato tali azioni. Libano, accordo con la Lega degli Stati arabi, aveva poi chiesto al Consiglio di Sicurezza di istituire misure volte a proteggere i civili. Le autorità libiche avevano perso tutta la loro legittimità e la risoluzione che mira a proteggere i civili libici.

Egli ha sottolineato che la risoluzione non avrebbe come conseguenza di una occupazione "anche di un centimetro" del territorio libico. Sperava che la risoluzione avrebbe avuto un ruolo di deterrenza e alla fine utilizzare le autorità libiche 'di forza. Ha riaffermato il pieno sostegno per la sovranità della contea, la necessità di una piena cooperazione tra le Nazioni Unite e la Lega degli Stati Arabi, ai sensi del Capitolo VIII della Carta delle Nazioni Unite, e la necessità di una soluzione pacifica alla situazione. La risoluzione è stata densa di speranze per la Libia e la sua gente, ha concluso.

MARK LYALL GRANT (Regno Unito), concordando sul fatto che il regime libico aveva perso legittimità, aveva violato le risoluzioni del Consiglio di stato e sul punto di assalto di Bengasi, ha detto di aver premuto per la rapida adozione della risoluzione corrente. Ha promesso che i partner del Trattato Nord Atlantico (NATO) e la Lega Araba erano ora pronti ad agire per sostenere il testo. La risoluzione delle Nazioni Unite per mettere chiaramente dietro i più alti valori dell'organizzazione.

PETER WITTIG (Germania) ha detto che l'intenzione del Consiglio di Sicurezza è stata quella di fermare le violenze in Libia e inviare un messaggio al colonnello Gheddafi ei suoi collaboratori "che il loro tempo è finito [e] che devono cedere il potere subito". Mentre il Consiglio ha agito in Libia, il Nord Africa era in fase di grandi cambiamenti politici, che merita pieno sostegno della comunità internazionale. L'obiettivo dovrebbe essere quello di promuovere la transizione politica in Libia, fermare la violenza e iniziare un vero processo politico. "Il popolo della Libia che ha così chiaramente espresso il loro aspirazioni per la democrazia dovrebbe essere sostenuto", ha detto, aggiungendo che il Consiglio Nazionale ad interim è stato un interlocutore importante a tale riguardo.

Ha detto che il suo Paese è particolarmente preoccupato per la difficile situazione del popolo libico e credeva che fosse fondamentale per inasprire le sanzioni esistenti per "tagliare [il regime libico] off" con i fondi che aveva appoggiato in su per tanto tempo. Le decisioni riguardanti l'uso della forza militare sono stati sempre estremamente difficile da prendere. Infatti, l'attuazione della risoluzione appena adottata, la Germania ha visto grandi rischi, e il rischio di perdita su larga scala della vita non deve essere sottovalutata. Coloro che hanno partecipato alla sua realizzazione potrebbero essere coinvolti in un lungo conflitto militare che potrebbe trarre in tutta la regione. Se la risoluzione non riuscito, sarebbe sbagliato pensare che qualsiasi intervento militare sarebbe stato rapido ed efficiente effettuati. La Germania aveva deciso di non sostenere la risoluzione e non può contribuire proprie forze a qualunque sforzo militare che nasce dalla sua attuazione. La Germania si era astenuta dal voto.

Susan Rice (Stati Uniti) ha detto che oggi, il Consiglio aveva risposto al grido dei popoli libico 'per aiuto. Lo scopo del Consiglio è stata chiara: per proteggere i civili libici. Il Consiglio aveva adottato una risoluzione che in precedenza aveva mandato un messaggio forte, ma il colonnello Gheddafi e quelli che ancora si presentarono a lui aveva continuato a grossolanamente e violano sistematicamente i diritti più fondamentali del popolo libico. La Lega araba ha successivamente invitato il Consiglio ad adottare misure più rigorose, e la risoluzione attuale è stata una risposta a quella chiamata, così come una risposta forte alla situazione nel terreno.

Ha detto che il Consiglio di sicurezza aveva autorizzato l'uso della forza, tra cui l'esecuzione di una no-fly zone, per proteggere i civili e le aree civili mirate dal colonnello Gheddafi, i suoi alleati e mercenari. Il testo ha inoltre rafforzato le misure già approvate in base alla risoluzione 1970 (2011). Inoltre, è istituito un gruppo di esperti per monitorare l'attuazione a breve e lungo termine delle sanzioni. Ha sottolineato che il futuro della Libia dovrebbe essere deciso dal popolo libico. Gli Stati Uniti stavano con il popolo della Libia nella loro lotta per esercitare i loro diritti fondamentali.

Hardeep Singh Puri (India), spiegando la sua astensione, ha espresso grande preoccupazione per il benessere della popolazione della Libia e ha sostenuto la nomina del Rappresentante del Segretario Generale. La relazione di tale Envoy e quella degli altri non era ancora stato ricevuto. Di conseguenza, la risoluzione di oggi è basata su poche informazioni chiare, tra cui la mancanza di certezza che stava per applicare le misure. Ci deve essere certezza che i risultati negativi non sono stati probabilmente prima di tali misure di ampio respiro sono stati adottati. impegno politico deve essere la priorità per risolvere la situazione.

Maria Luiza RIBERIO Viotti (Brasile) ha detto la sua delegazione è stata profondamente preoccupata per la situazione in Libia e ha deplorato che il "messaggio forte" inviato dalla risoluzione 1970 (2011) era nota ancora stati ascoltati. Il governo brasiliano aveva in precedenza condannato le violenze in corso da parte delle autorità libiche e aveva chiesto loro di mantenere e tutelare il diritto di libera espressione dei manifestanti e per cercare una soluzione alla crisi attraverso il dialogo significativo. Il suo voto di oggi delegazione deve in alcun modo essere interpretato come apologia del comportamento delle autorità libiche o come disprezzo per la necessità di proteggere i civili e il rispetto dei loro diritti.

Ha detto che, mentre il Brasile era in solidarietà con tutti i movimenti della regione esprimere le loro legittime richieste di una migliore governance, e aveva preso in considerazione invito della Lega araba, ad adottare misure forti per fermare la violenza attraverso una zona no-fly, si ritiene che la risoluzione misure previste che andava al di là di quella chiamata. "Non siamo convinti che l'uso della forza, come previsto nel paragrafo dispositivo 4 della presente risoluzione porterà alla realizzazione del nostro obiettivo comune - la fine immediata della violenza e la protezione dei civili", ha detto, aggiungendo che il Brasile è stato anche preoccupati che le misure approvate oggi potrebbe avere l'effetto indesiderato di esacerbare le attuali tensioni sul terreno e "causando più danni che benefici ai civili stesso ci impegniamo a proteggere". Nessuna azione militare da sola sarebbe riuscita a porre fine al conflitto. Proteggere i civili, garantendo soluzione duratura e affrontare le richieste legittime dei cittadini libici chiesto un processo politico.

IVAN BARBALI? (Bosnia Erzegovina) ha ribadito la profonda preoccupazione per la sua delegazione per il rapido deterioramento della situazione in Libia. Il popolo libico disperato bisogno di assistenza umanitaria, e il libero accesso di tali provvedimenti, è stata una necessità assoluta. Ha chiesto alle autorità libiche a porre fine alla violenza contro il popolo libico e credeva che la risoluzione è stata una risposta alla loro legittima richiesta e alla chiamata delle organizzazioni regionali.

Nestor Osorio (Colombia) ha detto che la sua delegazione era convinto che lo scopo della nuova risoluzione era essenzialmente umanitario ed è stato favorevole alla realizzazione delle condizioni che porterebbero alla protezione dei civili sotto attacco da un regime che aveva perso ogni legittimità. Il Consiglio ha agito perché il governo, attraverso le sue azioni, aveva dimostrato che non spettava a tutelare e promuovere i diritti della sua gente.

Colombia deplorato il fatto che le misure a norma della risoluzione 1970 (2011) non erano state ascoltate. Si è anche preoccupato del fatto che il testo attuale non era stato approvato all'unanimità. Colombia creduto che il miglior modo di cricco la pressione sul regime di Gheddafi è stato quello di imporre una no-fly zone, come richiesto dalla Lega degli Stati Arabi. La grave situazione sul terreno ha precisato che tutte le condizioni erano presenti per il Consiglio ad adottare ulteriori misure e serrare le sanzioni approvate con delibera 1970 (2011).

Vitaly Churkin (Federazione russa) ha detto di aver rinunciato, anche se la posizione del suo Paese contro la violenza contro i civili in Libia era chiaro. I lavori per la risoluzione non era in linea con la prassi del Consiglio di sicurezza, con molte domande rimaste senza risposta che, anche come sarebbe stato applicato e da chi, e quali sono i limiti di impegno sarebbe. Il suo paese non aveva impedito l'adozione della risoluzione, ma era convinto che un cessate il fuoco immediato è stato il miglior modo per arrestare la perdita della vita. Il suo paese, infatti, aveva premuto in precedenza per una risoluzione che chiedeva un cessate il fuoco, che avrebbero potuto salvare molte altre vite. In guardia contro le conseguenze imprevedibili, ha sottolineato che vi era una necessità di evitare un'ulteriore destabilizzazione della regione.

JOSÉ FILIPE MORAES Cabral (Portogallo) ha detto che il suo paese ha votato a favore del testo, perché gli attacchi contro i civili era continuata dopo il passaggio dell'ultima risoluzione del Consiglio, e le condizioni si stavano deteriorando. Ha affermato che la risoluzione di oggi affrontate le priorità del suo paese, tra cui protezione dei civili, la facilitazione del libero aiuto umanitario, la promozione di un dialogo nazionale e di garanzie per l'integrità territoriale e indipendenza della Libia. Ha sostenuto tutti gli sforzi diplomatici per risolvere la situazione.

U. JOY Ogwu (Nigeria) ha detto che la risoluzione è stata resa necessaria dalla situazione di persistente grave e terribile in Libia. "La situazione attuale lascia un'impronta indelebile sulla coscienza e ci obbliga ad agire", ha detto, aggiungendo che chiama persistente sua delegazione per la pace erano radicati nella necessità di garantire la protezione dei civili e la fornitura di assistenza umanitaria a coloro più bisognosi, molti dei quali erano cittadini nigeriani. La Lega degli Stati arabi e l'Unione africana aveva parlato con una sola voce di condanna della situazione in Libia.

Ha detto che mentre la sua delegazione aveva appoggiato il testo attuale, si ritiene anche che l'occupazione straniera non era una scelta per garantire la pace. Nigeria lingua supportata dal testo attuale che negava tale possibilità. Nigeria è stato anche incoraggiato dal fatto che il percorso politico per una soluzione è stata approvata nel testo. "Oggi, siamo stato inviato un messaggio inequivocabile per il popolo libico che la dignità e la sicurezza di ogni donna, uomo e bambino è fondamentale", ha detto, aggiungendo che quando il destino dei civili innocenti, è stato in questione, la comunità internazionale, imperterrito, deve essere pronti a rispondere.

BASO SANGQU (Sud Africa) ha detto che la sua delegazione è stata profondamente preoccupata per quello che stava rapidamente diventando una guerra civile in Libia. Sperava che potrebbe essere risolta in modo pacifico, secondo la volontà del popolo libico. Qualsiasi soluzione deve anche garantire la solidarietà e l'integrità della Libia e, come tale, il Sud Africa ha sostenuto l'invio da parte dell'Unione Africana di una missione speciale per il paese. Ha incoraggiato dal fatto che la missione di lavorare a stretto contatto con l'inviato di recente nomina speciale del Segretario generale sulla ricerca di una soluzione pacifica.

Egli ha detto che il Sud Africa ha deplorato che precedente risoluzione del Consiglio non era stato ascoltato e creduto che, adottando il testo attuale, il Consiglio ha agito in modo responsabile per rispondere alla chiamata del popolo libico. Sarebbe anche la velocità assistenza umanitaria a coloro che ne avevano più bisogno. Sperava che la lettera e lo spirito della risoluzione in esame sarebbe stata attuata in pieno.

Il presidente del Consiglio di sicurezza LI BAODONG (Cina), parlando nella sua veste nazionale, ha detto che il continuo deterioramento della situazione in Libia è stata di grande interesse per la Cina. Tuttavia, la Carta delle Nazioni Unite deve essere rispettata e la crisi attuale deve essere terminato con mezzi pacifici. La Cina è sempre stata contro l'uso della forza quando questi mezzi non sono stati esauriti. La sua delegazione aveva chiesto domande specifiche che non è riuscito a rispondere e, di conseguenza, aveva serie difficoltà con la risoluzione. Non aveva bloccato il passaggio della risoluzione, però, perché essa attribuisce grande importanza alle richieste della Lega araba e dell'Unione africana. Allo stesso tempo, ha sostenuto gli sforzi dell'inviato del segretario generale per risolvere la situazione con mezzi pacifici.

Risoluzione
Il testo integrale della risoluzione 1973 (2011) così recita:
"Il Consiglio di Sicurezza,
"Ricordando la sua risoluzione 1970 (2011) del 26 febbraio 2011,
"Deplorando il fallimento delle autorità libiche per conformarsi alla risoluzione 1970 (2011),
"Esprimendo preoccupazione per il deteriorarsi della situazione, l'escalation di violenza, e le pesanti perdite civili,
"Ribadendo la responsabilità delle autorità libiche per proteggere la popolazione libica e ribadendo che parti dei conflitti armati hanno la responsabilità primaria di adottare tutte le misure possibili per garantire la protezione dei civili,
"Condannare le violazioni gravi e sistematiche dei diritti umani, tra cui detenzioni arbitrarie, sparizioni forzate, torture ed esecuzioni sommarie,
"Inoltre condannando gli atti di violenza e intimidazione commessi dalle autorità libiche contro i giornalisti, professionisti e personale associato, ed esortando le stesse autorità a rispettare i loro obblighi derivanti dal diritto umanitario internazionale, come indicato nella risoluzione 1738 (2006),
"Considerando che gli attacchi diffusi e sistematici in corso presso la Libia contro la popolazione civile può ammontare a crimini contro l'umanità,
"Ricordando il paragrafo 26 della risoluzione 1970 (2011) in cui il Consiglio ha espresso la sua disponibilità a prendere in considerazione ulteriori misure appropriate, come necessario, per facilitare e sostenere il ritorno delle agenzie umanitarie e di fornire l'assistenza umanitaria e connessi nella Libia,
"Esprimendo la sua determinazione ad assicurare la protezione dei civili e civili aree popolate e il passaggio rapido e senza ostacoli dell'assistenza umanitaria e la sicurezza del personale umanitario,
"Ricordando la condanna da parte della Lega degli Stati Arabi, l'Unione africana e al Segretario generale dell'Organizzazione della Conferenza islamica di gravi violazioni dei diritti umani e del diritto umanitario internazionale che sono stati e vengono commessi in Libia,
"Prendendo atto del comunicato finale della Organizzazione della Conferenza Islamica dell '8 marzo 2011, e il comunicato del Consiglio per la pace e la sicurezza dell'Unione africana, del 10 marzo 2011 che ha istituito un ad hoc di alto livello del Comitato per la Libia,
"Prendendo atto anche della decisione del Consiglio della Lega degli Stati Arabi del 12 marzo 2011 a chiedere l'imposizione di una no-fly zone sul libico dell'aviazione militare, e per stabilire le zone sicure in ambienti esposti al bombardamento, come misura precauzionale che consente la protezione del popolo libico e ai cittadini stranieri residenti in Libia,
"Prendendo atto ulteriore di chiamare il Segretario generale il 16 marzo 2011 per un cessate il fuoco immediato,
"Ricordando la sua decisione di deferire la situazione in Libia dal 15 febbraio 2011 al Procuratore della Corte penale internazionale, e sottolineando che i responsabili o complici di attacchi diretti contro la popolazione civile, compresi gli attacchi aerei e navali, deve dichiarare per conto,
"Nel ribadire la propria preoccupazione per la situazione dei profughi e lavoratori stranieri costretti a fuggire dalla violenza in Libia, accogliendo la risposta degli Stati vicini, in particolare Tunisia ed Egitto, per affrontare i bisogni di quei profughi e lavoratori stranieri, e invitando la comunità internazionale a sostenere questi sforzi,
"Deplorando il continuo uso di mercenari da parte delle autorità libiche,
"Considerando che l'istituzione di un divieto su tutti i voli nello spazio aereo della Libia costituisce un elemento importante per la protezione dei civili, nonché la sicurezza della fornitura di assistenza umanitaria e un passo decisivo per la cessazione delle ostilità in Libia ,
"Esprimendo preoccupazione anche per la sicurezza dei cittadini stranieri e dei loro diritti in Libia,
"Accogliendo con favore la nomina da parte del Segretario Generale del suo inviato speciale in Libia, Mohamed Abdul Ilah Al-Khatib e sostenere i suoi sforzi per trovare una soluzione sostenibile e pacifica della crisi in Libia,
"Riaffermando il suo forte impegno per la sovranità, l'indipendenza, l'integrità territoriale e l'unità nazionale della Libia,
"Riconoscendo che la situazione in Libia continua a rappresentare una minaccia per la pace e la sicurezza internazionale,
"Ai sensi del capitolo VII della Carta delle Nazioni Unite,
"1. Chiede l'immediata costituzione di un cessate il fuoco e completamente fine alle violenze e contro tutti gli attacchi e gli abusi di, i civili;
"2. Sottolinea la necessità di intensificare gli sforzi per trovare una soluzione alla crisi che risponde alle legittime richieste del popolo libico e le note le decisioni del segretario generale di mandare il suo inviato speciale per la Libia e del Consiglio per la pace e la sicurezza dell'Unione africana di inviare i suoi ad hoc di alto livello del Comitato per la Libia con l'obiettivo di facilitare il dialogo per portare alle riforme politiche necessarie per trovare una soluzione pacifica e sostenibile;
"3. Chiede che le autorità libiche rispettare i propri obblighi di diritto internazionale, compreso il diritto internazionale umanitario, dei diritti umani e del diritto dei rifugiati e prendere tutte le misure per proteggere i civili e soddisfare i loro bisogni di base, e per garantire il passaggio rapido e senza ostacoli di assistenza umanitaria;
"La protezione dei civili
"4. Autorizza gli Stati membri che hanno notificato al segretario generale, che agisce a livello nazionale o tramite organizzazioni o accordi regionali, ed in cooperazione con il Segretario generale, ad adottare tutte le misure necessarie, in deroga al paragrafo 9 della risoluzione 1970 (2011), per proteggere i civili e civili zone popolate sotto la minaccia di un attacco in Libia, tra Bengasi, pur escludendo una forza di occupazione straniera di qualsiasi forma su qualsiasi parte del territorio libico, e chiede agli Stati membri interessati di informare il Segretario Generale immediatamente delle misure da essi adottate In forza della delega conferita dal presente paragrafo, che devono essere immediatamente comunicate al Consiglio di Sicurezza;
"5. Riconosce l'importante ruolo della Lega degli Stati arabi in materia di mantenimento della pace internazionale e la sicurezza nella regione, e tenendo presente Capitolo VIII della Carta delle Nazioni Unite, chiede agli Stati membri della Lega degli Stati arabi cooperare con altri Stati membri per l'attuazione del paragrafo 4;
"No-fly zone
"6. Decide di istituire un divieto su tutti i voli nello spazio aereo della Libia, al fine di contribuire a proteggere i civili;
"7. Decide inoltre che il divieto imposto dal comma 6 non si applica ai voli il cui unico scopo è umanitario, come ad esempio la consegna o facilitare la fornitura di assistenza, comprese le forniture mediche, alimentari, operatori umanitari e l'assistenza, o l'evacuazione degli stranieri dalla Libyan Arab Jamahiriya, né si applica ai voli autorizzati ai paragrafi da 4 o 8, né gli altri voli che sono ritenute necessarie da parte degli Stati che agiscono sotto la delega conferita al paragrafo 8 per essere a beneficio del popolo libico, e che questi voli sono coordinate con qualsiasi meccanismo istituito ai sensi del paragrafo 8;
"8. Autorizza gli Stati membri che hanno notificato al segretario generale e al Segretario generale della Lega degli Stati Arabi, agendo a livello nazionale o tramite organizzazioni o accordi regionali, di adottare tutte le misure necessarie per far rispettare il divieto di volo imposto dal precedente punto 6, se necessario, e chiede agli Stati interessati, in collaborazione con la Lega degli Stati arabi a coordinare strettamente con il Segretario generale in merito alle misure che stanno adottando per attuare questo divieto, anche prevedendo un meccanismo appropriato per l'attuazione delle disposizioni dei paragrafi 6 e 7 ,
"9. Invita tutti gli Stati membri, che agiscono a livello nazionale o tramite organizzazioni o accordi regionali, a fornire assistenza, comprese le eventuali autorizzazioni di sorvolo necessario, ai fini della applicazione dei paragrafi 4, 6, 7 e 8;
"10. Chiede agli Stati membri interessati di coordinarsi strettamente con l'altro e il Segretario generale in merito alle misure che stanno adottando per attuare i paragrafi 4, 6, 7 e 8, comprese le misure pratiche per il monitoraggio e l'approvazione dei autorizzati voli umanitari o di evacuazione;
"11. Decide che gli Stati membri interessati informano il segretario generale e al Segretario generale della Lega degli Stati Arabi immediatamente delle misure adottate nell'esercizio dell'autorità conferiti dal precedente punto 8, anche per la fornitura di un concetto di operazioni;
"12. Chiede al Segretario generale di informare immediatamente il Consiglio di eventuali azioni intraprese dagli Stati membri interessati, in esercizio del mandato conferito dal paragrafo 8 di cui sopra e di riferire al Consiglio entro 7 giorni e tutti i mesi successivi in ??merito all'attuazione della presente risoluzione, compresi informazioni su eventuali violazioni del divieto di volo imposto dal precedente punto 6;

"Attuazione dell'embargo sulle armi
"13. Decide che il paragrafo 11 della risoluzione 1970 (2011), è sostituito dal seguente comma: "invita tutti gli Stati membri, in particolare gli Stati della regione, agendo a livello nazionale o tramite organizzazioni o accordi regionali, al fine di garantire la rigorosa applicazione delle braccia embargo stabilito dai punti 9 e 10 della risoluzione 1970 (2011), di ispezionare nel proprio territorio, compresi i porti e gli aeroporti, e in alto mare, navi e aeromobili diretti da o verso la Libia, se lo Stato interessato ha informazioni che offre fondati motivi di ritenere che il carico contenga elementi di fornitura, alla vendita, trasferimento o esportazione di cui è vietata dai punti 9 e 10 della risoluzione 1970 (2011) come modificato dalla presente risoluzione, compresa la fornitura di personale armato mercenario, invita tutti i Stati di bandiera di tali navi e aerei a collaborare con tali ispezioni e autorizza gli Stati membri a utilizzare tutti i provvedimenti commisurati alle circostanze specifiche per realizzare tali ispezioni ";
"14. Chiede agli Stati membri che stanno prendendo provvedimenti ai sensi del paragrafo 13 della presente sentenza in alto mare a coordinare strettamente tra loro e il segretario generale e delle ulteriori richieste agli Stati interessati di informare il segretario generale e al comitato istituito ai sensi del paragrafo 24 della risoluzione 1970 ( 2011) ("il comitato") immediatamente delle misure adottate nell'esercizio dell'autorità conferiti dal precedente punto 13;
"15. Richiede qualsiasi Stato membro che agisca a livello nazionale o tramite organizzazioni o accordi regionali, quando si intraprende una ispezione ai sensi del precedente punto 13, a presentare tempestivamente una prima relazione scritta al Comitato che contiene, in particolare, la spiegazione dei motivi per l'ispezione, i risultati detta ispezione, e se la cooperazione è stato fornito, e, se per il trasferimento di oggetti vietati sono trovati, richiede ulteriori tali Stati membri di sottoporre al Comitato, in una fase successiva, una successiva relazione scritta contenente le informazioni relative concernente l'ispezione, il sequestro e smaltimento, e dettagli rilevanti del trasferimento, compresa una descrizione degli elementi, la loro origine e destinazione, se queste informazioni non sono contenute nella relazione iniziale;
"16. Deplora il flusso continuo di mercenari in Libia e invita tutti gli Stati membri a rispettare rigorosamente i loro obblighi ai sensi del paragrafo 9 della risoluzione 1970 (2011) per impedire la prestazione di personale armato mercenario alla Libia;

"Divieto di volo
"17. Decide che tutti gli Stati dovranno negare l'autorizzazione per tutti gli aeromobili registrati in Libia Jamahiriya araba o di proprietà o gestiti da cittadini libici o società di decollare, atterrare o sorvolare il loro territorio se il volo in questione è stato approvato in precedenza dal comitato, o nel caso di un atterraggio di emergenza;
"18. Decide che tutti gli Stati dovranno negare l'autorizzazione per qualsiasi aeromobile di decollare, atterrare o di sorvolo del loro territorio, se hanno le informazioni che fornisce fondati motivi di ritenere che gli aeromobili contiene gli elementi della fornitura, vendita, trasferimento o esportazione di cui è vietata dai punti 9 e 10 della risoluzione 1970 (2011) come modificato dalla presente risoluzione, compresa la fornitura di personale armato mercenario, tranne nel caso di un atterraggio di emergenza;

"Asset freeze
"19. Decide che il congelamento dei beni imposte dal paragrafo 17, 19, 20 e 21 della risoluzione 1970 (2011) si applica a tutti i fondi, altre attività finanziarie e risorse economiche che sono sui loro territori, che sono posseduti o controllati, direttamente o indirettamente, da le autorità libiche, come indicate dal comitato, o da persone o entità che agiscono per loro conto o sotto la loro direzione, o da entità possedute o controllate da loro, come indicate dal comitato, e decide inoltre che tutti gli Stati membri assicurano che tutti i fondi , attività finanziarie o risorse economiche non possano essere messi a disposizione dai loro cittadini o da persone o enti nel loro territorio, o per il beneficio delle autorità libiche, come stabilito dal comitato, o individui o entità che agiscono per loro conto o sotto la loro direzione, o da entità possedute o controllate da loro, come indicate dal comitato, e dirige il Comitato di designare tali autorità libiche, gli individui o le entità entro 30 giorni dalla data di adozione di questa risoluzione e, se del caso, successivamente;
"20. Afferma la sua determinazione ad assicurare che beni sequestrati ai sensi del paragrafo 17 della risoluzione 1970 (2011) è, in una fase successiva, al più presto essere messi a disposizione e per il bene del popolo della Libia;
"21. Decide che tutti gli Stati membri impongono ai loro cittadini, le persone soggette alla loro giurisdizione e le imprese integrate nel loro territorio o soggetti alla loro giurisdizione a vigilare quando fanno affari con gli enti inseriti nella Libia o soggetta alla sua giurisdizione, e le eventuali persone o entità agiscono in loro nome o sotto la loro direzione, e le entità possedute o controllate da loro, se gli Stati dispongono di informazioni che offre fondati motivi di ritenere che tale attività possa contribuire alla violenza e all'uso della forza contro i civili;
Denominazioni "
"22. Decide che le persone elencate nell'allegato I sono soggette alle restrizioni di viaggio imposte ai punti 15 e 16 della risoluzione 1970 (2011), e decide inoltre che gli individui e le entità di cui all'allegato II è soggetto a congelare l'attività di cui ai paragrafi 17, 19, 20 e 21 della risoluzione 1970 (2011);
"23. Decide che le misure di cui ai paragrafi 15, 16, 17, 19, 20 e 21 della risoluzione 1970 (2011) si applica anche alle persone e alle entità stabilite dal Consiglio o dal Comitato per avere violato le disposizioni della risoluzione 1970 (2011), in particolare punti 9 e 10, o di avere altri assistiti in tale compito;
"Gruppo di esperti
"24. Chiede al Segretario generale per creare per un periodo iniziale di un anno, in consultazione con il comitato, un gruppo di otto esperti ("Panel di Esperti"), sotto la direzione del Comitato di svolgere i seguenti compiti:
(A) aiutare il comitato a svolgere il suo mandato come previsto dal paragrafo 24 della risoluzione 1970 (2011) e la presente risoluzione;
(B) di raccogliere, esaminare e analizzare le informazioni provenienti dagli Stati, pertinenti organi delle Nazioni Unite, le organizzazioni regionali e altre parti interessate in merito all'attuazione delle misure decise nella risoluzione 1970 (2011) e questa risoluzione, in casi particolari di non conformità;
(C) formulare raccomandazioni sulle azioni del Consiglio o del Comitato o di Stato, può prendere in considerazione per migliorare l'attuazione delle misure pertinenti;
(D) fornire al Consiglio una relazione intermedia sui suoi lavori entro e non oltre 90 giorni dalla nomina del panel, e una relazione finale al Consiglio entro e non oltre 30 giorni prima della cessazione del suo mandato, con le sue conclusioni e raccomandazioni;
"25. Sollecita tutti gli Stati, pertinenti organi delle Nazioni Unite e le altre parti interessate, a cooperare pienamente con il comitato e il gruppo di esperti, in particolare fornendogli tutte le informazioni a loro disposizione sull'attuazione delle misure decise nella risoluzione 1970 (2011) e questa risoluzione , in casi particolari di non conformità;
"26. Decide che il mandato del Comitato di cui al paragrafo 24 della risoluzione 1970 (2011) si applica anche alle misure decise nella presente risoluzione;
"27. Decide che tutti gli Stati, tra cui la Libia, adotta le misure necessarie per garantire che nessuna pretesa incombe su istanza delle autorità libiche, o di qualsiasi persona fisica o giuridica nella Libia, o di qualsiasi persona che agisce tramite o a beneficio di tale persona o ente, in relazione a qualsiasi contratto o transazione in cui è stato influenzato le sue prestazioni a causa delle misure adottate dal Consiglio di Sicurezza nella risoluzione 1970 (2011), questa risoluzione e le relative risoluzioni;
"28. Ribadisce la sua intenzione di mantenere le azioni delle autorità libiche in maniera costante e sottolinea la sua disponibilità a rivedere in qualsiasi momento, le misure imposte da tale risoluzione e risoluzione 1970 (2011), anche rafforzando, la sospensione o revoca le misure, se del caso, in base sul rispetto da parte delle autorità libiche, con la presente risoluzione e la risoluzione 1970 (2011);
"29. Decide di continuare a occuparsi attivamente della questione. "
Libia: Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha proposto le denominazioni

 
Allegato I: il divieto di viaggio
1
 QUREN SALIH Gheddafi QUREN AL
 L'ambasciatore libico in Ciad. Ha lasciato il Ciad per Sabha. Coinvolto direttamente nel reclutamento di mercenari e di coordinamento per il regime.
2
 Il colonnello AMID Husain Kuni AL
 Governatore di Ghat (Libia del Sud). Direttamente coinvolto nel reclutamento di mercenari.

Allegato II: congelamento dei beni
1
 Dorda, Abu Zayd Umar
 Posizione: Direttore, Organizzazione sicurezza esterna
2
 Jabir, il maggiore generale Abu Bakr Yunis
 Posizione: Il Ministro della Difesa
 Titolo: Major General Data di nascita: --/--/1952. POB: Jalo, Libia
3
 Matuq, Matuq Mohammed
 Posizione: il segretario della Utilities
 Data di nascita: --/--/1956. POB: Khoms
4
 Gheddafi, Mohammed Muammar
 Figlio di Muammar Gheddafi. Vicinanza di associazione con il regime
 Data di nascita: --/--/1970. POB: Tripoli, Libia
5
 Gheddafi, Saadi
 Comandante delle Forze Speciali. Figlio di Muammar Gheddafi. Vicinanza di associazione con regime. Comando di unità militari coinvolti nella repressione delle manifestazioni
 Data di nascita: 25/05/1973. POB: Tripoli, Libia
6
 Gheddafi, Saif al-Arab
 Figlio di Muammar Gheddafi. Vicinanza di associazione con il regime
 Data di nascita: --/--/1982. POB: Tripoli, Libia
7
 Al-Senussi, il colonnello Abdullah
 Posizione: Military Intelligence Director
 Titolo: Colonnello Data di nascita: --/--/1949. POB: Sudan
Enti
1
 Banca Centrale della Libia
 Sotto il controllo di Muammar Gheddafi e la sua famiglia, e potenziale fonte di finanziamento per il suo regime.
2
 Investment Authority libico
 Sotto il controllo di Muammar Gheddafi e la sua famiglia, e potenziale fonte di finanziamento per il suo regime.
 aka: Arab Foreign Investment Company libica (LAFICO) Indirizzo: 1 Office Tower Fateh, n. 99, al 22 ° piano, Via Borgaida, Tripoli, Libia, 1103
3
 Libyan Foreign Bank
 Sotto il controllo di Muammar Gheddafi e la sua famiglia e una potenziale fonte di finanziamento per il suo regime.
4
 Libia Africa Investment Portfolio
 Sotto il controllo di Muammar Gheddafi e la sua famiglia, e potenziale fonte di finanziamento per il suo regime.
 Indirizzo: Via Libica, LAP Building, PO Box 91.330, Tripoli, Libia
5
 Libica National Oil Corporation
 Sotto il controllo di Muammar Gheddafi e la sua famiglia, e potenziale fonte di finanziamento per il suo regime.
 Indirizzo: Via Saadwi Bashir, Tripoli,

5785 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria