Venerdì, 14 dicembre 2018 - ore 14.02

Firma la petizione: NO alla chiusura di BALLARÒ

Vogliamo ancora in TV BALLARÒ Non è accettabile che si censuri una trasmissione che con intelligenza si è saputa rinnovare, aderendo alle problematiche più attuali e sentite, riportando con equità le diverse opinioni , senza negare il dibattito.

Vogliamo ancora in TV BALLARÒ Non è accettabile che si censuri una trasmissione che con intelligenza si è saputa rinnovare, aderendo alle problematiche più attuali e sentite, riportando con equità le diverse opinioni , senza negare il dibattito.

Ci dispiace che venga ignorata la platea che segue questa trasmissione , per bieche ripicche o vendette politiche che vogliono indirizzare le trasmissioni verso un amorfo qualunquismo, escludendo cultura e dibattito socio-politico.

Questa petizione sarà consegnata a:

Presidente del Consiglio Matteo Renzi

Direttore Generale RAI Antonio Campo Dall'Orto

Direttrice RAI 3 Daria Bignardi

Maria Augello ha lanciato questa petizione  su Change

Puoi firmare anche cliccando qui

 

Firme raccolte finora: 9

Firma ora la petizione!

Compila tutti i campi per firmare la petizione.
Il tuo indirizzo email non verrà mostrato
.
(max 300 caratteri)
Nome e Cognome CAP Data Commenti

Altre petizioni

L’appello ‘Mai più fascismi’

Una petizione unitaria sottoscritta da tutti i partiti della sinistra e del centrosinistra e da decine di associazioni popolari’. La raccolta delle firme continuerà nelle prossime settimane sia nelle sedi delle associazioni aderenti che nelle piazze di tutte le città.

FIRMA L'APELLO BASTA CON QUESTO GIOCO ALLA GUERRA

L'appello congiunto Anpi, Arci, Cgil, Cisl, Uil, Acli nazionali. Il testo firmato da Smuraglia, Chiavacci, Camusso, Furlan, Barbagallo, Rossini. "Cittadine e cittadini si mobilitino per diffondere il più possibile voci e iniziative di pace"

Il Torrione di Cremona va restaurato Firma qui la petizione al Sindaco

Chiediamo al comune di Cremona che si attivi per la valorizzazione e il restauro conservativo del Torrione di via Ghinaglia, attraverso l'apporto di energie pubbliche e private, enti ed associazioni. Inoltre chiediamo che sia valorizzato da un progetto di divulgazione culturale presso le scuole elementari cittadine.