Domenica, 13 giugno 2021 - ore 05.07

Ritardi Milano-Treviglio-Cremona I pendolari sono tutti visionari? di Oreste Parati (Crema)

Ho letto con un po’di tristezza e rabbia la risposta inviata dalla dottoressa Farisè al consigliere Alloni in merito ai ritardi dei treni della linea Milano-Treviglio-Cremona. Mi sembra di intuire dalla risposta che si stanno negando i problemi, visto che gli stessi non si vogliono vedere.

| Scritto da Redazione
Ritardi Milano-Treviglio-Cremona I pendolari sono tutti visionari? di Oreste Parati (Crema)

Signor direttore, ho letto con un po’di tristezza e rabbia la risposta inviata dalla dottoressa Farisè al consigliere Alloni in merito ai ritardi dei treni della linea Milano-Treviglio-Cremona. Mi sembra di intuire dalla risposta che si stanno negando i problemi, visto che gli stessi non si vogliono vedere. Oppure si vuole dire che i pendolari sono tutti visionari? Vedono ritardi che non esistono? Il mio primo dubbio: come vengono registrati gli orari di partenza/arrivo treni? Vengono fatte, per non pensare male... delle modifiche in modo da nascondere l’orario effettivo? (...) I treni arrivano tardi e tutti i giorni lo proviamo sulla nostra pelle. Il treno 10481 in partenza da Milano porta Garibaldi alle ore 17.36, negli ultimi due mesi non è mai giunto una volta, dico mai una volta, a Casaletto Vaprio in orario. Solo nei primi giorni del mese di novembre questo treno ha già avuto più volte un ritardo fino a 35/40 minuti (a Casaletto Vaprio). L’ad sostiene che a Cremona il ritardo è pari a pochi minuti, mi vuole suggerire di trasferire la mia residenza a Cremona? (...) Se il treno 10481 negli ultimi due mesi non è mai arrivato in orario c’è un motivo strutturale? Perché non si indaga più a fondo invece di negare. Il 30 ottobre si è verificato un guasto, è stato un pomeriggio da dimenticare. Passeggeri (persone) bloccate sul treno fuori dalla stazione di Crema che, esasperate dopo il tempo di fermo, sono addirittura scese dal treno e, percorrendo i binari a piedi sono andate in stazione. Perché devono succedere queste cose? Perché un treno sta fermo tutto questo tempo senza che non succeda nulla? Chi è il responsabile della sicurezza? Lo stesso giorno io, per un impegno a casa, avrei dovuto prendere il treno n 10475 in partenza da Milano porta Garibaldi alle ore 16,36. Sono giunto a Treviglio alle 17,25 con treno per Brescia, e a Treviglio c’era ben numero uno autobus sostitutivi per tutti i passeggeri. Una presa in giro, tanto che un buon numero di passeggeri è dovuto scendere dall’autobus in quanto l’autista si è rifiutato di partire con viaggiatori in piedi. Ovviamente sono arrivato a Ccasaletto Vaprio con un’ora di ritardo e il mio impegno è saltato... Guasto tra Crema e Castelleone: il giorno 9 novembre si è verificato l’ennesimo guasto, questa volta tra la stazione di Crema e Castelleone. I ritardi ovviamente non ci sono stati vero? È stata una nostra fantasia?. Mia figlia che si reca a Crema per motivi di studio, da Casaletto Vaprio (treno n 10453 delle ore 7,23 arrivo a Crema alle ore 7.32) è giunta a Crema alle ore 8,15. Il treno è rimasto fermo fuori dalla stazione di Crema, anche in questa circostanza, più di 40 minuti. Si faceva prima ad andare a piedi! Ma perché i passeggeri sono ostaggi dei treni? Possibile che non si trovi un modo per ovviare a queste situazioni?

Oreste Parati (Crema)

1621 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online