Mercoledì, 05 ottobre 2022 - ore 23.49

Sconcerto e rammarico per arresto attivista iraniana Narges Mohammadi

| Scritto da Redazione
Sconcerto e rammarico per arresto attivista iraniana Narges Mohammadi

IHR ITALIA CONDANNA L'ARRESTO DELL'ATTIVISTA PER I DIRITTI UMANI NARGES MOHAMMADI
Iran Human Rights Italia Onlus esprime rammarico e sconcerto per l'arresto di Narges Mohammadi, attivista iraniana per i diritti umani, già vice-presidente del Centro dei difensori dei diritti umani di Teheran, che ha tra i suoi fondatori il premio Nobel per la pace Shirin Ebadi e che è stato messo fuorilegge e chiuso dalle autorità iraniane nel Dicembre 2008.

Mohammadi è stata richiamata in prigione per scontare una condanna definitiva a 6 anni di carcere, ridotta in appello dopo che i giudici di primo grado le avevano comminato una pena di 11 anni. Le accuse a suo carico sono "assemblea e cospirazione contro la sicurezza nazionale", "appartenenza al Centro dei difensori dei diritti umani" e "propaganda contro il regime della Repubblica Islamica". A Narges Mohammadi è stato anche contestato di aver partecipato alla costituzione del Consiglio nazionale per la pace, del Comitato per elezioni libere e giuste e della Campagna per fermare l'esecuzione di minorenni in Iran. IHR Italia ha ragione di credere perciò che sia una prigioniera di coscienza, condannata e detenuta solo per l'attività svolta in difesa dei diritti umani, e ritiene profondamente ingiusta la sentenza che l'ha colpita.

Mohammadi, 40 anni, madre di due gemelli di 6 anni (Ali e Kiana), era stata arrestata nel corso del 2009. Durante la detenzione, le sue condizioni di salute si erano deteriorate al punto che da allora è soggetta a temporanee paralisi e perdite di sensibilità agli arti. Dopo il rilascio, è stata a lungo ricoverata in ospedale e seguita da un neurologo. Suo marito, Taghi Rahmani, giornalista e attivista, a sua volta vittima di ripetuti arresti e persecuzioni da parte delle autorità iraniane, e consigliere di Mehdi Karoubi (candidato di opposizione alle elezioni presidenziali del 2009), è stato costretto a lasciare il paese in esilio, così la responsabilità di provvedere ai due gemelli è ricaduta interamente sulla madre. Narges Mohammadi è stata insignita nel 2009 del premio Alexander Langer e nel 2011 del premio Per Anger per il suo impegno a difesa dei diritti umani.

"Siamo profondamente preoccupati - ha detto Marco Curatolo, presidente di IHR Italia - sia per le condizioni di salute di Narges Mohammadi, che non si è mai ripresa dalle conseguenze dell'arresto del 2009 e soffre di episodi di paralisi la cui causa non è stata ancora accertata, sia perché a due bambini di 6 anni, già privati del padre che ha dovuto scegliere di vivere all'estero, è stata ora sottratta anche la madre." "La condanna e la detenzione di Mohammadi - continua Curatolo - sono l'ennesimo schiaffo del regime islamico di Teheran a quegli iraniani che difendono i diritti elementari dei loro concittadini."

IHR Italia Onlus richiede il rilascio immediato e senza condizioni di Narges Mohammadi ed esorta le autorità italiane ed europee e tutte le organizzazioni internazionali a considerare ogni forma di pressione possibile presso le autorità della Repubblica Islamica dell'Iran per restituire a questa attivista infaticabile e coraggiosa, e a questa madre di due figli, la sua libertà.

 
Iran Human Rights Italia Onlus
Ufficio Stampa - 327.8697107

1161 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria