Martedì, 04 agosto 2020 - ore 10.16

Sinai: dopo l'illusione, continua l'orrore

| Scritto da Redazione
Sinai: dopo l'illusione, continua l'orrore

Profughi nel Sinai: dopo l'illusione, continua l'orrore
Non migliora la condizione dei rifugiati africani che sono ancora detenuti dai trafficanti nel Sinai. Fonti locali e giornalisti che si trovano attualmente a Rafah ed El Gorah, dove sono stati identificati i covi dei trafficanti e i container di detenzione, dopo aver dato notizia della costituzione da parte del governo egiziano di una task force di sicurezza pronta ad entrare in azione per liberare i prigionieri, comunicano ora che le autorità hanno fatto dietro-front e il corpo speciale non verrà impiegato nelle annunciate operazioni contro i predoni, nonostante il sacerdote eritreo don Mussiè Zerai abbia lanciato l'allarme riguardo ad alcuni giovani prigionieri in fin di vita a causa della torture e delle percosse e di una giovane donna incinta a rischio di aborto spontaneo dopo aver subito violenti stupri di gruppo. "Le ultime notizie sono desolanti," dicono Roberto Malini, Matteo Pegoraro e Dario Picciau, co-presidenti del Gruppo EveryOne. "Abbiamo appreso dalle autorità di Al Arish, capitale del Governatorato del nord del Sinai, che l'intervento da parte delle forze di sicurezza è stato annullato. La scusa sono gli accordi di camp David, che non consentono all'Egitto di usare mezzi blindati e armamenti pesanti lungo il confine con Israele. In realtà, però, il patto Israele-Egitto prevede una deroga nel caso di gravi problemi di sicurezza, purché l'intervento egiziano sia concordato con la Multinational Force & Observers, di stanza a El Gorah. Non risulta, da parte di tale forza, alcun impedimento verso un intervento delle forze di polizia o militari, essendo chiara la gravità della crisi. La verità è che l'Egitto non vuole fermare il traffico di esseri umani". Intanto si susseguono gli arresti di eritrei e altri migranti africani da parte della polizia di frontiera egiziana. "Negli ultimi mesi, gli agenti hanno arrestato centinaia di profughi africani, uccidendone due e ferendone molti altri a colpi di arma da fuoco. Il 17 e il 20 gennaio sono state effettuate le retate più recenti, con sei arresti vicino a Rafah e altri dieci non lontano da El Gorah, sempre nel Sinai del nord. E' ormai certo che i migranti seguiti da don Mussiè Zerai che mancano all'appello in Israele, si trovano per la maggior parte nelle carceri di Nakhl, Al Arish - nel nord del Sinai - e Al-Qanater. Un giovane profugo eritreo ci ha raccontato che in quelle terribili carceri avvengono abusi simili a quelli perpetrati dai trafficanti nei container". Secondo le organizzazioni internazionali per i diritti umani, in primis Amnesty International, le politiche dell'Egitto sui rifugiati non rispettano in alcuna parte la Convenzione di Ginevra sottoscritta dalla Repubblica Araba nel 1951. "Dopo l'arresto, i profughi, anche quando hanno lo status di rifugiati politici, vengono sottoposti a durissimi interrogatori e incarcerati," prosegue EveryOne. "Le corti militari li condannano regolarmente a un anno di carcere e a una multa, per immigrazione illegale. In nessun momento è concesso loro di incontrare il rappresentante locale dell'Alto Commissario Onu per i Rifugiati, mentre le ambasciate dei regimi da cui sono fuggiti li identificano e forniscono loro i documenti, in previsione della deportazione". Ma il calvario dei profughi, fuggiti da terribili persecuzioni nella speranza di raggiungere Israele, vista la chiusura delle frontiere europee, non è ancora finito. "Tutti coloro che sono fuggiti dall'Eritrea o da altre nazioni caratterizzate da regimi sanguinari per motivi di fede religiosa o di ideologie politiche," conclude EveryOne, "finiscono in carceri-lager che sembrano il parto di una mente sadica e malata. In quei luoghi di sofferenza, i prigionieri subiscono violenze quotidiane e atroci torture da parte dei carcerieri, che in molti casi li conducono a una morte atroce, come è accaduto all'inizio di gennaio alla giovane Sebe Hagos Mebrahtu, incarcerata perché trovata a leggere la Bibbia nella sua camera da letto. I profughi deportati in patria vanno incontro a una sorte analoga. I ragazzi sospettati di aver lasciato l'Eritrea per evitare il servizio militare obbligatorio sono condannati al carcere senza processo, alla tortura e a pene corporali quotidiane. Pochi sopravvivono a lungo, in quelle condizioni e nessuno mantiene il proprio equilibrio mentale. Purtroppo anche lo Stato di Israele negli ultimi mesi ha iniziato a deportare in Egitto i rifugiati africani, che nella Repubblica Araba ricevono la solita condanna a un anno di carcere duro, al pagamento di una sanzione e quindi alla deportazione. In questi casi, neanche Israele concede all'Alto Commissario Onu per i Rifugiati di incontrare i profughi e valutare il loro diritto alla protezione internazionale".


Gruppo EveryOne
+39 331 3585406 :: +39 393 4010237 :: +39 3343449180
info@everyonegroup.com :: www.everyonegroup.com

1220 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

EGITTO, RAPPORTO DI AMNESTY SULLA PROCURA PER LA SICUREZZA DELLO STATO

EGITTO, RAPPORTO DI AMNESTY SULLA PROCURA PER LA SICUREZZA DELLO STATO

UN MINACCIOSO STRUMENTO DI REPRESSIONE In un nuovo rapporto sull’Egitto diffuso oggi, Amnesty International ha accusato la Procura suprema per la sicurezza dello stato - responsabile delle indagini sulle minacce alla sicurezza nazionale - di abusare regolarmente delle norme antiterrorismo per annullare le garanzie sul giusto processo e perseguire migliaia di persone che hanno criticato il governo in modo pacifico
EGITTO, ESAME PERIODICO UNIVERSALE ONU: AMNESTY VA DENUNCIATA SITUAZIONE DEI DIRITTI UMANI

EGITTO, ESAME PERIODICO UNIVERSALE ONU: AMNESTY VA DENUNCIATA SITUAZIONE DEI DIRITTI UMANI

Alla vigilia dell’Esame periodico universale (Universal periodic review - Upr) cui l’Egitto si sottoporrà di fronte al Consiglio Onu dei diritti umani, Amnesty International ha chiesto alla comunità internazionale di pretendere l’immediato rilascio di manifestanti pacifici, attivisti e difensori dei diritti umani imprigionati nella spietata repressione che negli ultimi mesi ha portato in carcere oltre 3800 persone.