Sabato, 15 maggio 2021 - ore 15.57

Stefania Bonaldi. Cittadinanza Lo ius sanguinis non basta più

Chiaro, efficace, acuto (come sempre), avvocato Abdoulaye Mbodj

| Scritto da Redazione
Stefania Bonaldi. Cittadinanza Lo  ius sanguinis non basta più

Stefania Bonaldi. Cittadinanza Lo  ius sanguinis non basta più

"La legge sulla cittadinanza italiana, basata come è ora sullo ius sanguinis, ha l’impostazione di un Paese di emigrazione: il suo scopo è stato – ed è – quello di mantenere un legame con i tanti italiani emigrati e i loro discendenti sparsi per il mondo. Comprensibile e giusto, per la storia di questo Paese.

Ma da decenni l’Italia è anche un Paese di immigrazione, che però si rifiuta di riconoscerlo. Questa miopia anacronistica rischia di fare danni gravissimi.

Il messaggio che trasmette la legge attualmente in vigore dal 1992 è: la nostra comunità preferisce includere cittadini che sono sempre vissuti dall’altra parte del mondo piuttosto che la persona che vive, studia, lavora e fa parte concretamente del tessuto sociale e produttivo italiano.

Tutto ciò crea una sorta di discriminazione, e non può che portare a esclusione e marginalizzazione, al disinteresse verso la vita pubblica."

Chiaro, efficace, acuto (come sempre), avvocato Abdoulaye Mbodj

 

Non chiamateci seconde generazioni di Abdoulaye Mbodj clicca qui

 

250 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online