Venerdì, 28 gennaio 2022 - ore 16.48

(Video) Cremona A due anni dall’insediamento della Giunta Galimberti. Serve uno scatto di Paolo Carletti (Psi)

La giunta Galimberti è insediata da due anni. Quasi a metà del guado. Rimangono tre anni di lavoro prima della scadenza

| Scritto da Redazione
(Video) Cremona A due anni dall’insediamento della Giunta Galimberti. Serve uno scatto di Paolo Carletti (Psi)


Abbiamo chiesto a Paolo Carletti , segretario provinciale Psi ed eletto nelle liste del Pd, di fare un bilancio della sua esperienza, di individuare i punti forti, quelli deboli e che fare in prospettiva.

Per spiegare il senso dell’intervista è utile partire dalla fine. Infatti Carletti chiude la conversazione dichiarando ‘ che questa giunta ha bisogno di uno scatto in avanti e di migliorare i rapporti con il Consiglio Comunale se vuole ripresentarsi al voto, i prossimi tre anni, con le carte in regola e rivincere  le elezioni’.

Come interpretare questa conclusione?  Se si ascolta l’intervista si notano quattro assi di ragionamento.

Il primo riguarda il rapporto fra Giunta e Consiglio Comunale che a parere di Carletti è insufficiente nel senso che l’assemblea elettiva pesa poco nelle scelte ed è chiamata  , spesso, a ratificare le decisioni assunte dalla Giunta stessa.

Il secondo  è il ruolo del PD. Carletti insiste molto su questo punto ed in più passaggi evidenzia che il PD cittadino ‘dovrebbe essere più forte’ nell’azione di stimolo e di direzione dei processi. Nulla di negativo in sé ma si evidenzia la necessità che il maggiore partito della città e della coalizione possa avere un ruolo più forte nei processi decisionali.

Il terzo è sulle cose fatte e da fare. Nessun particolare rilievo sulle tre questioni scottanti poste quali l’inceneritore (che chiuderà nel 2014), sulla raccolta differenziata ( che va migliorata), sul piano della mobilità che va monitorato.

Il quarto è la capacità d’ascolto. Nessuna critica aperta ma alcune sollecitazione e qualche richiamo ad affinare ‘le antenne’ per ascoltare i cittadini soprattutto nel senso di andare incontro alle loro istanze. Non emerge un giudizio negativo sull’operato del sindaco , ma sicuramente uno sprone ad ascoltare di più e dare un forte ruolo al Consiglio comunale.

Per questi motivi la conclusione è quella che questa amministrazione ha bisogno di uno scatto in avanti se vuole essere in grado di rivincere le elezioni fra tre anni.

Intervista Gian Carlo Storti

 

1641 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online