Lunedì, 14 ottobre 2019 - ore 02.51

Viterbo, bene l’incontro di riflessione ‘Formare le forze dell’ordine alla nonviolenza’

Si è svolto oggi presso il Centro di ricerca per la pace e i diritti umani della città laziale

| Scritto da Redazione
Viterbo, bene l’incontro di riflessione ‘Formare le forze dell’ordine alla nonviolenza’

Si è svolto oggi, 14 luglio, a Viterbo, presso il Centro di ricerca per la pace e i diritti umani, un incontro di riflessione sul tema Formare le forze dell’ordine alla conoscenza e all’uso delle risorse della nonviolenza. Una legge necessaria e urgente. L’incontro è stato occasione per fare il punto sulle varie proposte di legge già presentate in Parlamento affinché nei percorsi di formazione e di aggiornamento di tutti gli appartenenti alle forze dell’ordine sia previsto lo studio anche delle risorse che la nonviolenza mette a disposizione, di enorme utilità per chi deve saper affrontare situazioni anche assai critiche e ha il mandato istituzionale di difendere i diritti e la sicurezza di tutti.

Già nel 2001, dopo la tragedia di Genova, fu presentato un disegno di legge sottoscritto da decine di senatori di tutte le forze politiche, sostenuto anche dall’attenzione e dall’apprezzamento di Deputati e parlamentari europei; ma allora quel disegno di legge non giunse a essere esaminato nelle competenti Commissioni parlamentari.

Nella legislatura in corso, fin dal 2014 sono state presentati al Senato il disegno di legge n. 1515 recante Norme di principio e di indirizzo per l’istruzione, la formazione e l’aggiornamento del personale delle forze di polizia; il disegno di legge n. 1526 recante Norme per l’inclusione della conoscenza e dell’addestramento all’uso delle risorse della nonviolenza nell’ambito dei percorsi didattici per l’istruzione, la formazione e l’aggiornamento del personale delle forze di polizia; il disegno di legge n. 1565 recante Norme per l’inclusione della nonviolenza nei percorsi formativi del personale delle forze di polizia; disegni di legge sottoscritti da numerosi senatori di varie forze politiche.

Al termine dell’incontro è stato rinnovato ancora una volta un appello al Parlamento affinché queste proposte legislative convergenti nel richiedere che tutti gli appartenenti alle forze dell’ordine siano formati anche alla conoscenza e all’uso delle risorse della nonviolenza, siano finalmente portate all’esame delle competenti commissioni parlamentari e possano al più presto tradursi in legge dello Stato.

484 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Il Personaggio Luciana Lamorgese  Chi è la nuova Ministra degli Interni che ha cacciato Salvini

Il Personaggio Luciana Lamorgese Chi è la nuova Ministra degli Interni che ha cacciato Salvini

Laureata in Giurisprudenza con lode, avvocato, lavora per il Ministero degli Interni da 40 anni, avendo ricoperto, nell’ordine, gli incarichi di viceprefetta ispettrice, viceprefetta, membro di numerose commissioni governative, più volte prefetta, prima donna prefetta della storia di Milano, fino al 2013, quando ha assunto il ruolo di capo di gabinetto del Viminale sotto i governi Letta e Renzi.
I trenini di Famiglie Arcobaleno continueranno a sfilare in tutti i Pride di questo Paese.

I trenini di Famiglie Arcobaleno continueranno a sfilare in tutti i Pride di questo Paese.

Durante il Pride di Bologna del 22 giugno Arcilesbica Modena ha pubblicato su Facebook un’immagine del trenino di Famiglie Arcobaleno accompagnato da questo commento: “La natura si scatena con questa violenta grandinata nel giorno del pride lgbtqxftik. Madre terra vi ricorda che i corpi delle donne non sono laboratori per la vostra sperimentazione, ed il capolinea per i vostri trenini arcobaleno è vicino!”.