Sabato, 22 gennaio 2022 - ore 07.16

Adesione PRC-SE ai presidi sabato 30 a Cremona (HOSP e ddl Zan p.zza Roma)

30 ottobre Tutti al presidio indetto dai sindacati davanti all'Ospedale contro l'esternalizzazione personale e contro la bocciatura ddl ZAN

| Scritto da Redazione
Adesione PRC-SE ai presidi sabato 30 a Cremona (HOSP e ddl Zan p.zza Roma) Adesione PRC-SE ai presidi sabato 30 a Cremona (HOSP e ddl Zan p.zza Roma) Adesione PRC-SE ai presidi sabato 30 a Cremona (HOSP e ddl Zan p.zza Roma)

Adesione PRC -SE ai presidi  sabato 30 ottobre a Cremona (Ospedale e ddl Zan in piazza Roma)

 l Partito della Rifondazione Comunista-Sinistra Europea, federazione  di Cremona, aderisce al presidio indetto dai sindacati che si svolgerà al mattino di sabato 30 ottobre davanti all'Ospedale contro l'esternalizzazione del personale OSS dei due nosocomi di Cremona e di Casalmaggiore.

Siamo solidali con le lavoratrici e i lavoratori interessati direttamente dalla sciagurata scelta della dirigenza ospedaliera, scelta assunta senza alcun confronto con i sindacati e nel più assoluto silenzio. Stessa disinvoltura utilizzata da Regione Lombardia in questi ultimi anni nel tagliare reparti e sopprimere servizi, nulla facendo per ripristinare interventi e visite specialistiche sospesi o rinviati a causa della pandemia, nel promuovere riforme sanitaria sempre più dannose.

La privatizzazione del servizio sanitario procede spedita e porterà con sé non solo la precarizzazione e il peggioramento delle condizioni di lavoro del personale esternalizzato ma col tempo penalizzerà la qualità del servizio offerto alla cittadinanza. Dobbiamo allora alzare la voce e far sentire tutta la pressione che possiamo come cittidini, come organizzazioni, come sindacati e lavoratori affinché si fermi lo smantellamento del servizio sanitario pubblico e si tuteli la salute di tutte e tutti.

Ma sabato a Cremona ci sarà un altro importante presidio in piazza Roma organizzato dal Comitato Cremona Pride, presidio di protesta e di denuncia per l'affossamento del DDL Zan perpetrato dal Senato della Repubblica. Una vergogna che grida vendetta. Una legge di civiltà a difesa di persone offese e aggredite per il loro modo di essere e di sentirsi, una legge per promuovere conoscenza e tolleranza: questo era il DDL Zan. Non era una legge perfetta, anzi, ma almeno per la prima volta in Italia una legge provava a rimuovere gli ostacoli all'uguaglianza e alla pienezza di cittadinanza per le persone LGBTQ+, compito che la Costituzione affida alla Repubblica fin dall'art 3.

E' compito della Repubblica laica, democratica e antifascista rimuovere gli ostacoli al pieno sviluppo delle persone e all'uguaglianza sostanziale, attraverso le sue istituzioni, con la forza delle sue leggi e con la volontà di farle rispettare; le istituzioni, il Senato in questo caso, non hanno voluto garantire tutto ciò per meri calcoli politici, accordicchi sotto banco, grettezza, arretratezza culturale e subalternità al Vaticano. Ma la Repubblica è anche ciascuno di noi e nostro compito è resistere ed opporci alle ingiustizie e lottare per leggi eque e contro ogni sopruso.

Il popolo è molto più avanti delle istituzioni che dovrebbero rappresentarlo: lo ha dimostrato in tanti anni di mobilitazione per i diritti della comunità LGBTQ+, lo dimostra nelle decine di piazze organizzate in queste ore sull'onda del disappunto e della rabbia. Lo dimostrano le lotte dei lavoratori degli ospedali pubblici svuotati per arricchire le cliniche private, i lavoratori delle fabbriche in dismissione o che delocalizzano, lo dimostrano i lavoratori della logistica e dello spettacolo, i licenziati con un sms, le famiglie impoverite dalla precarietà del lavoro e colpite dai tagli ai servizi essenziali e dall'aumento di bollette, carburanti e beni di prima necessità, lo dimostrano le rivendicazioni dei giovani dei friday for future.

La Repubblica siamo tutti noi e noi ci siamo e ci saremo.

 Francesca Berardi segretaria federazione PRC-SE Cremona  

Partito della Rifondazione Comunista-Sinistra Europea  via Cavitelli 4 Cremona

455 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online