Sabato, 15 dicembre 2018 - ore 16.32

AISE NUOVE REGOLE EUROPEE PER CONCILIARE LAVORO E FAMIGLIA: EUROPARLAMENTO A LAVORO

BRUXELLES Nessuno dovrebbe essere costretto a scegliere tra lavoro e famiglia. Questo l’assunto alla base del lavoro del Parlamento europeo che sta elaborando delle nuove regole sul lavoro flessibile che permetteranno ai lavoratori con figli o responsabili dell’assistenza di familiari di mantenere l’equilibrio tra carriera e vita privata.

| Scritto da Redazione
AISE NUOVE REGOLE EUROPEE PER CONCILIARE LAVORO E FAMIGLIA: EUROPARLAMENTO A LAVORO

AISE NUOVE REGOLE EUROPEE PER CONCILIARE LAVORO E FAMIGLIA: EUROPARLAMENTO A LAVORO

BRUXELLES Nessuno dovrebbe essere costretto a scegliere tra lavoro e famiglia. Questo l’assunto alla base del lavoro del Parlamento europeo che sta elaborando delle nuove regole sul lavoro flessibile che permetteranno ai lavoratori con figli o responsabili dell’assistenza di familiari di mantenere l’equilibrio tra carriera e vita privata.

Le donne – rileva l’Europarlamento – sono particolarmente svantaggiate perché ancora troppo spesso grava su di loro il lavoro di cura di figli e altri familiari. È evidente anche dai tassi di occupazione: 66.5% di occupazione femminile nel 2017, circa 12 punti percentuali in meno rispetto agli uomini.

Le donne svolgono spesso incarichi part-time e si trovano a gestire interruzioni di carriera proprio per prendersi cura di figli o altri famigliari, tutti elementi che mantengono intatte le diseguaglianze di genere per quanto riguarda opportunità lavorative, stipendi e pensioni.

Lo scorso 11 luglio la Commissione per l’Occupazione ha votato le nuove regole europee su condizioni lavorative più flessibili per contrastare la sottorappresentazione delle donne nel mercato del lavoro, aumentare gli incentivi per incoraggiare i padri a richiedere i permessi familiari e promuovere la parità di genere.

Gli eurodeputati chiedono dei nuovi standard minimi o l’aumento di quelli già esistenti per quanto riguarda il congedo di paternità e i permessi dal lavoro per chi è genitore o assiste altri famigliari.

Si propone l’introduzione di un congedo di paternità retribuito della durata di almeno 10 giorni destinato al padre o alla figura famigliare equivalente dopo la nascita di un figlio, un’adozione e nel caso di bambini nati morti e un diritto individuale a 4 mesi di congedo parentale non trasferibile da utilizzare prima che il figlio compia 10 anni.

Le nuove regole stabiliscono anche il diritto ai permessi retribuiti per coloro che devono assistere familiari a carico o gravemente ammalati. Gli eurodeputati suggeriscono un livello salariale o di indennità pari almeno al 78% dello stipendio lordo del lavoratore per chi richiede permessi di assistenza o per prendersi cura dei figli, e almeno pari all’80% in caso di congedo di paternità.

Per gli eurodeputati è importante anche che i genitori possano lavorare con condizioni flessibili e modulabili secondo le proprie esigenze familiari, ad esempio lavorando da casa quando necessario.

L’inizio dei negoziati tra Consiglio, Parlamento e Commissione è previsto a settembre 2018.(aise)

283 visite

Articoli correlati