Domenica, 23 giugno 2024 - ore 20.15

Amnesty Firma un appello, salva le vite di Joanah, Netsai e Cecillia

“Abbiamo pensato volessero ucciderci, ma mentre eravamo in quel fosso abbiamo resistito”. - Cecillia Chimbiri

| Scritto da Redazione
Amnesty Firma un appello, salva le vite di Joanah, Netsai e Cecillia

Amnesty Firma un appello, salva le vite di Joanah, Netsai e Cecillia

“Abbiamo pensato volessero ucciderci, ma mentre eravamo in quel fosso abbiamo resistito”. - Cecillia Chimbiri

Firma qui

Joanah, Netsai e Cecillia sono tre donne con molte cose in comune: adorano i giochi da tavolo, guardare Netflix e sono appassionate di politica del loro paese, lo Zimbabwe.

Purtroppo, ora condividono anche ricordi orribili di un attacco terribile e umiliante.

Nel 2020, mentre protestavano pacificamente, sono state arrestate, incappucciate e rapite. Gettate in una fossa, picchiate, sono state aggredite sessualmente e costrette a mangiare escrementi umani.

Ritrovate due giorni dopo, con vestiti strappati e piene di tagli e lividi, sono state portate in ospedale. Mentre erano ancora ricoverate, Joanah, Netsai e Cecillia sono state accusate di reati legati alla protesta.

Ad oggi, nessuno è stato ritenuto responsabile del loro terribile trauma. Non possiamo lasciare impunita questa aggressione.

Vogliamo ricordare la loro storia, perché nessun’altra persona debba subire queste violenze.

Firma un appello, salva una vita.

1224 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online