Venerdì, 27 novembre 2020 - ore 12.49

Amnesty I piani della Unione Europea in Libia si concentrano sui rimpatri

In seguito all'annuncio da parte dell'Unione Europea, dell'Unione Africana, delle Nazioni Unite e degli stati membri che verranno intraprese azioni collettive e unilaterali per contribuire a facilitare l'evacuazione di migranti e rifugiati africani detenuti in Libia, John Dalhuisen, direttore di Amnesty International per l’Europa, ha dichiarato:

| Scritto da Redazione
Amnesty I piani della Unione Europea in Libia si concentrano sui rimpatri

Amnesty I piani della Unione Europea in Libia si concentrano sui rimpatri

 In seguito all'annuncio da parte dell'Unione Europea, dell'Unione Africana, delle Nazioni Unite e degli stati membri che verranno intraprese azioni collettive e unilaterali per contribuire a facilitare l'evacuazione di migranti e rifugiati africani detenuti in Libia, John Dalhuisen, direttore di Amnesty International per l’Europa, ha dichiarato:

 "Due settimane di tormenti sulle aste di schiavi in Libia sono state seguite da due giorni di annunci mirati a mantenere la finzione della preoccupazione umanitaria, lasciando intatto l'obiettivo primario dell'Europa - la chiusura della rotta del Mediterraneo centrale".

 "La realtà è che centinaia di migliaia di rifugiati e migranti si sono trovati intrappolati in Libia ed esposti a orribili abusi a seguito della cooperazione intensa dell'Unione europea con le autorità libiche.

 "I piani che a gran maggioranza stabiliscono come prioritario il ritorno ‘volontario’ di persone, ora bloccate in Libia, nel loro paese di origine senza un sistema efficace per valutare e soddisfare le esigenze di asilo o per offrire più posti di reinsediamento, finiranno per costituire un meccanismo per una deportazione di massa, coperto da una foglia di fico umanitaria."

578 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online