Martedì, 17 maggio 2022 - ore 20.20

Area Donna CR Piloni: è proprio fuori luogo l’intervento del collega Lena (Lega)

Ho trovato a dir poco fuori luogo, per usare un eufemismo, l'intervento del collega Lena. Per almeno due motivi.

| Scritto da Redazione
Area Donna CR Piloni: è proprio fuori luogo l’intervento del collega Lena (Lega)

Area Donna CR Matteo Piloni: è proprio fuori luogo l’intervento del collega Lena (Lega)

Ho trovato a dir poco fuori luogo, per usare un eufemismo, l'intervento del collega Lena. Per almeno due motivi.

Il primo perché c'è un'assemblea dei sindaci in programma il prossimo 2 maggio, a cui siamo stati invitati, e che può essere il luogo per chiedere e ottenere quei chiarimenti necessari anche sul servizio di Area donna oltre che sul futuro della sanità territoriale. Un'occasione soprattutto per i sindaci per fare il punto sulla situazione ed essere protagonisti delle politiche socio sanitarie sul territorio. Com'è giusto che sia. Insieme a Regione Lombardia. Da protagonisti e non da spettatori.

Il secondo motivo è perché si scambia il futuro di un servizio con uno scontro politico. Sarebbe sbagliato se lo fosse. Anche perchè le questioni sollevate sono questioni di merito che meritano chiarezza. Quella chiarezza che anche il sottoscritto ha richiesto. Non per sè, ovviamente. Ma per i cittadini. A volte basterebbe essere solo più disposti al confronto e a dare risposte.

Infine, criticare il lavoro di un comitato buttandola sul personale, come ho letto nella replica del collega Lena, sapendo soprattutto che si tratta di persone che hanno vissuto o vivono sulla propria pelle il servizio che area donna offre, cosa di cui avrebbero fatto volentieri a meno, non è stato certamente un bel modo di stare nel merito delle questioni.

L'invito che rivolgo a tutte le forze politiche è proprio quello di evitare di fare di Area Donna una battaglia politica. Si tratta di un servizio e di questo si deve parlare, partendo dal fatto che a Cremona, così come in altre realtà, per una ecografia al seno ci vogliono anche 10 mesi di attesa, se non di più. È questo che dobbiamo tutti avere in mente quando parliamo di servizi e di salute delle persone. In questo caso della salute delle donne. 

Matteo Piloni

Consigliere regionale PD

243 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online