Martedì, 28 giugno 2022 - ore 01.12

ASST Ospedale di Cremona Attiva la nuova area dedicata alla salute delle donne

L’AREA DONNA E’ REALTA’ Un solo luogo che riunisce i servizi coinvolti nella diagnosi e cura della patologia mammaria e ginecologica. Assicurata la multidisciplinarietà dell’assistenza per un percorso completo e facilitato.

| Scritto da Redazione
ASST Ospedale di Cremona Attiva la nuova area dedicata alla salute delle donne ASST Ospedale di Cremona Attiva la nuova area dedicata alla salute delle donne

La nuova AREA DONNA riunisce i servizi coinvolti nella prevenzione, diagnosi e cura della patologia mammaria e ginecologica. Ciò significa che al 4° piano dell’Ospedale di Cremona le donne trovano concentrati in un unico punto gli specialisti e i servizi utili alla presa in cura attraverso un approccio multidisciplinare e l’impiego di metodi riconosciuti a livello internazionale come i più validi.

L’organizzazione dell’iter diagnostico e terapeutico prevede, infatti, un percorso unico e predefinito indipendentemente dalle modalità di accesso della donna alla struttura, che è dotata di un CUP dedicato. Questo per facilitare la prenotazione di tutte le prestazioni necessarie.

Il percorso unico può essere riassunto in quattro passaggi essenziali: prevenzione e diagnosi (informazione, educazione sanitaria, visita specialistica, mammografia, ecografia, esami cito-istologici, ecc); approccio terapeutico (interventi mini-invasivi, chirurgia demolitiva, plastica ricostruttiva), riabilitazione psico-fisica– sociale e successivi controlli.

L’Area donna si ispira al concetto anglosassone “All in One”, ossia tutto in unico spazio. Questo consente di accorciare il fattore tempo, di avere interlocutori allineati, che interagiscono all’interno di un percorso di salute integrato.  Tale modalità facilita l’accesso ai servizi e offre risposte sempre più rapide alle necessità della donna.

“Area donna – spiega Camillo Rossi, Direttore generale ASST di Cremona - significa innovazione, affidabilità e centralità della paziente. La filosofia della struttura è caratterizzata da una nuova modalità di presa in cura multidisciplinare, tesa a dare rilievo e potenziare le opportunità diagnostico-terapeutiche già presenti in ospedale con certezza di tempi, metodi e approcci terapeutici. L’area donna si inserisce nella logica di ripensare l’ospedale per aree assistenziali omogenee e contigue, a garanzia di maggior efficienza nell’organizzazione di spazi e risorse a favore del paziente”.

“Non a caso – continua Rossi - la nuova struttura è caratterizza da quattro aree specifiche dedicate alla terapia, alla diagnosi, alla chirurgia e al laboratorio. Ciascuna connotata da un codice colore e da alcune peculiarità. Ad esempio, l’area diagnostica è caratterizzata dalla presenza degli ambulatori di senologia (fortemente integrato alla diagnostica radiologica), ginecologia, di promozione della salute, che prevede la presenza di uno psicologo e di un assistente sanitario. Presente anche l’ambulatorio di genetica medica, per fornire alle pazienti indicazioni precise sulla familiarità e il rischio genetico associato alla patologia femminile. Non solo.  In accordo con ATS della Val Padana è prevista l’attivazione di programmi di screening senologico (clinico e radiologico), in base al rischio individuale. A tale proposito giocherà un ruolo fondamentale l’area di laboratorio per le opportunità offerte dalle nuove frontiere della diagnosi biomolecolare, per una terapia sempre più mirata eseguita su sangue e cellule come la biopsia liquida”.

“A fare la differenza – conclude Rossi - sono anche le collaborazioni con le Università. Sono già stati formalizzati accordi con l’Università di Trieste e del Sacro Cuore di Roma. Sono in fase di stipula altre convenzioni con Atenei italiani, britannici e americani. Lo scopo è quello di permettere alla donna di accedere a second opinion o a valutazioni specialistiche ulteriori di alto profilo senza muoversi da casa, con la garanzia di alta professionalità e di interazione professionale con gli specialisti dell’Area Donna. Gli accordi, nel tempo, permetteranno anche di accedere a nuove procedure diagnostiche e farmacologiche”.

Lavori conclusi nei tempi previsti grazie all’impegno e al lavoro di tutti e al supporto di Regione Lombardia e del Distretto 2050 Rotary, con il contributo di Rotary Club Pandino Visconteo, Rotary Club di Soncino, Rotary Club Brescia Franciacorta Oglio, Rotary Club Meano delle Terre Basse, Rotaract Club Terre Cremasche.

AREA DONNA, LE PECULIARITA’

AREA TERAPIA

-Presenza del ginecologo, radioterapista ed oncologo per la scelta multidisciplinare della terapia oncologica della patologia femminile.

-Presenza dello psicologo.

-Gestione dei follow-up per la patologia oncologica femminile personalizzati sulla base di dati clinici e molecolari.

-Area dedicata allo sviluppo di nuovi farmaci, costruita nel pieno rispetto delle norma europee ed americane. Questo garantirà accesso a nuove opportunità terapeutiche.

-Ambulatorio di estetica oncologica e nutrizione dedicata.

-Lounge ispirata e dedicata dai/ai pazienti oncologici ed ai loro familiari.

-Ufficio dedicato alla gestione della parte burocratica per i malati di tumore e per il ritiro gratuito in caso di necessità di parrucche.

AREA DIAGNOSTICA

-Visite e diagnostica senologica e ginecologica fortemente integrate.

-Attivazione di Programmi di Screening senologico (clinico e radiologico) in base al rischio individuale con Ambulatorio di “Risk Assessement”.

-“Breast In Time for Diagnosis”, ambulatorio giornaliero con la presenza di un chirurgo senologo ed un radiologo dedicati alle procedure diagnostiche senologiche.

-Giorno di Day-Service (Giovedì) per diagnosi istantanee con il Patologo dedicato all’AREA DONNA.

-Ambulatorio Ginecologico: Esecuzione dei PAP test e di visite specialistiche integrate per una valutazione completa per la donna.

-Ambulatorio di Genetica Medica per indicazioni precise sulla familiarità e del rischio genetico associato alla patologia femminile.

-Ambulatorio di Promozione della Salute: psicologo e assistente sanitario dedicato alla diffusione e cultura della prevenzione in ambito di AREA DONNA.

AREA CHIRURGICA

La chirurgia oncologica senologica sta evolvendo rapidamente, nell’area chirurgica sono disponibili:

-Ambulatorio Chirurgia senologica

-Ambulatorio Chirurgia plastica

-Ambulatorio Chirurgia onco-plastica

-Ambulatorio Gestione dei follow-up per la patologia oncologica senologica chirurgica

-Ambulatorio di cosmesi e di estetica senologica

-Ambulatorio di nutrizione preventiva

-Ambulatorio di fisioterapia (in fase di attivazione)

 

AREA LABORATORIO

Le nuove frontiere della biologica molecolare in ambito di diagnostica senologica diventano sempre più importanti per una precisa scelta terapeutica:

-Ambulatorio per test genomici per il tumore della mammella e dell’ovaio e per altre patologie tumorali solide.

-Analisi biomolecolari di secondo e terzo livello per una terapia mirata eseguita su tessuto, sangue e cellule (biospia liquida).

-Centro di analisi dati biologici in integrazione con i dati clinici.

IN GENERALE

-All in One - tutti i servizi per la cura della donna (dalla prevenzione alla terapia) su un unico piano (4 Piano).

-Presenza di un Team Multi-disciplinare a riunione settimanale formato da vari specialisti e case-manager infermieristici per la decisione ed organizzazione del percorso diagnostico-terapeutico per ogni singola donna.

-CUP AREA DONNA dedicato posizionato al 4 piano.

-Server AREA DONNA per gestione di un flusso gestionale integrato tra le varie area tramite un software dedicato ed in connessione con le altre realtà ospedaliere e di territorio (in fase di attivazione)

3770 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online