Martedì, 26 gennaio 2021 - ore 16.03

Baffi (Italia Viva): ‘Sulla disabilità gravissimi limiti legati al reddito ISEE

"Un limite che va superato al più presto, intervenendo con una modifica alla delibera di giunta regionale e lo stanziamento di adeguate risorse".

| Scritto da Redazione
Baffi (Italia Viva): ‘Sulla disabilità gravissimi limiti legati al reddito ISEE

Baffi (Italia Viva): ‘Sulla disabilità gravissimi i limiti legati al reddito ISEE e alla residenza sono inconcepibili’

"La delibera regionale n. 2862 del 18 febbraio 2020, che prevede i requisiti regionali per il riconoscimento del sostegno alle persone con disabilità, contiene ancora un grosso limite, quello del requisito legato all'ISEE per l'accesso agli aiuti previsti per la Misura B1, riferita alle persone con "disabilità gravissime"” dichiara il Consigliere Regionale di Italia Viva Patrizia Baffi  "Un limite che va superato al più presto, intervenendo con una modifica alla delibera di giunta regionale e lo stanziamento di adeguate risorse".

"Sul tema ero già intervenuta a gennaio, chiedendo alla Giunta regionale di rivedere la delibera numero 2720 del 23 dicembre 2019 che, nel delineare il Piano Regionale per la non autosufficienza 2019-2021, aveva stabilito condizioni peggiorative nell'erogazione degli interventi a favore di persone con disabilità gravissima, introducendo limiti di accesso e soglie di ISEE socio-sanitario mai previste in precedenza, che hanno ridotto notevolmente la platea dei beneficiari" prosegue l'esponente di Italia Viva "Una scelta che va nel senso opposto a quanto auspicato dal Piano nazionale sulla non autosufficienza presentato a ottobre 2019 dalla Ministra per le Politiche Sociali che, pur non vietando l'imposizione di requisiti ISEE, indica chiaramente che essi non andrebbero applicati quando si tratta di disabilità gravissime".

"La Giunta regionale dovrà già procedere con modifiche sul medesimo atto a seguito della recente sentenza emanata dal Tribunale di Milano che ha stabilito che è discriminatorio e irragionevole il requisito della residenza di almeno due anni in Lombardia previsto per accedere alla misura B1" sottolinea Patrizia Baffi "In quanto il diritto alla vita indipendente delle persone con disabilità va inquadrato tra i diritti fondamentali dell'individuo, essendo presupposto primario per consentire una piena partecipazione alla vita di comunità e il pieno esercizio di tutti gli altri diritti fondamentali tutelati a livello costituzionale".

"Sul presupposto di tale imprescindibile principio, rinnovo quindi la mia richiesta di intervenire nella medesima occasione per superare anche il vincolo posto da una inopportuna applicazione del limite ISEE" evidenzia il Consigliere Regionale "E a tal fine sarà mia cura coinvolgere l'aula con un atto formale, in occasione della discussione di bilancio prevista nelle prossime settimane", conclude.

Il Consigliere Regionale

Patrizia Baffi

 

455 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online