Lunedì, 06 dicembre 2021 - ore 15.18

Bordo (SEL): ‘Carovana internazionale pacifista bloccata dalla Turchia’

Il Deputato di Sinistra Ecologia Libertà: «Chiederemo che l’Italia attivi un corridoio internazionale di pace»

| Scritto da Redazione
Bordo (SEL): ‘Carovana internazionale pacifista bloccata dalla Turchia’

Giunti a poche centinaia di metri dalla città di Kobane con la Carovana Internazionale per l’apertura di un corridoio umanitario che permetta l’afflusso di aiuti alla popolazione kurda della città, duramente provata dai combattimenti contro il Califfato, le autorità turche ci hanno impedito di raggiungere la città e di portare gli aiuti umanitari, cibo, medicine e altri generi di prima necessità che sono stati raccolti in questi mesi in Italia. Siamo stati fermati dalle forze di sicurezza turche che hanno provveduto a una perquisizione non autorizzata sia del sottoscritto sia del collega On. Giovanni Paglia, impedendoci di proseguire.

Questo comportamento da parte del Governo turco è inaccettabile: non solo il blocco della nostra Carovana umanitaria, ma il sistematico blocco di qualsiasi forma di aiuto umanitario alla popolazione kurda, che sul campo si trova a combattere l’Isis in condizioni sempre più difficili e con questa evidente ostilità da parte della Turchia, che nega l’afflusso anche dei beni primari alle popolazioni coinvolte dai combattimenti contro gli estremisti islamisti.

Impossibilitati a proseguire, abbiamo lasciato gli aiuti che avevamo con noi nel vicino villaggio di confine, sperando che in un secondo momento sia consentito il loro trasporto a kobane.

Per ovviare a questa situazione insostenibile il gruppo parlamentare di Sinistra Ecologia Libertà provvederà alla presentazione di una risoluzione alla Camera dei Deputati per chiedere che l’Italia si attivi a livello internazionale per l’apertura di un corridoio umanitario vigilato e garantito da una forza internazionale di pace.

On. Franco Bordo

942 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria