Sabato, 28 marzo 2020 - ore 21.15

Cgil Il presidio Ex Embraco: la vertenza torna al Mise, i lavoratori pure

La lunga vicenda che coinvolge oltre 400 addetti della fabbrica di Riva di Chieri (Torino) è di nuovo a uno snodo decisivo. Ci sono da pagare gli arretrati e da individuare soluzioni per la reindustrializzazione. Chiamate in causa Invitalia e Whirlpool

| Scritto da Redazione
Cgil Il   presidio Ex Embraco: la vertenza torna al Mise, i lavoratori pure

Cgil Il   presidio Ex Embraco: la vertenza torna al Mise, i lavoratori pure

La lunga vicenda che coinvolge oltre 400 addetti della fabbrica di Riva di Chieri (Torino) è di nuovo a uno snodo decisivo. Ci sono da pagare gli arretrati e da individuare soluzioni per la reindustrializzazione. Chiamate in causa Invitalia e Whirlpool

Per i lavoratori sarà come vivere un dejavu: manifestare davanti al Ministero dello Sviluppo Economico è infatti qualcosa di già vissuto per molti dei 400 ex dipendenti della Embraco di Riva di Chieri (Torino) l'azienda, ceduta da Whirlpool al gruppo nippo-israeliano Ventures, il cui progetto non è però sostanzialmente mai partito (la fabbrica è attualmente vuota). In ogni caso, oggi, 3 febbraio, i lavoratori insieme ai loro sindacati scenderanno di nuovo a Roma, in occasione del tavolo convocato al Mise (ore 12.00) nel quale – questo almeno è l'auspicio – si dovranno gettare le basi per una reindustrializzazione in grado di garantire un futuro occupazionale per tutti i 400 lavoratori. Basi che dovranno essere comunque solide, visto che il tempo a disposizione è scarso, perché la cassa integrazione terminerà a luglio.

Nell'ultimo confronto di dicembre con il governo, i sindacati avevano ottenuto un “mandato formale” da parte dell'esecutivo ad Invitalia, per trovare e incentivare nuovi soggetti e progetti industriali. Il ministero ha anche convocato, per la prima volta ufficialmente, Whirlpool, per trovare una sintesi a una vicenda che si trascina dal 2017.

Intanto, però, i lavoratori sono alle prese con i mancati pagamenti delle loro spettanze e la situazione è sempre più critica, in particolare per le famiglie con figli, monoreddito, ecc. Ecco perché le attese rispetto all'incontro odierno al Mise sono (più che legittimamente) molto alte.

Fote rassegna sindacale

310 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online