Martedì, 05 marzo 2024 - ore 14.09

CNDDU Guerra in Medio Oriente. Proteggere la vita, siamo tutti esseri umani

C’è il rischio che si arrivi a una vera e propria catastrofe umanitaria, come afferma Philippe Lazzarini commissario delle Nazioni Unite.

| Scritto da Redazione
CNDDU Guerra in Medio Oriente. Proteggere la vita, siamo tutti esseri umani

CNDDU Guerra in Medio Oriente. Proteggere la vita, indipendentemente da bandiere o ideologie, perché siamo tutti esseri umani

Il Coordinamento Nazionale dei Docenti della disciplina dei Diritti Umani esprime grande dolore e preoccupazione per la ripresa della guerra in Medio Oriente combattuta tra Israele e Palestina per questioni che affondano le radici nel passato e che sono legate alle rivendicazioni della terra da parte di entrambi i popoli.

Il nuovo conflitto scoppiato una settimana fa ha già trascinato alla morte quasi 3 mila persone e ha determinato una vera e propria emergenza umanitaria. Sono oltre un milione gli sfollati, almeno 250 gli ostaggi stranieri di Hamas (l’organizzazione politico-militare fondata durante la prima Intifada nel 2007 e che governa nella Striscia di Gaza) e 524 i palestinesi arrestati da Israele.

A ciò si aggiunge tutto l’orrore di un ospedale e di una scuola bombardati senza pietà. Lo scenario è apocalittico in queste ore sulla martoriata Striscia di Gaza: ambulanze e auto private che trasportano continuamente feriti a causa dei forti bombardamenti, il valico di Rafah fra Egitto e Gaza completamente devastato, acqua, cibi, medicinali, carburante e elettricità che iniziano a scarseggiare.

C’ è anche da considerare che il 40% degli abitanti della Striscia di Gaza, lunga 40 km e larga 9 con poco più di 2 milioni di abitanti, sono bambini.

C’è il rischio che si arrivi a una vera e propria catastrofe umanitaria, come afferma Philippe Lazzarini commissario delle Nazioni Unite. Per tale ragione, se non si giunge alla “tregua e non si apriranno i corridoi umanitari per assistenza ai civili si rischia un vero e proprio genocidio”

“Nessun luogo è più sicuro a Gaza, nemmeno le strutture dell’UNRWA”.

L’UNRWA, l’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione, fa sapere, sempre attraverso le parole del Commissario generale Philippe Lazzarini, che la distruzione della scuola a Gaza ci narra chiaramente la portata della violenza di questa assurda guerra che non tiene conto delle vite dei civili.

Il CNDDU in linea con i suoi principi umanitari non intende in questo momento, e con poche parole, ripartire dalle radici storiche di questo conflitto per arrivare a distribuire a tavolino ragione, torto e terre; non si sente neppure di aprire un varco, benché necessario, sui terzi che contribuiscono ad alimentare la guerra inviando mortai, razzi, missili, mine anticarro, fucili e perfino parapendii usati in questo conflitto; non intende ribadire che i terrorismi sono da condannare perché si nutrono di azioni criminali, violente e premeditate; soprattutto non vuole sottolineare come la strumentalizzazione politica di Paesi e partiti nel sostenere o osteggiare un popolo o l’altro sia controproducente e non contribuisca a interrompere la crisi umanitaria.

IL CNDDU non sposterà l’attenzione dall’unica vera urgenza che sono le vite umane in pericolo. Ciò che adesso ci sta più a cuore, ciò che riteniamo urgente e necessario, è infatti proteggere la vita, indipendentemente da bandiere o ideologie, perché siamo tutti esseri umani.

E proprio per il diritto alla vita di tutti i popoli, per quel diritto sancito nell’art. 1 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, “Ogni individuo ha diritto alla vita, alla libertà e dalla sicurezza della propria persona.”, chiediamo che venga rispettato il Diritto Internazionale Umanitario affinché siano ridotti al minimo i danni alla popolazione civile e alle strutture civili. Chiediamo che parta subito un dossier che attesti le responsabilità dei crimini di guerra portatori di morte e di disprezzo della vita. Chiediamo che vengano facilitati gli aiuti umanitari, che vengano sostenuti gli sforzi collettivi per contribuire ad alleviare le conseguenze di questa inutile e orribile guerra. Chiediamo, infine, che i corridoi umanitari e le evacuazioni dei civili più vulnerabili, tra cui feriti in gravi condizioni, bambini e anziani, vengano attivati con la massima urgenza.

Tutto questo ci permetterà solo di sentirci appena un po’ più umani di fronte all’atrocità, certamente non cancellerà gli orrori di una guerra folle e brutale che conserverà le sue indelebili cicatrici. È sempre stato così, in angolo del mondo: le cicatrici della memoria storica sono insanabili e rappresentano un fardello pesante che ci trascineremo addosso perennemente.

“La guerra non si può umanizzare, si può solo abolire

prof.ssa Rosa Manco

CNDDU

238 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online