Venerdì, 17 settembre 2021 - ore 10.06

Cr C.C. in remoto. Approvato, con integrazioni,odg di Canale e Bencivegna

Volge al termine la polemica che per tutta l’estate ha infiammato le sale di Palazzo Comunale.

| Scritto da Redazione
Cr C.C. in remoto. Approvato, con integrazioni,odg di Canale e Bencivegna

Cr Consiglio Comunale in remoto. Approvato, con integrazioni, l’odg di Santo Canale e Livia Bencivegna

Volge al termine la polemica che per tutta l’estate ha infiammato le sale di Palazzo Comunale.

A quattro mesi dal deposito, si è discusso finalmente oggi in Consiglio Comunale l’ordine del giorno depositato dai consiglieri comunali Santo Canale e Livia Bencivenga relativo alla redazione di un regolamento per lo svolgimento del consiglio comunale in modalità telematica cosi da consentirne l’utilizzo anche dopo la fine del periodo emergenziale per ora fissato al 31 12 2021.

Le ragioni fortemente sostenute da Canale hanno trovato giustificazione nell’occasione offerta dal dl 18/2020 di poter usufruire di tale modalità anche senza averne regolamentato lo svolgimento:

“Chiaramente l’occasione offerta da questa disposizione ha messo le basi per consentire ai Comuni di adeguarsi ed utilizzare lo strumento anche in periodo non emergenziale incontrando le necessità di coloro che per comprovate esigenze, in particolar modo per motivi di salute, non possano partecipare in presenza alle sedute” - ha proseguito Canale - “Lo stesso Anci ha auspicato questo procedimento, il quale garantirebbe la massima partecipazione al Consiglio, tutelando il diritto di rappresentanza di ognuno, ed anche il corretto svolgimento della seduta, posta l’evidenza che le strumentazioni impiegate nella maggior parte dei casi risultano essere obsolete o comunque non in grado di garantire, per esempio, le votazioni a scrutinio segreto.”

E se è vero che con l’avvicinarsi della fine dello stato di emergenza tutte le attività potranno tornare in presenza, forse è anche il caso di fare una riflessione come espresso dal consigliere comunale Dem: “Perché non cavalcare l’onda del cambiamento che ci è stato brutalmente imposto da questa pandemia e migliorare le risorse e le strumentazioni a nostra disposizione cosi che, alla pari di numerose altre amministrazioni e di ancor piu numerose aziende in tutta Italia e nel mondo, il Comune di Cremona possa fare un passo in avanti adeguando le proprie strumentazioni e regolamentando questa tipologia di svolgimento del Consiglio? Chiaramente le sedute si svolgeranno ordinariamente in presenza… ma perché impedire ad un collega impossibilitato allo spostamento per problemi di salute di partecipare allo svolgimento del Consiglio?”

Insomma la questione è sempre la stessa: saper cogliere delle opportunità. E pur rendendosi conto che la richiesta presuppone dei costi, Canale si è infine rivolto ai colleghi consiglieri: “Ciò che chiedo ai miei colleghi consiglieri è di decidere se anche loro come me ritengono sensato investire in questa opportunità garantendo non solo a noi stessi ma anche ai consiglieri che verranno dopo di svolgere il proprio compito potendo contare su strumentazioni adeguate e all’avanguardia in grado di garantir loro la massima partecipazione al Consiglio ed il corretto svolgimento della seduta.”

“Sperando che tutto ritorni presto alla normalità, le fattispecie sopra citate potrebbero capitare ad ognuno di noi. La domanda è: siete favorevoli ad impegnare la Presidenza del Consiglio Comunale  affinchè metta prontamente in atto tutte le azioni necessarie per formulare un regolamento che consenta in specifici casi la partecipazione da remoto anche nella fase post emergenziale?” ha concluso Canale.

In coda poi un emendamento da parte del Partito Democratico approvato da Canale secondo il quale, vista la necessità di revisionare il preesistente regolamento del consiglio comunale, anziché redigerne uno nuovo ad hoc per lo svolgimento da remoto, fosse più immediato inserire le norme regolatorie per la modalità telematica in fase post emergenziale direttamente all’interno della sopracitata normativa. Una modifica, insomma, per aggiornare l’ordine del giorno iniziale in seguito all’evoluzione normativa degli ultimi mesi.

Il responso favorevole della Sala Quadri non ha tardato ad arrivare con i pieni voti della maggioranza; astensione dell’opposizione.

215 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online