Venerdì, 21 giugno 2024 - ore 16.21

(CR) MAHSA AMINI 1° anniversario della sua uccisione

I consiglieri comunali di Cremona Marenzi, Manfredini, Pasquetti e Zucchetti chiedono di dedicargli una via o un luogo pubblico.

| Scritto da Redazione
(CR) MAHSA  AMINI 1° anniversario della sua uccisione (CR) MAHSA  AMINI 1° anniversario della sua uccisione (CR) MAHSA  AMINI 1° anniversario della sua uccisione

(CR) MAHSA  AMINI1° anniversario della sua uccisione

 I consiglieri comunali di  Cremona Marenzi, Manfredini, Pasquetti e Zucchetti chiedono di dedicargli una via o un luogo pubblico.

Domani ricorre il primo anniversario della morte di Mahsa Amini , giovane donna iraniana morta per le torture e violenze subite dalla polizia morale iraniana per non aver portato correttamente il velo islamico.

Per ricordare lei e tutte le donne iraniane, afgane e di ogni parte del mondo che sono morte e ancora muoiono per essere donne libere e senza pregiudizi, si è pensato di proporre alla commissione toponomastica la dedicazione di una via o luogo pubblico.

A tal fine è stato depositato oggi all’Ufficio Protocollo del Comune il documento allegato

Cremona, 15 Settembre 2023

ALLA     COMMISSIONE   TOPONOMASTICA

Proposta di intitolazione via/piazza/giardino ecc.

I sottoscritti Consiglieri Comunali propongono alla Commissione Toponomastica di intitolare una via, o piazza, o giardino, o parco o altro spazio pubblico a

MAHSA  AMINI

donna iraniana di 22 anni, nata a Saqqez (Kurdistan iraniano) il 21 Settembre 1999,  morta a Teheran il 16 settembre del 2022  per le  conseguenze delle punizioni e torture  inflitte dalla polizia morale iraniana, poichè trovata a non portare correttamente il velo islamico.

Mahsa , di origine curda, è stata arrestata a Teheran mentre era in vacanza con la sua famiglia. Era appena stata ammessa all’università e voleva diventare avvocato.

 Già il  Consiglio Comunale di Cremona, nella seduta del 17 Febbraio 2023, ha  aderito  alla campagna promossa dall’ANCI per la Giornata internazionale  della donna dell’8 marzo 2023:

-promuovendo iniziative di informazione sui diritti negati nei confronti delle donne , delle ragazze e delle bambine in Afghanistan e Iran

-intraprendendo iniziative di sensibilizzazione e favorendo l'impegno delle Commissioni Pari Opportunità comunali e/o delle Consulte

-prevedendo l’intitolazione di una strada alle donne vittime del terrorismo di stato o che hanno combattuto per la libertà e democrazia per i diritti delle donne.

 In deroga al regolamento, si richiede di ricordare da subito Mahsa Amini, in quanto simbolo  della lotta per la democrazia, per l’emancipazione  femminile e per la libertà di espressione e della difesa dei diritti umani.

Cinzia Marenzi

Enrico Manfredini

Lapo Pasquetti

Franca Zucchetti

 

405 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online