Mercoledì, 27 gennaio 2021 - ore 20.11

Crema Precisazioni del comune in merito al comportamento della PL verso il disabile seduto al bar

Sta circolando una storia, pubblicata dalla testata Crema-news nonché da un blog locale solito a rappresentazioni alterate dei fatti, che va corretta per onore di precisione e per il buon nome della Polizia locale di Crema, colpevole secondo questi articoli di non aver avuto riguardo per una persona con disabilità motoria. Un resoconto falso.

| Scritto da Redazione
Crema Precisazioni del comune in merito al comportamento della PL verso il disabile seduto al bar

Crema Precisazioni del comune in merito al comportamento della PL verso il disabile seduto al bar

Sta circolando una storia, pubblicata dalla testata Crema-news nonché da un blog locale solito a rappresentazioni alterate dei fatti, che va corretta per onore di precisione e per il buon nome della Polizia locale di Crema, colpevole secondo questi articoli di non aver avuto riguardo per una persona con disabilità motoria. Un resoconto falso.

Innanzitutto, gli agenti di Polizia locale sono intervenuti in un esercizio su richiesta di intervento dei Carabinieri, i quali erano stati chiamati da un cittadino che evidenziava la violazione della norma che prevede la chiusura dell'attività dei bar, che possono servire i clienti soltanto per asporto e senza la sosta nei pressi del locale. Un principio netto e incontrovertibile del DPCM del 3 novembre.

Quando gli agenti sono arrivati sul posto, peraltro noto alla PL perché già sanzionato recentemente per aver servito un avventore al tavolo (altra omissione del racconto) hanno effettivamente trovato la persona seduta al tavolo intenta a bersi il caffè; azione che ha repentinamente interrotto quando ha notato gli agenti. Va precisato che gli agenti di polizia locale hanno anche tranquillizzato il cliente dicendogli di concludere pure la consumazione, e che il medesimo non è stato sanzionato.

Per quanto riguarda invece l'esercizio commerciale, è stato ammonito circa il fatto che l'eventuale seconda sanzione – che non è stata comminata – avrebbe comportato la chiusura, come da regolamento.

In sintesi: il cliente non è stato costretto ad andarsene, proprio per la particolare condizione, e il bar non è stato sanzionato ma soltanto ammonito per un comportamento incoerente con il decreto vigente e che tutti sono chiamati a rispettare. Non si trova, come si pretenderebbe, un comportamento “oltre le intenzioni del legislatore”, né si può raccontare che il titolare del bar sia stato maltrattato – quando invece la sua infrazione non è stata sanzionata, preferendo un supplemento di informazione – e soprattutto non c'è stato alcun atteggiamento scorretto verso una persona costretta dalle stampelle.

La Polizia locale di Crema è impegnata ogni giorno nelle sue attività di controllo, che hanno l'unico scopo di salvaguardare la salute di tutti, compresa quella di chi per superficialità pensa che esistano stati di eccezione. Peccato però che il virus eccezioni non ne faccia.

Ufficio stampa del Comune di Crema

871 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online