Lunedì, 27 gennaio 2020 - ore 13.27

Cremona 130° nascita Don Primo :Il grido di Mazzolari e papa Francesco uniti contro l’indifferenza e la guerra

Lo scorso 12 gennaio 2020, si è svolta al Boschetto (Cremona) nella cascina natale don Primo Mazzolari, per la 13° volta consecutiva, la celebrazione in ricordo del 130° anniversario dalla nascita.

| Scritto da Redazione
Cremona 130° nascita Don Primo :Il grido di Mazzolari e papa Francesco uniti contro l’indifferenza e la guerra Cremona 130° nascita Don Primo :Il grido di Mazzolari e papa Francesco uniti contro l’indifferenza e la guerra Cremona 130° nascita Don Primo :Il grido di Mazzolari e papa Francesco uniti contro l’indifferenza e la guerra Cremona 130° nascita Don Primo :Il grido di Mazzolari e papa Francesco uniti contro l’indifferenza e la guerra


Cremona 130° nascita Don Primo :Il grido di Mazzolari e papa Francesco uniti contro l’indifferenza e la guerra

Lo scorso 12 gennaio 2020,  si è  svolta al Boschetto (Cremona) nella cascina natale don Primo Mazzolari, per la 13° volta consecutiva,  la celebrazione  in ricordo del 130° anniversario dalla nascita.

 I temi posti al centro della celebrazione sono stati: fermiamo la corsa al riarmo nucleare, l’escalation della violenza in Medioriente e l’uso della forza nella scena internazionale  fermando la guerra in Rojava e in Libia, è necessario salvare  la Terra ascoltando il grido dei poveri e dell’Amazzonia.

I vari relatori hanno accostato il grido di Mazzolari e papa Francesco uniti contro l’indifferenza e la guerra

Sono Interventi   Marco Pezzoni Tavola della pace Cremona, Don Antonio Agnelli Assistente Spirituale ACLI Cremona, Don Mario Aldighieri  già missionario in Brasile e Giuseppe Torchio Sindaco di Bozzolo  sede della Fondazione Don Mazzolari

Nel chiudere l’iniziativa Marco Pezzoni ha ricordato come Hiroshima e Nagasaki siano la prova concreta dell’assurdità delle armi atomiche .

Da Cremona, nei prossimi giorni partirà, anche in vista della marcia Perugia-Assisi  del prossimo 11 ottobre 2020 un appello forte per fermare la nuova costruzione delle armi nucleari e per la distruzione delle stesse.

In particolare si chiede a tutte le forze politiche e al Parlamento italiano di rispettare l'articolo 11 della Costituzione italiana, di impedire la vendita di armi a Paesi in conflitto, di prendere in seria considerazione e discutere il nuovo Trattato internazionale  di totale messa al bando di ogni tipo di arma nucleare, Trattato promosso nel 2017 dall'Onu, ratificato da molti Paesi poveri ma non dall'Italia.

L’iniziativa è stata promossa in collaborazione con la Tavola della pace di Cremona ACLI provinciali, Pax Christi, Forum per la pace e il diritto dei popoli “Primo Mazzolari”, Forum delle idee, Cremona nel mondo, Movimento Federalista Europeo.

All'incontro era presente una delegazione della comunità Pakistana di Cremona 

Video di Gian Carlo Storti welfare cremona 12 gennaio 2019

Tutti gli altri video dei sito del welfare li trovi qui https://www.welfarenetwork.it/video/

 

7534 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online