Domenica, 26 gennaio 2020 - ore 02.37

Cremona: il 17 e 18 novembre due appuntamenti alla Libreria del Convegno

Sabato 17 esposizione personale di Dicre, opere in cartone, e domenica 18 presentazione del libro "Il candore" di Givanni Peli.

| Scritto da Redazione
Cremona: il 17 e 18 novembre due appuntamenti alla Libreria del Convegno

SABATO 17 NOVEMBRE ORE 17.30 ESPOSIZIONE PERSONALE DI DICRE - CARTONE

Giuseppe Dicrescenzo, al secolo DICRE, presenterà la sua esposizione personale di opere realizzate interamente in cartone.

I modelli, da Mirò a Kandiskij, passando attraverso il materico di Paul Klee, danno vita a opere di uan visionaria semplicità, che esprimono però al tempo stesso, la complessità dei nostri giorni, senza risparmiare, sferzanti e ironici accenti di critica sociale.

DOMENICA 18 NOVEMBRE ORE 17 - PRESENTAZIONE DEL LIBRO "IL CANDORE" DI GIOVANNI PELI

Editore, musicista e bibliotecario, oltre che scrittore,

Giovanni Peli, con ,"Il candore", ci regala un libro che sta a metà fra linearità e ridondanze barocche di stile, che esprimono l'incontro scontro di diversi periodi storici, generazioni e personalità, che dalla loro unione, deformano il reale, regalandoci sfaccettati e variegati punti di vista della storia, narrata nel suo svolgersi dai diversi personaggi che la compongono. 

Il tutto si svolge fra la Brescia rurale e cittadina.

605 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Cremona Al Ponchielli   L’Heure espagnole di Maurice Ravel e Gianni Schicchi di Giacomo Puccini il 17 e 19 gennaio 2020

Cremona Al Ponchielli L’Heure espagnole di Maurice Ravel e Gianni Schicchi di Giacomo Puccini il 17 e 19 gennaio 2020

La Stagione d’Opera 2019.20 del Teatro Ponchielli si chiude con l’effervescente dittico composto da L’Heure espagnole di Maurice Ravel e Gianni Schicchi di Giacomo Puccini. I due capolavori del repertorio comico del Novecento andranno in scena venerdì 17 gennaio (ore 20.30) e domenica 19 gennaio (ore 15.30), per la regia di Carmelo Rifici direttore artistico di LuganinScena e la direzione d’orchestra di Sergio Alapont, uno dei direttori di spicco della sua generazione.