Lunedì, 09 dicembre 2019 - ore 21.28

Cremona in onda su Rai Uno

| Scritto da Redazione
Cremona in onda su  Rai Uno

Due servizi, alle 9,30, all’interno del format “Magica Italia”
Domenica mattina Cremona in onda su  Rai Uno
Presentare eccellenze artistiche e stile di vita all’ombra del Torrazzo
“Magica Italia” racconta, domenica mattina, su Rai Uno, alle nove e mezza, il fascino di Cremona, delle sue bellezze e della sua storia, della cultura e delle tradizioni. “Un incanto – commenta la registra Gabriella Morandi -  che la città sa esercitare con garbo ed eleganza”. I due giorni, poco prima di Natale, in cui la troupe si è trattenuta a Cremona sono stati, per la regista,  ricchi di sorprese perché, come spiega lei stessa “ogni angolo ha una storia da raccontare”.
“Mi hanno colpito le botteghe del centro, in particolare quelle storiche – continua Gabriella Morandi -. Qui si percepisce il valore e l’orgoglio per le proprie tradizioni. La città ha salvaguardato un gusto garbatamente retrò, non troppo esposto alle contaminazioni e alla omologazione. Lontana da circuiti più ampi, quasi isolata, Cremona ha saputo affrontare i cambiamenti imposti dai tempi mettendosi in gioco, dando spazio a una sua creatività. E’ una città che non è rimasta ferma, anzi che ha saputo sviluppare una sua genialità trasformando quella che poteva apparire come un punto di debolezza in un valore aggiunto”.
Dei due servizi in programma in questa puntata (un terzo andrà in onda la prossima domenica e sarà dedicato alla liuteria) uno è dedicato proprio a far emergere il carattere di Cremona e della sua gente. Un viaggio nelle vie che, a raggiera, partono da piazza del Comune. E, accanto alle immagini, c’è la testimonianza dello scrittore Vittorio Cozzoli che con raffinata sensibilità indaga il carattere della nostra gente. Nello stesso servizio si parla anche di cucina e gastronomia. “Magica Italia” si è lasciata guidare alla scoperta dei sapori della tradizione da Carla Bertinelli Spotti, storica ed autrice di numerose pubblicazioni, che ha aperto la sua “cucina” alle telecamere proprio nei giorni in cui si stavano preparando i pranzi del Natale e delle feste.
Un secondo blocco dedicato a Cremona, invece,  invita alla scoperta delle bellezze artistiche e culturali. Si inizia da piazza Duomo, con il racconto della storica dell’arte Sonia Tassini. Passeggiando sotto i portici della Cattedrale ha raccontato la piazza Medioevale, soffermandosi anche sul Comune, il Torrazzo e sul Battistero Non poteva mancare, poi, uno spazio dedicato al Teatro Ponchielli, con la sovrintendente Angela Cauzzi a raccontare la “piccola Scala” e il suo significato per i cremonesi. Perché, come ha sottolineato anche la regista, “la musica, in città, è presente ovunque, ne definisce quasi l’identità”.
Insieme a Cremona, il “timone” della puntata di domenica, prevede anche un servizio su Palazzo Chigi ad Ariccia: esempio unico di dimora barocca rimasta inalterata nei secoli, a documentare il prestigio di una delle più grandi casate papali italiane: i Chigi, appunto. E, infine, uno spazio è dedicato al Mart di Rovereto e alla mostra sulle sculture di Modigliani.
Magica Italia”, che viene trasmesso anche da Rai International,  è sostenuto direttamente dal Ministero del Turismo. Proprio Eugenio Magnani, dirigente del Ministero, venuto a Cremona in occasione del convegno sul turismo promosso dall’Ascom, ha deciso di inviare la troupe e fare della città una tappa del “viaggio in un’Italia che non ti aspetti”. Oltre alla seconda puntata sulla liuteria già in programma, Cremona sarà protagonista anche della rivista Ulisse, grazie ad Aldo Canale che ne è il direttore responsabile, oltre che autore del programma Rai.

fonte: ASCOM Cremona
cr 7 gennaio 2011

1507 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

BES ‘Benessere equo e sostenibile nella Provincia di Cremona – anno 2019’

BES ‘Benessere equo e sostenibile nella Provincia di Cremona – anno 2019’

Nel 2017 l’aspettativa di vita a Cremona si attesta sugli 83 anni, stesso valore registrato in Lombardia e in Italia. I giovani che non lavorano e non studiano (Neet) sono il 13,5% della popolazione, un valore inferiore al dato regionale e nazionale. Benessere economico in linea con il dato nazionale e regionale (seppur leggermente inferiore a questo). Bene i servizi socio-sanitari e di pubblica utilità