Lunedì, 15 luglio 2019 - ore 21.53

Cremona: Oltre 200 partecipanti all'evento di apertura della terza edizione di Youngle Context

I relatori si sono confrontati sull'importanza delle soft skills per le nuove generazioni, nel nuovo scenario delle professioni del futuro dell’economia 4.0 e sull'orientamento come attività di guida e relazione tra mondo della formazione e mondo del lavoro.

| Scritto da Redazione
Cremona: Oltre 200 partecipanti all'evento di apertura della terza edizione di Youngle Context

Cremona: Oltre 200 partecipanti all’evento di apertura della terza edizione di Youngle Context

I relatori si sono confrontati sull’importanza delle soft skills per le nuove generazioni, nel nuovo scenario delle professioni del futuro dell’economia 4.0 e sull’orientamento come attività di guida e relazione tra mondo della formazione e mondo del lavoro.

Cremona, 5 febbraio 2019 - Oltre duecento persone hanno partecipato questa mattina, nella Sala Maffei della Camera di Commercio, all’evento di apertura della terza edizione di Youngle Context: Orientamento, soft skills, nuove professioni e competenze 4.0, iniziativa promossa dal Comune di Cremona – Agenzia Servizi Informagiovani, Prefettura – Ufficio territoriale del Governo di Cremona, dall’ATS Val Padana, dall’ASST di Cremona in collaborazione con il Liceo Scientifico “Gaspare Aselli”. Erano presenti docenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado, esperti in orientamento e psicologi, educatori, operatori dei servizi al lavoro, rappresentanti di aziende, delle principali istituzioni del territorio e delle organizzazioni sindacali sindacali, oltre agli studenti delle classi VD BIO del Liceo “Anguissola”, della III Articolata dell’Istituto “Ghisleri”, della IV B Linguistico del Liceo “Manin” e a una rappresentanza di studenti delle classi terse del Liceo Scientifico “G. Aselli”.

Nel corso dei lavori, coordinati da Maria Carmen Russo, responsabile del Servizio Università–Informagiovani del Comune di Cremona, si sono alternati relatori di comprovata esperienza a livello nazionale e internazionale che si sono confrontati sull’importanza delle soft skills per le nuove generazioni, nel nuovo scenario delle professioni del futuro dell’economia 4.0 e sull’orientamento come attività di guida e relazione tra mondo della formazione e mondo del lavoro.

Nel suo saluto ai presenti il Sindaco Gianluca Galimberti ha sottolineato l’importanza di investire sul capitale umano, sull’umanità, sulla personalità, su ciò che una persona porta dentro di sé, sulle competenze che ogni giovane deve poter coltivare nel percorso scolastico così da metterle a disposizione nei vari contesti. Questo, secondo il Sindaco, deve essere lo scopo dell’orientamento e della formazione.

“La terza edizione di Youngle Context – ha dal canto suo dichiarato la Vice Sindaco con delega all’Istruzione Maura Ruggeri - muove dalla consapevolezza che i ragazzi oggi vivono processi di cambiamento rapidissimi come mai nel passato. È necessario dunque un lavoro di confronto per affrontare insieme questa complessità e orientarci così verso il futuro. Una delle cause della disoccupazione giovanile è la distanza tra scuola e mondo del lavoro. Noi pensiamo che l’approccio corretto sia quello formativo ed educativo, dove si valorizzano il fare e la conoscenza del mondo del lavoro e da questi presupposti siamo partiti per progettare i nostri percorsi di orientamento ed alternanza scuola - lavoro”.

A seguire i saluti dei rappresentanti delle istituzioni partner del progetto. Per Alfonso Sadutto, Viceprefetto Aggiunto e Capo di Gabinetto della Prefettura, iniziative come Youngle Context rappresentano un'occasione unica di confronto per agevolare le nuove generazioni nel rapportarsi con le professioni del futuro e con le particolari competenze che richiedono. Salvatore Mannino, Direttore Generale ATS Val Padana, ha sottolineato come le competenze trasversali siano un perno per la promozione e la tutela della salute dei nostri giovani e la scuola. Dal canto suo Paola Mosa, Direttore Socio Sanitario ASST di Cremona si è concentrata sul dialogo avviato con gli adolescenti attraverso il progetto “Youngle” che vede coinvolti i peer educator in particolare attraverso lo sportello online di consulenza dove ragazzi rispondono alle richieste loro coetanei. Infine, per Laura Parazzi, Dirigente Scolastico del Liceo Scientifico "Gaspare Aselli", il mondo della scuola si sta già da tempo muovendo sul tema dell’orientamento: ora più che mai occorre puntare in tale direzione ed il lavoro di rete svolto è stato importante per consentire alle realtà scolastiche coinvolte di avviare progettualità finalizzate a valorizzare le competenze.

Le tematiche affrontate dai relatori sono state introdotte dagli esperti dell’Agenzia Servizi Informagiovani del Comune di Cremona Luca Beltrami, Rosella Ziglioli e Sara Rota.

Roberto Rocchi, Human Resources Trainer e General Manager Goodluckform Alternative Training, primo dei relatori ad intervenire, ha analizzato soft skills (competenze trasversali) quali capacità di risolvere problemi complessi, creatività e apertura mentale, pensiero critico (trovare soluzione alternativa e argomentazione), flessibilità e capacità di adattamento, capacità di comunicare ed intelligenza emotiva e la gestione delle emozioni. Si tratta di aspetti importanti nel mondo del lavoro, indispensabili a veicolare in modo corretto le competenze tecniche acquisite. Rocchi ha inoltre dato alcuni suggerimenti su come coinvolgere i ragazzi utilizzando un approccio interattivo.

E’ stata poi la volta di Laura Nota, Presidente della Società Italiana Orientamento e dell'European Society for Vocational Designing and Career Counseling, Delegata del Rettore dell'Università di Padova per l'Inclusione e la Disabilità, che nel suo intervento ha messo in evidenza le sfide da affrontare nell’ambito dell’orientamento. Il macrosistema che caratterizza la nostra vita è influenzato e messo in crisi da alcuni fenomeni come la globalizzazione, lo sviluppo delle nuove tecnologie, la precarizzazione. Tutto questo favorisce l’aumento delle diseguaglianze tra le persone. Pertanto l’orientamento inclusivo è l’approccio consigliato: fornire alle persone gli strumenti per fronteggiare le difficoltà e l’incertezza.

Il sistema di istruzione alla prova delle competenze è l’argomento trattato da Stefano Molina, Dirigente di ricerca della Fondazione Giovanni Agnelli di Torino. Molina è partito da un’analisi di alcune caratteristiche del sistema italiano di istruzione. La scuola, che prima era solo luogo della trasmissione delle conoscenze, deve diventare luogo della costruzione delle competenze. Le nuove tecnologie, come dimostrano numerosi studi, stanno profondamente modificando gli equilibri del mercato del lavoro e la futura domanda di competenze. Secondo Stefano Molina in Italia si è fatto sino ad ora un uso prevalentemente retorico dell’idea di competenze che non è riuscito a incidere sulla qualità dell’istruzione.
 Molto dunque rimane da fare per adattare la didattica e offerta formativa alle sfide attuali e molto dipende anche dallo sviluppo della professione docente che deve essere sempre più indirizzata alla ricerca educativa. 


Per Francesco Seghezzi, Direttore Fondazione ADAPT, l’ndustria 4.0 è la nuova rivoluzione industriale. Oggi tutto produce dati: la conoscenza delle preferenze dei consumatori permette di offrire servizi, prodotti ed esperienze personalizzati. La tecnologia sta portando ad un’evoluzione dei modelli produttivi che vanno in questa direzione. Seghezzi è del parere che che la tecnologia non toglierà lavoro, il problema è progettare il nuovo lavoro: l’istruzione e la scuola hanno questo compito.

In conclusione Maria Carmen Russo, responsabile del Servizio Università–Informagiovani del Comune di Cremona ha presentato il ricco calendario di incontri, seminari, workshop, eventi e approfondimenti dedicati all’orientamento, alle soft skills, alle nuove professioni e alle competenze 4.0 inseriti nel programma della terza edizione di Youngle Context che proseguirà fino a maggio 2019.

Le iniziative proposte sono pensate per target definiti: docenti, operatori di settore e del mondo economico, giovani, famiglie e tutti coloro che sono interessati ai temi trattati.

Il calendario completo e in aggiornamento costante, è accessibile dal sito https://informagiovani.comune.cremona.it

Per i docenti partecipanti è previsto il rilascio dell'attestato di frequenza valido per la formazione ai sensi della Legge 107/2015.

Tutte le iniziative in programma sono gratuite ad iscrizione obbligatoria. Le indicazioni dettagliate sulle sedi e le modalità di partecipazione sono pubblicate su https://informagiovani.comune.cremona.it

 

352 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online