Martedì, 28 giugno 2022 - ore 04.28

CremonaPride Tant3 cittadin3 in corteo contro le discriminazioni | GCStorti

Il 1° CremonaPride ha visto tant3 cittadin3 in corteo contro le discriminazioni. Un fatto di grande importanza politica e sociale che fa avanzare il senso civico nella nostra città

| Scritto da Redazione
CremonaPride Tant3 cittadin3 in corteo  contro le discriminazioni | GCStorti CremonaPride Tant3 cittadin3 in corteo  contro le discriminazioni | GCStorti CremonaPride Tant3 cittadin3 in corteo  contro le discriminazioni | GCStorti CremonaPride Tant3 cittadin3 in corteo  contro le discriminazioni | GCStorti

CremonaPride Tant3 cittadin3 in corteo  contro le discriminazioni | GCStorti

 Il 1° CremonaPride ha visto tant3 cittadin3 in corteo  contro le discriminazioni. Un fatto di grande importanza politica e sociale che fa avanzare  il senso civico nella nostra città

Ha ragione il sindaco Galimberti quando scrive “Questa manifestazione accende anche nella nostra città un faro su discriminazioni che esistono ancora, dà la possibilità di esprimersi senza attaccare, consente di riaffermare che davvero occorre la pari dignità di tutti i cittadini senza distinzione di sesso, come recita anche la nostra Costituzione. Occorre costruire, sì anche a Cremona, una democrazia che sia inclusiva e accogliente delle diversità. Perché la paura e l’odio per una diversità porta sempre alla paura e all’odio di tutte le diversità’.

Certo vi sono anche i critici e gli scandalizzati.

Molto rumore ha fatto ‘la Madonna a sedi nudi portata in corteo’ che ha visto intervenire  non solo il centrodestra ( scontato !!) ma anche il cav. Giovanni Arvedi, che come riporta l’Ansa , avrebbe commentato "questi simboli non hanno nulla a che vedere con la legittima tutela dei diritti e la lotta all'omofonia e alle discriminazioni. Sono immagini stonate perché offendono la sensibilità altrui', esprimendo "stupore e rammarico" per il fatto che nessuna autorità sia intervenuta (**)

Ogni battaglia per l’ avanzamento sociale porta in se anche delle provocazioni ( ricordate il Pannella) e del cattivo gusto che può offendere alcune fasce di cittadini che non condividono in tutto o in parte alcuni contenuti di queste manifestazioni.

Ma è necessario costruire anche a Cremona “ una democrazia che sia inclusiva e accogliente delle diversità. Perché la paura e l’odio per una diversità porta sempre alla paura e all’odio di tutte le diversità” .

Sappiamo quanti sono i ragazzi gay o le ragazze lesbiche che sono buttati fuori di casa dai genitori?

Come intervengono i servizi sociali su queste questioni ? In altre città  la struttura pubblica organizza luoghi e spazi dove accogliere questi cittadini che ancor prima di essere discriminati dalla società sono respinti dalle loro famiglie .

E’ anche su questo che bisogna lavorare in concreto.

Quella di sabato 4 giugno è stata per Cremona una data molto importante. Per questo credo sia giusto ringraziare gli organizzatori ( del circolo Arcigay di Cremona) che hanno saputo in un anno di duro impegno costruire un percorso che ha visto coinvolgere anche le istituzioni.

Se poi il centrodestra ed altri fanno e faranno critiche è giusto ascoltarli , siamo in democrazia, ma non per questo rinunciamo ai valori sanciti  in modo forte e deciso dalla nostra Costituzione Repubblicana che abbiamo ricordato il 2 giugno.

Cremona 5 giugno 2022

 

** fonte : https://www.ansa.it/lombardia/notizie/2022/06/05/pride-a-cremona-polemiche-per-madonna-a-seni-nudi-a-corteo_29f22632-133b-4e42-803a-30da3d9644cb.html#:~:text=Sotto%20accusa%2C%20in%20particolare%2C%20l,il%20patrocinio%20concesso%20all'evento .

294 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online