Sabato, 15 maggio 2021 - ore 19.18

DANTE ALIGHIERI IN DIALETTO CREMONESE (3) | Sergio Marelli

QUÀART CÀANT DEL “DIVINO POEMA”

| Scritto da Redazione
DANTE ALIGHIERI IN DIALETTO CREMONESE (3) | Sergio Marelli

DANTE ALIGHIERI IN DIALETTO CREMONESE (3) | Sergio Marelli

QUÀART CÀANT DEL “DIVINO POEMA”

Volendo rendere omaggio alla memoria di Sergio Marelli (1925-1996),  appassionato traduttore in dialetto cremonese della “Divina Commedia” di Dante Alighieri, dopo aver riportato stralci della versione del Primo Canto e del Terzo Canto dell’Inferno da lui trascritta in vernacolo urbano, continueremo in tale disamina, portando ora l’attenzione dei lettori sul Quarto Canto della grande opera dantesca, riguardante “El Prìm Serciòon de ‘l Infèerno - El Lìimbo”.

  Prìm Serciòon de ‘l Infèerno. – El Lìimbo. El gràn tròon el deséda el poéeta, che ‘l se tróoa a ‘l imprüìiša de là de ‘l Acheróonte, in de ‘l Lìimbo, pròpia ‘ndùa s’cumìincia el prìm serciòon de ‘l Infèerno. Virgìilio el dìis a Dàante che bišögna andàa püsèe šó, ma Dàante el se féerma perché el vèt che la so guìida l’è diventàada smòorta tà’me na pésa lavàada.

  E alùura Virgìilio el ghe dìis che ‘l próoa en gràn dispiašéer per chéi che gh’è là de sóta: i mìia batešàat. El ghe dìis àanca che Géšö Crìst ‘l èera rìivàat šó in de’l Lìimbo a liberàa le ànime che alùura j éera amò là.

  Intàant Dàante e Virgìilio i rìiva in de ‘n pòst töt ilüüminàat, in dùa ghe véen incóontra Oméero, Ovìidio, Oràsio e Lucàano. Töti sées inséma i và dèenter in de’n Castél che ‘l gh’àa sèt gìir de müüra, e chì töti i ghe fa véder a Dàante chéi che se ciàma “Spiriti Magni”, che j è diventàat famùus in vìta. Pasàat el castél, Dàante e Virgìilio i và sèemper püsèe dèenter in de ‘l Infèerno.

 

ENTRATA NEL PRIMO CERCHIO. Un greve tuono sveglia il poeta, che si trova all’improvviso oltre l’Acheronte, nel Limbo, proprio dove inizia la prima regione infernale. Virgilio spiega a Dante che bisogna scendere più sotto, ma Dante si ferma perché si accorge che la sua guida è diventata pallida in viso. Ed allora Virgilio gli confida che sta provando un gran dispiacere per quelli che sono là sotto: i non battezzati. Gli dice pure che Gesù Cristo è arrivato giù nel Limbo a liberare le anime che erano ancora là. Intanto Dante e Virgilio arrivano in un posto tutto illuminato, dove vengono loro incontro Omero, Ovidio, Orazio e Lucano. Insieme tutti e sei entrano nel Castello che ha sette giri di mura, e qui tutti mostrano a Dante quelli che vengono chiamati “Spiriti Magni”, che sono diventati famosi in vita. Passato il castello, Dante e Virgilio proseguono sempre più dentro nell’Inferno.

 

  PRIMO CERCHIO D’INFERNO – IL LIMBO

Ruppemi l’alto sonno nella testa

un greve tuono, sì ch’io mi riscossi,

come persona ch’è per forza desta;

e l’occhio riposato intorno mossi,

dritto levato, e fiso riguardai

per conoscer lo loco dov’io fossi.

Vero è che in su la proda mi trovai

della valle d’abisso dolorosa,

che tuono accoglie d’infiniti guai.

Oscura, profonda era e nebulosa

tanto che, per ficcar lo viso al fondo,

io non vi discerneva alcuna cosa.

“ Or discendiam quaggiù nel cieco mondo,”

cominciò il poeta tutto smorto:

“Io sarò primo e tu sarai secondo.”

E io, che del color mi fui accorto,

dissi:” Come verrò se tu paventi,

che suoli al mio dubbiare esser conforto?”

Ed egli a me: “L’angoscia delle genti

che son quaggiù nel viso mi dipigne

quella pietà che tu per tema senti.

Andiam, chè la via lunga ne sospigne!”.

Così si mise e così mi fè entrare

Nel primo cerchio che l’abisso cigne.

 

PRÌM SERCIÒON DE ‘L INFÈERNO – EL LÌIMBO

Per desedàase i gh’à dupràat... en tròon

(le svéelie lé dèent, le gh’éera mìia)

e bèl ripušàat e svèelt tà’me ‘n bèl tòon,

fòo tàa’me chél che intùurno el vàarda e el spìia,

per capìi, se in chél pòost, gh’éera chél bòon.

Me tróovi in sö la rìiva de na büüša, sìa

tàant fóonda l’éera, sìa töta scüüra

che dèent, vedìivi pròpia gnèent de gnèent.

“Gh’ùm de ‘ndàa chì dèent...sé... sicüüra!”

Dìis el Maèester (mé batìivi i dèent)

e dìghi: “Ma... àan’ té te gh’èet paüüra...”.

“Ma nò” ‘l dìis “sóol la cumpasiòon per chéesta gèent

la me fa végner, la fàcia sculurìida!

Stà sö de còorda! Per prìm vòo mé, véame adrée

e vìighe mìia paüüra! Chéle gèent chì, le crìida

àan se le ciàpa mìia sö, perché chìi tèemp chì indrée

le gh’àa mìia vìit el Batéešim: ‘l è la vìida

che te sàalta davàanti e pò didrée”.

Fòo a’l me Maèester: “Scùulteme en pòo,

gh’è màai scapàat nisöön de sta cantìna

per andàa sùura ripušàase el còo?

Lüü el gh’àa mangiàat la fója, téesta fìna

e: “Vulentéera te dìghi chél che sòo

e cùma la lége de’l Signùur camìna.

Gh’ò vìst chì végner na Putèensa strepitùuša

che gh’à tràt jà Adàm cu’l fióol. Noè,

Dàvide e Abràm. Israél, i fióoi e la spùuša

e el gh’àa tiràat adrée àanca Mošè

e tàanti àalter, töta gèent famùuša

e ‘l j à purtàat in céel indùa lüü ‘l è.

 PRIMO CERCHIO DELL’INFERNO – IL LIMBO. Per svegliarsi hanno usato... un tuono/ (le sveglie là dentro non c’erano)/ e bel riposato e svelto come un bel tonno,/ faccio come quello che intorno guarda e spia,/ per capire, se in quel posto, c’era quello buono./ Mi trovo sulla riva di una buca, / tanto fonda era e tutta scura/ che dentro, (non) vedevo niente di niente./ “Dobbiamo entrare qui dentro... sì... di sicuro!”/ Dice il Maestro (io battevo i denti)/ e dico: “Ma... anche tu hai paura...” “Ma no”, risponde, “ (è) solo la compassione per questa gente/ (che) mi fa venire la faccia scolorita! Sta su, coraggio! Per primo vado io, vienimi dietro/ e non  aver paura! Quelle genti qui piangono/ anche se non vengono malmenate, perché nei tempi passati/ non hanno ricevuto il Battesimo: “è la vite che ti salta davanti e poi di dietro”./ Dico al mio maestro: “Ascoltami un po’, non è mai scappato nessuno da questa cantina/ per andare di sopra a riposarsi un po’?”.  Lui ha mangiato la foglia, testa fine/ e “Volentieri ti dico quel che so/ e come la legge del Signore si muove./ Ho visto venire qui una Potenza strepitosa/ che ha portato via Adamo col figlio. Noè/, Davide e Abramo. Israele, i figli la sposa/ e si è portato con sé anche Mosè/ e tanti altri, tutta gente famosa/ e li ha condotti in cielo dove lui sta.// (Traduzione nostra)

Presentazione curata da Agostino Melega (Cremona)

396 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online