Giovedì, 09 luglio 2020 - ore 19.10

DISABILI GRAVI PILONI (PD), ‘RISULTATO IMPORTANTISSIMO, QUESTE FAMIGLIE MERITANO RISPETTO’

LA REGIONE DOVRÀ FARE MARCIA INDIETRO DOPO L’APPROVAZIONE A VOTO SEGRETO DELLA MOZIONE DEL PD

| Scritto da Redazione
DISABILI GRAVI  PILONI (PD), ‘RISULTATO IMPORTANTISSIMO, QUESTE FAMIGLIE MERITANO RISPETTO’

DISABILI GRAVI  PILONI (PD), ‘RISULTATO IMPORTANTISSIMO, QUESTE FAMIGLIE MERITANO RISPETTO’

LA REGIONE DOVRÀ FARE MARCIA INDIETRO DOPO L’APPROVAZIONE A VOTO SEGRETO  DELLA MOZIONE DEL PD

“L’approvazione della nostra mozione in Consiglio regionale è importantissima per tante famiglie che si trovavano a dover fare i conti con il pesantissimo taglio della Giunta leghista. L’assemblea ha fatto la sua parte e ha sconfessato la linea dell’assessore Bolognini, ma soprattutto ha ribadito che le persone disabili e le loro famiglie meritano rispetto. Ora vigileremo che la giunta regionale dia loro le risposte che si attendono.” Lo dichiara il consigliere regionale del Pd Matteo Piloni dopo l’approvazione a voto segreto (36 sì e 32 no) della mozione del Pd che chiede di rivedere la delibera regionale n. 2720, approvata l’antivigilia di Natale, con cui la Regione modificava in senso peggiorativo le misure dedicate ai disabili gravissimi. Ora, con l’approvazione della mozione del Pd, la Giunta dovrà ripristinare almeno le condizioni precedenti.

La delibera contestata, approvata il 23 dicembre, prendeva atto dell’aumento delle risorse stanziate dal Governo per le politiche regionali in favore dei disabili (da 71 a 91 milioni per il 2020), ma al contrario di quanto ci si aspetterebbe modificava in senso peggiorativo le misure dedicate ai disabili gravissimi (misura B1) a partire dal mese di febbraio 2020: veniva per la prima volta introdotta una soglia di reddito Isee di 50mila euro per la percezione del contributo (65mila in caso il beneficiario sia minorenne) e veniva abbassato il contributo minimo mensile da 600 a 400 euro. La quota aggiuntiva di 500 euro in caso di assunzione di un caregiver era invece vincolata ad un orario settimanale di servizio non inferiore alle 40 ore, con la conseguenza che chi ne aveva bisogno per un tempo più limitato non avrebbe avuto diritto a questa parte di contributo. Si consideri che il contributo complessivo era di 1100 euro a prescindere dalle ore di assistenza contrattate.

Milano, 14 gennaio 2020

434 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online