Martedì, 18 giugno 2019 - ore 01.07

ElezioniSindacoCremona2019 Luca Nolli (M5S): AEM e LGH Galimberti vende fumo

Siamo rimasti allibiti dalle parole proferite in conferenza stampa a riguardo della situazione di AEM e di LGH.

| Scritto da Redazione
ElezioniSindacoCremona2019 Luca Nolli (M5S): AEM e LGH  Galimberti vende fumo

ElezioniSindacoCremona2019 Luca Nolli (M5S): AEM e LGH  Galimberti vende fumo

Siamo rimasti allibiti dalle parole proferite in conferenza stampa a riguardo della situazione di AEM e di LGH.

Posto che il debito di AEM non è piovuto dal cielo, ma è dovuto a una gestione scellerata dell’azienda stessa, oggetto di drenaggio di capitali dal suo azionista Comune di Cremona e dalle controllate, riscontriamo l’ottusità con cui viene fatta passare per risanamento una (s)vendita di asset di valore, sia economico sia sociale per la comunità, della partecipata LGH, al principale competitor lombardo A2A (guarda a caso il cui 50% è di proprietà di Comuni governati dal PD), inspiegabilmente senza alcuna gara.

Ancora una volta ribadiamo che per AEM e il Comune sarebbe stato più strategico, per risanare il debito, puntare sulla cessione di quote di minoranza dei suoi asset con gare pubbliche, come anche stabilito da nientepopodimeno che dal TAR, e valorizzare strutture e processi di valore, gioielli che sarebbero senz’altro cresciuti se presieduti maggiormente, con una gestione oculata, alternativa alla cessione cieca e maldestra del pacchetto di maggioranza, comprensivo di autonomia e di strategia.

Qual è la visione prospettica e l’autonomia decisionale che il Comune vuole mantenere in un settore così strategico dal punto di vista economico, occupazionale e soprattutto ambientale, come quello energetico? Nessuna, il Comune vi ha rinunciato: su quell’ambito AEM, e di conseguenza il Comune, non vuole più avere alcuna voce in capitolo rispetto ad A2A e ne è dimostrazione la scomparsa delle varie società di business: LineaCom è già stata fusa nel Gruppo A2A, così come entro l’anno accadrà, da piano industriale, a Linea Più e LD Reti, e via via a tutte le altre.

La realtà è che AEM è una società svuotata: ha via via ceduto tutti gli asset, nel settore della gestione delle acque (ora in Padania Acque), del trasporto pubblico (ora in KM), dell’illuminazione pubblica (ora in Citelum), dell’ambiente e dell’energia (ora in A2A) e quel poco che è rimasto sul territorio cremonese è in realtà solo un presidio periferico di decisioni prese altrove, altro che polo per l’innovazione: invitiamo il sindaco Galimberti, oltre che ridere e sorridere nelle pose pubbliche, a confrontarsi nella concretezza con i tanti professionisti che lavora(va)no in LGH, in modo che si faccia una idea ben chiara dello scempio commesso ai danni della città.

Il Comune ha mantenuto, tramite AEM, solo le gestioni di forno crematorio e parcheggi, su cui giustamente l’azienda continuerà a puntare (ci si augura che lo faccia con piani industriali e non politici), ma a che prezzo ha preferito smarcarsi dalle attività energetiche e ambientali?

Cremona, lì 9/4/2019 M5s Cremona Luca Nolli (candidato Sindaco M5s Cremona) Maria Lucia Lanfredi (Consigliere comunale M5s Cremona)

310 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online