Lunedì, 16 maggio 2022 - ore 21.36

Emergenza Ucraina, il Comune di Cremona già attivo su più fronti

Con il coordinamento della Prefettura e in stretto contatto con realtà e istituzioni cittadine

| Scritto da Redazione
Emergenza Ucraina, il Comune di Cremona già attivo su più fronti

Emergenza Ucraina, il Comune di Cremona già attivo su più fronti

Con il coordinamento della Prefettura e in stretto contatto con realtà e istituzioni cittadine

Il Comune di Cremona, con il coordinamento della Prefettura e in stretto contatto con realtà e istituzioni cittadine, condivide un monitoraggio attento della presenza di cittadini ucraini in città. Lo sportello al POIS (Porta Informativa dei Servizi Sociali / Porta Unitaria di Accesso), in corso Vittorio Emanuele II, e i canali informativi stanno funzionando e il confronto continuo con le altre istituzioni consente di individuare bisogni e cercare soluzioni.

I numeri di cittadini ucraini, a ieri in città, sono pari a 43 persone (30 di sesso femminile), di cui 24 minori (tutti accompagnati, all'interno del proprio nucleo famigliare). Le persone sono “raggruppati” in dieci nuclei famigliari. Tutte le famiglie sono state informate, perché si rechino in Questura per la segnalazione della propria presenza e la dichiarazione di ospitalità. Stanno provvedendo in questi giorni.

Il monitoraggio e il contatto con gli ucraini già presenti in città consentono anche di fare previsioni su possibili prossimi arrivi, stimati al momento in 10 persone distribuite in due nuclei famigliari. Qualcuno trova soluzioni in altre province, altri hanno comunicato la decisione di rimanere in Polonia dove a volte trovano accoglienza. Ma tali previsioni, ovviamente, dipendono dall’evoluzione della situazione in Ucraina e nei paesi limitrofi e dai canali che, a livello del governo italiano, saranno attivati.

L’ospitalità è una delle questioni chiave in questo momento e fondamentale è anche la disponibilità di sostegno economico per garantire tale ospitalità: il Governo ha scelto gli strumenti consolidati dei CAS – Centri di Accoglienza Straordinaria (in appartamenti) e del SAI (Sistema Accoglienza Integrazione). La nostra città ha da tempo lavorato e molte energie sono state impiegate per sviluppare in particolare lo strumento del SAI. Sono stati resi disponibili 14 posti SAI. Altri appartamenti del Comune e di altre istituzioni cittadine stanno per essere predisposti per l’accoglienza. La Prefettura ha aperto un bando per individuare possibili gestori. In ogni caso si stanno cercando risposte ad alcuni bisogni urgenti di soluzioni alternative.

Il monitoraggio del Comune sta consentendo anche di cogliere e mettere a sistema le disponibilità di appartamenti da parte di privati. Al momento sono dieci le disponibilità pervenute per un totale di circa 15 posti.

I canali attivati consentono di individuare bisogni anche sanitari e di indirizzare le persone ad ATS e ASST: quest’ultima si è già attivata per quanto riguarda le vaccinazioni. E’ inoltre attivato il raccordo con la rete di solidarietà alimentare e contrasto alla povertà per i beni di prima necessità.

Per quanto riguarda il fronte scuola, costante è il contatto con l’Ufficio Scolastico Territoriale, sempre in coordinamento con la Prefettura, per tenere alta l’attenzione per quanto riguarda bambine e bambini.

Cremona, con la solita generosità, sta dunque rispondendo a questa grande tragedia che colpisce un popolo intero e uno Stato libero e indipendente, in un’Europa che deve ora essere unita più che mai e che certamente riconosce nelle città, come la nostra, luoghi privilegiati alle risposte di accoglienza e di aiuto alle sorelle e ai fratelli ucraini.

 

209 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online