Mercoledì, 03 giugno 2020 - ore 14.22

FI: tour operator per latitanti in Libano RAR

E' la "summa" della politica estera del pregiudicato Berlusconi.

| Scritto da Redazione
FI:  tour operator per latitanti in Libano   RAR

Berlusconi ha stretto amicizia con i peggiori dittatori del pianeta, perchè tra di loro si comprendono e possono maturare interessi comuni. Alcuni sono stati liquidati (Mubarak, Ben Alì e Gheddafi) altri sono ancora in carica come Putin e Gemayel. Mentre l'Europa, la Nato, e l'Alleanza Atlantica studiano misure penalizzanti per l'arroganza militare di Putin in Crimea, Berlusconi lo difende, malgrado, ancora, faccia parte del PPE. Malauguratamente, essendo stato capo dell'esecutivo in Italia, vantandosi di essere l'unico ad avere presieduto tre volte il G8, è al corrente di informazioni riservate a livello di difesa, cosa che lo rende pericoloso per la sicurezza europea e occidentale. A chi gli ha chiesto a chi darebbe il premio Nobel per la pace, ha risposto: "A Berlusconi, per avere portato la Russia in Occidente";

in Occidente Berlusconi può aver portato solamente le tangenti che percepisce dalla Russia che ci fa pagare il gas e il petrolio il 20% in più delle altre nazioni, fornendo, in cambio, preziose informazioni di cui è in possesso. Il PPE, impelagato nella esigenza di aver bisogno dei voti di FI nelle imminenti elezioni europee, ancora se lo tiene nelle proprie fila, diventando, di fatto, complice di quello che potrebbe fare con i segreti militari della NATO. Roba da Corte Marziale !

Rosario Amico Roxas

912 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

A proposito del Bàbila, poesia di Emilio Zanoni | Melega Agostino (Cremona)

A proposito del Bàbila, poesia di Emilio Zanoni | Melega Agostino (Cremona)

A proposito del Bàbila, ovvero il facchino giornaliero di Pieve San Giacomo, che uccise a colpi di coltello la moglie Cesira Ferrari la notte del 14 aprile 1889, scaraventandola poi nel Morbasco dal ponte sul viale Po, è stata scritta su di lui una composizione in dialetto da parte di Emilio Zanoni (1914-1995), che oltre ad essere stato parlamentare e sindaco di Cremona, si è proposto in privato pure come poeta vernacolare.